Salute 15 Maggio 2015

SFIDA ALL’EBOLA «Solido e sereno: vi racconto chi è il paziente 2»

Intervista a Rossella Miccio (Emergency): «Abbiamo lavorato insieme per mesi in Sierra Leone»

Immagine articolo

Da quando l’incubo è tornato ci siamo sentiti spesso per telefono. È sereno e ha grande fiducia nello staff dello Spallanzani che lo sta assistendo». Rossella Miccio, coordinatrice dell’Ufficio umanitario di Emergency, l’Ebola l’ha guardata negli occhi spesso nell’ultimo anno.

«Noi lavoravamo in Sierra Leone già prima dell’epidemia di Ebola, e siamo stati tra i primi nel Paese ad attivare all’interno degli ospedali “non Ebola” strutture di protezione, prevenzione e controllo delle infezioni. Già dall’inizio del 2014, quando ancora Ebola non era arrivata in Sierra Leone ma interessava i Paesi limitrofi, noi avevamo già le nostre zone di isolamento e una serie di procedure per le quali era stato formato il personale nazionale ed internazionale».

La dirigente di Emergency ha conosciuto a febbraio l’infermiere di Sassari, il 37enne che sta vivendo in queste ore la sua battaglia contro il terribile virus che ha già ucciso oltre 11mila persone, ma che l’Istituto Nazionale per le Malattie Infettive ha già affrontato e battuto con Fabrizio Pulvirenti, il medico catanese ammalatosi a novembre 2014.

«È una persona solida e molto preparata. Con lui abbiamo vissuto le fasi più difficili e più gratificanti della nostra attività in Sierra Leone. I primi casi assistiti nel centro di Lakka e poi la realizzazione e l’apertura del centro di cura per i malati di Ebola di Goderich». Proprio in quest’ultimo centro ha operato principalmente il 37enne sardo, alla sua prima missione come operatore qualificato di Emergency.

Non pensava certo di incontrarlo di nuovo in circostanze così tragiche?
«Sì, sono momenti che non si vorrebbero mai affrontare. Resta, però, il rapporto forte e bello che si è creato nei mesi in cui abbiamo lavorato insieme. Spero che, in questo momento, sapere che siamo tutti qui, vicini a lui, gli dia una marcia in più per superare questa terribile malattia».

Siete riusciti a stargli vicino nonostante ci siano delle misure di sicurezza stringenti?
«Certo, sempre via telefono ovviamente. L’abbiamo sentito quando è rientrato, ci ha immediatamente contattato quando ha sviluppato i primi sintomi, e l’ho sentito fino a poco prima del trasferimento. Era relativamente sereno, considerando la situazione. Fortunatamente è una persona solida».

Dottoressa, la domanda è d’obbligo. C’è qualcosa che non ha funzionato o comunque qualche procedura da rivedere?
«Che qualcosa non abbia funzionato è evidente, dal momento che il contagio c’è stato. Le procedure vengono riviste da noi costantemente, tuttavia l’errore umano o il problema tecnico possono capitare. Ad oggi non risulta esserci stata alcuna esposizione non protetta di cui lui e i suoi colleghi fossero consapevoli, per cui stiamo ancora cercando di capire cosa sia successo».

Il professor Ippolito l’ha sottolineato in varie interviste: la formazione diventa fondamentale in questo frangente, e immagino che voi siate adeguatamente preparati.
«Assolutamente sì. È fondamentale. Proprio in Sierra Leone abbiamo avuto un migliaio di operatori sanitari provenienti da tutto il mondo impegnati in prima linea, e i casi di contagio si contano sulle dita di una mano. Ciò significa che le procedure hanno funzionato e che la formazione del personale medico è stata adeguata. Io stessa – conclude Miccio – sono rientrata dalla Sierra Leone tre settimane fa e mi sono sottoposta all’automonitoraggio di 21 giorni previsto dai protocolli. Ora sto bene e spero di tornare presto in Africa».

A proposito di contagi, dopo il rientro in Italia dell’infermiere contagiato c’è il rischio che essendo stato in contatto con altre persone possa aver diffuso il virus?
«Non credo, perché la malattia diventa contagiosa nel momento in cui si sviluppano i sintomi. Non appena si è reso conto di avere la febbre, si è autoisolato e ha contattato le autorità. Per cui è vero che nei due giorni precedenti aveva condiviso alcuni momenti coi familiari, ma non aveva sviluppato i sintomi, per cui non era contagioso. Teniamo comunque le dita incrociate anche per la famiglia, con cui siamo vicinissimi».

Avete parlato con i familiari, qual è il loro stato d’animo?
«Certamente non sono tranquilli, ma la fiducia nella struttura che lo ospita è grande, come è stato nel caso di Fabrizio Pulvirenti, che è fortunatamente guarito e che ha fornito un precedente importante per compiere passi avanti nel trattamento dell’Ebola».

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano