Salute 20 Settembre 2018 10:06

“Emergenza cancro”. Miani (Sima): «In Italia in aumento i tumori infantili. Inquinamento e stili di vita non corretti i maggiori fattori di rischio»

«Continuano a crescere i casi di leucemie, linfomi, cancro della mammella, dell’oro-faringe e dei polmoni. Nelle zone d’Italia più inquinate, in solo dieci anni, queste patologie sono aumentate fino al 90%». Alessandro Miani, presidente Sima, lancia l’allarme in occasione del convegno “Emergenza cancro-Fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti”

di Isabella Faggiano
“Emergenza cancro”. Miani (Sima): «In Italia in aumento i tumori infantili. Inquinamento e stili di vita non corretti i maggiori fattori di rischio»

Pesticidi, metaboliti di farmaci e di prodotti per la cura personale, diossina, amianto, petrolio, policlorobifenili e mercurio sono solo alcuni dei nuovi killer silenziosi, i principali responsabili di molti dei nuovi casi di tumore. Sostanze tossiche che, scaricate nelle acque reflue o tra i rifiuti, contaminano il nostro cibo e le nostre risorse idriche, con un grave impatto sulla salute dell’uomo.

In solo dieci anni le patologie oncologiche sono aumentate fino al 90%. L’incremento massimo, secondo i più recenti dati raccolti dal ministero della Salute, riguarda le zone d’Italia più inquinate. Il cancro alla tiroide, il tumore alla mammella e il mesotelioma sono i tumori più diffusi in queste aree.

«La contaminazione di acqua, aria e terra ha ricadute negative sul benessere dell’uomo ed è un fattore determinante nello sviluppo, oltre che di patologie oncologiche, anche  di malattie a carico dell’apparato respiratorio e cardiovascolare», ha spiegato Alessandro Miani, presidente della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) e docente di Prevenzione Ambientale del dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’università degli Studi di Milano.

LEGGI ANCHE: TUMORI, AMADORI (AIL): «IMMUNOTERAPIA E CAR-T STANNO RIVOLUZIONANDO LA CURA DI LEUCEMIE, LINFOMI E MIELOMI»

È stata proprio la Sima a promuovere il Convegno “Emergenza cancro-Fattori ambientali modificabili e stili di vita non corretti”, un’occasione di confronto tra oltre 60 rappresentanti di Governo, Parlamento, associazioni di consumatori, della scienza e dell’imprenditoria, riuniti per fare il punto sulle criticità nel rapporto tra ambiente e condizione fisica e proporre possibili soluzioni per ridurre gli effetti dell’inquinamento sulla salute e qualità di vita.

«Il dato più preoccupante di tutti – ha aggiunto Miani – riguarda i nostri figli e i nostri giovani: la maggiore incidenza di tumori si registra nei bambini tra 0 e 14 anni e negli adolescenti tra i 15 e i 19 anni nell’area del Sud Europa che comprende, oltre all’Italia, Cipro, Malta, Croazia, Spagna e Portogallo (i dati sono emersi da uno studio condotto in 62 Paesi dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc), in collaborazione con l’Associazione Internazionale dei Registri del Cancro, ndr).

Anche l’ultimo rapporto Sentieri (Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento) a cura dell’Istituito Superiore di Sanità rileva un’”emergenza cancro” tra i più giovani. I dati raccolti in 28 dei 45 siti italiani maggiormente inquinati hanno sottolineato un incremento di tumori maligni del 9% nei soggetti tra 0 e 24 anni, registrando picchi del 50% per i linfomi Non-Hodgkin, del 62% per i sarcomi dei tessuti molli e del 66% per le leucemie mieloidi acute.

Oltre ai fattori inquinanti più conosciuti esistono anche dei contaminanti emergenti, ancora poco noti e non identificati nelle normative: «Nelle nostre acque troviamo metaboliti di farmaci e di droghe, plastiche e microplastiche, sostanze che finiscono nel ciclo alimentare dei pesci che mangiamo. Ugualmente preoccupante – ha aggiunto il presidente Sima – l’inquinamento indoor, lo smog, i composti organici volatili».

Esistono delle leggi che dovrebbero porre un freno all’inquinamento, ma non sono sufficienti: «Dal punto di vista legislativo – ha commentato Miani – l’Italia è rimasta un po’ indietro. Ad esempio, il Paese è in effrazione rispetto alla normativa europea sul gas radon, prima fonte di tumore al polmone dopo il fumo di sigaretta. Anche per l’amianto non esistono leggi così stringenti e specifiche».

LEGGI ANCHE: PREVENIRE IL CANCRO? LE 10 RACCOMANDAZIONI DEGLI ESPERTI AMERICANI

«Per questi motivi – ha continuato il professore di Prevenzione Ambientale del dipartimento di Scienze e Politiche Ambientali dell’università di Milano – l’impegno della nostra Società scientifica è anche quello di stimolare la classe politica all’azione e di sensibilizzare ed educare la popolazione. I cittadini, spesso, si sentono inermi di fronte a queste problematiche. Ma non è così. Noi stessi, con le nostre scelte quotidiane possiamo imparare a rispettare l’ambiente tutelando contemporaneamente anche la nostra salute con scelte consapevoli, a partire dagli acquisti piccoli o grandi di tutti i giorni (www.prevenzione.life). Quello che facciamo oggi avrà ricadute tangibili tra 30 anni: dobbiamo quindi agire subito – ha concluso Miani – per consegnare alle future generazioni un ambiente sostenibile».

 

Articoli correlati
Inquinamento, trovate pericolose nanoparticelle negli organi di feti
Per la prima volta gli scienziati hanno trovato nanoparticelle derivanti dall'inquinamento atmosferico nei tessuti e negli organi in via di sviluppo di feti già nei primi 3 mesi di gravidanza
Inquinamento atmosferico, il killer silenzioso che uccide più del Covid (ma fa meno rumore)
Miani (SIMA): «Ogni anno in Italia circa 80mila persone muoiono prematuramente per inquinamento atmosferico». E i tumori pediatrici aumentano a velocità doppia rispetto alla media UE
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
Le carni vegetali sono il miglior investimento per il futuro del clima?
Gli investimenti in proteine alternative, che comprendono anche prodotti derivati dalla fermentazione (microproteine, alghe, proteine del latte prodotte con i batteri) e carni coltivate, sono balzati da 1 miliardo di dollari nel 2019 a 5 miliardi di dollari nel 2021
di Stefano Piazza
È la pelle la nuova sentinella di inquinamento ambientale
Mezzana (SIMA): «Analizzando la cute di un individuo sarà possibile identificare il grado di inquinamento del luogo in cui vive o ha vissuto. Nessun test invasivo, come la biopsia, ma sensori cutanei in grado di rilevare i parametri della pelle, in profondità e in tempo reale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa