Salute 11 Luglio 2022 18:29

EMA: allo studio effetti avversi dei vaccini e nuove varianti del Covid per definire la campagna d’autunno

Alla presentazione dell’accordo quadro tra Istituto Ortopedico Galeazzi e Fondazione Fadoi per la Ricerca, Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici dell’Agenzia Europea dei Medicinali, dà le linee di indirizzo sulla quarta dose e anticipa quelli che saranno i virus da affrontare in futuro

La ricerca in Europa e in Italia accelera. Il Covid non dà tregua ed EMA è in prima linea nello studio dei farmaci e dei vaccini. A confermarlo è Marco Cavaleri, responsabile vaccini e prodotti terapeutici dell’Agenzia europea del farmaco, intervenuto questa mattina a Milano presso il polo scientifico di Mind alla presentazione dell’accordo quadro tra l’Istituto Ortopedico Galeazzi e la Fondazione Fadoi per la Ricerca: «Sui vaccini siamo riusciti a generare evidenze rapidamente e grazie a studi osservazionali sappiamo quale è l’efficacia sul campo. Con i terapeutici, invece, è bene insistere affinché vengano fatti studi randomizzati che ci diano un’evidenza molto forte su quella che è l’efficacia di questi prodotti».

Eventi avversi: «sapevamo ce ne sarebbero stati tanti, su questi non ci fermeremo mai»

All’attenzione di EMA sono in particolare gli eventi avversi emersi durante la campagna vaccinale, come ha puntualizzato Cavaleri: «Questa è sempre stata una nostra priorità – ammette – sapevamo che avremmo avuto molte segnalazioni, per il semplice motivo che queste sono campagne di massa dove milioni di persone sono state vaccinate in un lasso di tempo molto breve. Il nostro approccio è rigoroso, valutiamo tutti gli elementi avversi per capire quali segnali si possono associare ad un vaccino e poi capire qual è la loro frequenza e chi maggiormente è colpito. Su questo non ci fermeremo mai».

In autunno quarta dose per fragili e anziani

Alla luce delle analisi fatte e dei dati, ancora parziali, sull’efficacia dei vaccini rispetto alle sotto varianti di Omicron, verrà studiata la campagna vaccinale per l’autunno nelle prossime settimane, anticipa il responsabile dei vaccini di EMA: «È chiaro che useremo un approccio simile a quello usato per l’influenza – spiega -, andremo a coprire i gruppi più a rischio, compresi anziani e chi ha patologie pregresse. Questo sarà il punto di partenza».

Nuovi virus all’orizzonte

Mentre il Covid tiene alta l’attenzione, all’orizzonte si profilano nuovi virus che EMA sta studiando per non farsi trovare impreparata di fronte a possibili epidemie. «C’erano già dei focolai di virus piuttosto inusuali come Ebola in Africa o Zika in Sud America che hanno dimostrato come questi virus possono emergere e causare epidemie considerevoli. I fattori che li determinano sono diversi – puntualizza – dal surriscaldamento globale, al mondo degli animali selvatici che sta sparendo, con l’uomo che si appropria sempre di più dei territori. Oggi questo accade con il vaiolo delle scimmie che ha generato un focolaio diffuso in aree dove non era mai circolato. La malattia è più lieve del Covid, ma non vuol dire che deve essere sottovalutata e noi stiamo lavorando su studi clinici che ci permettano di dare indicazioni sugli antivirali e sul vaccino, che già esiste, da utilizzare al meglio. In futuro potrebbero emergere altri rischi per la nostra salute, si parla di virus trasportati dalle zanzare come Zika e Chikungunya che potrebbero creare dei focolai. Su di loro ci concentreremo nei prossimi mesi, senza dimenticare l’influenza».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale