Salute 20 Settembre 2018

“Emergenza cancro”. Miani (Sima): «In Italia in aumento i tumori infantili. Inquinamento e stili di vita non corretti i maggiori fattori di rischio»

«Continuano a crescere i casi di leucemie, linfomi, cancro della mammella, dell’oro-faringe e dei polmoni. Nelle zone d’Italia più inquinate, in solo dieci anni, queste patologie sono aumentate fino al 90%». Alessandro Miani, presidente Sima, lancia l’allarme in occasione del convegno “Emergenza cancro-Fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti”

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Pesticidi, metaboliti di farmaci e di prodotti per la cura personale, diossina, amianto, petrolio, policlorobifenili e mercurio sono solo alcuni dei nuovi killer silenziosi, i principali responsabili di molti dei nuovi casi di tumore. Sostanze tossiche che, scaricate nelle acque reflue o tra i rifiuti, contaminano il nostro cibo e le nostre risorse idriche, con un grave impatto sulla salute dell’uomo.

In solo dieci anni le patologie oncologiche sono aumentate fino al 90%. L’incremento massimo, secondo i più recenti dati raccolti dal ministero della Salute, riguarda le zone d’Italia più inquinate. Il cancro alla tiroide, il tumore alla mammella e il mesotelioma sono i tumori più diffusi in queste aree.

«La contaminazione di acqua, aria e terra ha ricadute negative sul benessere dell’uomo ed è un fattore determinante nello sviluppo, oltre che di patologie oncologiche, anche  di malattie a carico dell’apparato respiratorio e cardiovascolare», ha spiegato Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) e docente di Prevenzione Ambientale del dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’università degli Studi di Milano.

LEGGI ANCHE: TUMORI, AMADORI (AIL): «IMMUNOTERAPIA E CAR-T STANNO RIVOLUZIONANDO LA CURA DI LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMI»

È stata proprio la Sima a promuovere il Convegno “Emergenza cancro-Fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti”, un’occasione di confronto tra oltre 60 rappresentanti di Governo, Parlamento, associazioni di consumatori, della scienza e dell’imprenditoria, riuniti per fare il punto sulle criticità nel rapporto tra ambiente e condizione fisica e proporre possibili soluzioni per ridurre gli effetti dell’inquinamento sulla salute e qualità di vita.

«Il dato più preoccupante di tutti – ha aggiunto Miani – riguarda i nostri figli e i nostri giovani: la maggiore incidenza di tumori si registra nei bambini tra 0 e 14 anni e negli adolescenti tra i 15 e i 19 anni nell’area del Sud Europa che comprende, oltre all’Italia, Cipro, Malta, Croazia, Spagna e Portogallo (i dati sono emersi da uno studio condotto in 62 Paesi dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc), in collaborazione con l’Associazione Internazionale dei Registri del Cancro, ndr).

Anche l’ultimo rapporto Sentieri (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento) a cura dell’Istituito Superiore di Sanità rileva un’”emergenza cancro” tra i più giovani. I dati raccolti in 28 dei 45 siti italiani maggiormente inquinati hanno sottolineato un incremento di tumori maligni del 9% nei soggetti tra 0 e 24 anni, registrando picchi del 50% per i linfomi Non-Hodgkin, del 62% per i sarcomi dei tessuti molli e del 66% per le leucemie mieloidi acute.

Oltre ai fattori inquinanti più conosciuti esistono anche dei contaminanti emergenti, ancora poco noti e non identificati nelle normative: «Nelle nostre acque troviamo metaboliti di farmaci e di droghe, plastiche e microplastiche, sostanze che finiscono nel ciclo alimentare dei pesci che mangiamo. Ugualmente preoccupante – ha aggiunto il presidente Sima – l’inquinamento indoor, lo smog, i composti organici volatili».

Esistono delle leggi che dovrebbero porre un freno all’inquinamento, ma non sono sufficienti: «Dal punto di vista legislativo – ha commentato Miani – l’Italia è rimasta un po’ indietro. Ad esempio, il Paese è in effrazione rispetto alla normativa europea sul gas radon, prima fonte di tumore al polmone dopo il fumo di sigaretta. Anche per l’amianto non esistono leggi così stringenti e specifiche».

LEGGI ANCHE: PREVENIRE IL CANCRO? LE 10 RACCOMANDAZIONI DEGLI ESPERTI AMERICANI

«Per questi motivi – ha continuato il professore di Prevenzione Ambientale del dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’università di Milano – l’impegno della nostra Società scientifica è anche quello di stimolare la classe politica all’azione e di sensibilizzare ed educare la popolazione. I cittadini, spesso, si sentono inermi di fronte a queste problematiche. Ma non è così. Noi stessi, con le nostre scelte quotidiane possiamo imparare a rispettare l’ambiente tutelando contemporaneamente anche la nostra salute con scelte consapevoli, a partire dagli acquisti piccoli o grandi di tutti i giorni (www.prevenzione.life). Quello che facciamo oggi avrà ricadute tangibili tra 30 anni: dobbiamo quindi agire subito – ha concluso Miani – per consegnare alle future generazioni un ambiente sostenibile».

 

Articoli correlati
Tumori del sangue, AIL festeggia 50 anni. Il presidente Amadori: «Grazie al professor Mandelli siamo punto di riferimento nel volontariato sociale»
L’associazione che segue le persone affette da leucemie, linfomi e mieloma dal 1949 traccia un bilancio del suo operato: «Prima la diagnosi di questo tipo di malattia era un dramma per il paziente e per la sua famiglia, ora le cose sono cambiate. Tra i nostri cavalli di battaglia lo sviluppo delle cure domiciliari»
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Registro Tumori, in arrivo il ‘referto epidemiologico’ per mappare il territorio. Alberto Zolezzi (M5S): «Con questa legge si sarebbero evitati i casi di Pfas in Veneto»
Con la nuova legge i cittadini saranno mappati e ci sarà una valutazione dello stato di salute complessivo di una comunità. Il deputato Cinque Stelle primo firmatario della legge: «Così descriveremo i territori per quanto riguarda la salute delle persone, quindi le nuove malattie che si verificano ogni anno, l’incidenza delle patologie, perché le persone vanno in ospedale. È una legge a costo zero»
Inquinamento, Grillo convoca tavola per la qualità dell’aria con regioni del Nord: «Ogni anno 85-90mila morti, agire subito»
Contro l’inquinamento da polveri sottile in val Padana si muove il ministro della Salute Giulia Grillo che ha annunciato di aver convocato il tavolo per la qualità dell’aria, invitando nelle prossime settimane i governatori di Lombardia, Emilia Romagna, Piemonte, Veneto e con loro i sindaci dei grandi centri urbani di queste regioni, per trovare un […]
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone