Salute 16 febbraio 2018

Elezioni, Lombardi (M5S): «Presto solo abbienti potranno curarsi. Abbatteremo liste d’attesa e rilanceremo sanità pubblica»

La candidata alla presidenza della regione Lazio parla delle sue priorità: riparametrare l’intra moenia e aprire tutte le agende di tutti gli accreditamenti pubblici. Poi aggiunge: «Creeremo sinergie con le università per la formazione dei nuovi professionisti»

È stata la prima capogruppo alla Camera dei deputati per il Movimento Cinque Stelle, protagonista dell’incontro del 2013 con l’allora segretario del Pd Pierluigi Bersani andato in diretta streaming e conclusosi con una fumata nera. Ora Roberta Lombardi è candidata per i pentastellati alla presidenza della Regione Lazio e sulla sanità ha un programma ambizioso: dall’abbattimento delle liste di attesa allo sblocco delle assunzioni di medici, infermieri e operatori sanitari, oltre alla riduzione dei tempi di intervento al pronto soccorso. Un piano che in qualche modo trae ispirazione dal programma nazionale dei Cinque Stelle.

Onorevole Lombardi, qual è la prima cosa che farete in caso di vittoria sul tema della sanità?

«Innanzitutto abbatteremo drasticamente le liste di attesa attraverso un programma in cinque punti che si basa fondamentalmente sulla rivitalizzazione dei servizi della sanità istituzionale, quindi la sanità pubblica. Riparametrare l’intra moenia in base a quella che è la prestazione istituzionale, andare a vietare l’intra moenia allargata che sfugge dal controllo del controllore che è la Regione e andare a pubblicare dei bilanci trasparenti. E vogliamo aprire tutte le agende di tutti gli accreditamenti pubblici e privati».

Negli ospedali del Lazio che sta visitando in questi giorni che situazione ha trovato?

«Una situazione difficile dove la buona volontà degli operatori della sanità rende possibile ancora garantire con molta difficoltà delle cure alla popolazione. Ho trovato tanti cittadini che ci hanno raccontato la difficoltà di accesso alle cure, soprattutto nella prestazione pubblica. L’impossibilità di avere alcune prestazioni in tempi ragionevoli e quindi l’obbligo a cui il cittadino è sottoposto di doversi rivolgere o alla sanità privata, se se lo può permettere, andare fuori regione o addirittura scegliere di non curarsi più».

Il 23 febbraio forse ci sarà lo sciopero dei medici. Loro protestano perché il contratto viene rinnovato da dieci anni, ci sono diversi motivi. Ma hanno lanciato anche l’allarme: tra 5 anni 45mila medici andranno in pensione. Su questo cosa pensate di poter fare nel Lazio?

«Partiamo dal dato che qui ci sono 8mila medici in meno rispetto a quello che sarebbe il fabbisogno. Quindi quel dato di 45mila fra 5 anni è un processo che è già in corso e che la politica ha favorito. Perché si va verso un concetto di sanità privata in cui solo le persone abbienti possono curarsi, un po’ come il sistema sanitario americano purtroppo, che si basa tutto sul sistema della sanità privata e delle assicurazioni private. Noi abbiamo invece la ferma volontà di ricominciare a dare sanità accessibile pubblica facendo lavorare meglio i professionisti presenti, andando a fare una sinergia con le università per la formazione dei nuovi professionisti, stabilizzare quelli che attualmente lavorano in modo che non siano costretti a doversene andare all’estero».

Articoli correlati
Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»
Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]
Cannabis terapeutica, la proposta della Sirca: «Aumentare la produzione italiana». E il M5S accoglie l’appello
Il Presidente della Società Italiana Ricerca Cannabis Paolo Poli sottolinea: «Produciamo troppo poco rispetto al fabbisogno». Gruppo Cinque Stelle: «Garantire continuità terapeutica, l’accesso alle cure a base di cannabis sia garantito equamente su tutto il territorio nazionale»
Liste d’attesa, Antonio Magi (SUMAI): «Misure del governo non bastano. Serve sblocco del turnover e potenziare medicina del territorio»
Il segretario del sindacato degli specialisti ambulatoriali sottolinea: «Va bene organizzare le agende con il CUP nazionale ma poi serve che qualcuno le prestazioni le faccia». Poi lancia l’allarme: «Se si continua così SSN rischia di perdere i migliori professionisti»
Aggressioni a medici, Dieni (M5S): «Aperti a contributi di operatori e opposizioni. Presto legge per tutelare chi salva vite»
La vicecapogruppo dei Cinque Stelle alla Camera assicura l’impegno del Movimento sul tema e apre a modifiche sul Ddl governativo. «Anche sblocco del turn over più aiutare a risolvere problema, stiamo lavorando in questa direzione»
FNOMCeO: medici 118 in agitazione in Toscana e Puglia
Due Regioni, la Toscana e la Puglia, che non potrebbero essere più distanti – non solo geograficamente – ma che, in questi giorni, sono accomunate da analoghi attacchi a medici e infermieri. E se, in Puglia, i medici del 118 di Fimmg Emergenza hanno dichiarato da tempo lo stato di agitazione, in Toscana scende in […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...