Salute 16 febbraio 2018

Elezioni, Lombardi (M5S): «Presto solo abbienti potranno curarsi. Abbatteremo liste d’attesa e rilanceremo sanità pubblica»

La candidata alla presidenza della regione Lazio parla delle sue priorità: riparametrare l’intra moenia e aprire tutte le agende di tutti gli accreditamenti pubblici. Poi aggiunge: «Creeremo sinergie con le università per la formazione dei nuovi professionisti»

È stata la prima capogruppo alla Camera dei deputati per il Movimento Cinque Stelle, protagonista dell’incontro del 2013 con l’allora segretario del Pd Pierluigi Bersani andato in diretta streaming e conclusosi con una fumata nera. Ora Roberta Lombardi è candidata per i pentastellati alla presidenza della Regione Lazio e sulla sanità ha un programma ambizioso: dall’abbattimento delle liste di attesa allo sblocco delle assunzioni di medici, infermieri e operatori sanitari, oltre alla riduzione dei tempi di intervento al pronto soccorso. Un piano che in qualche modo trae ispirazione dal programma nazionale dei Cinque Stelle.

Onorevole Lombardi, qual è la prima cosa che farete in caso di vittoria sul tema della sanità?

«Innanzitutto abbatteremo drasticamente le liste di attesa attraverso un programma in cinque punti che si basa fondamentalmente sulla rivitalizzazione dei servizi della sanità istituzionale, quindi la sanità pubblica. Riparametrare l’intra moenia in base a quella che è la prestazione istituzionale, andare a vietare l’intra moenia allargata che sfugge dal controllo del controllore che è la Regione e andare a pubblicare dei bilanci trasparenti. E vogliamo aprire tutte le agende di tutti gli accreditamenti pubblici e privati».

Negli ospedali del Lazio che sta visitando in questi giorni che situazione ha trovato?

«Una situazione difficile dove la buona volontà degli operatori della sanità rende possibile ancora garantire con molta difficoltà delle cure alla popolazione. Ho trovato tanti cittadini che ci hanno raccontato la difficoltà di accesso alle cure, soprattutto nella prestazione pubblica. L’impossibilità di avere alcune prestazioni in tempi ragionevoli e quindi l’obbligo a cui il cittadino è sottoposto di doversi rivolgere o alla sanità privata, se se lo può permettere, andare fuori regione o addirittura scegliere di non curarsi più».

Il 23 febbraio forse ci sarà lo sciopero dei medici. Loro protestano perché il contratto viene rinnovato da dieci anni, ci sono diversi motivi. Ma hanno lanciato anche l’allarme: tra 5 anni 45mila medici andranno in pensione. Su questo cosa pensate di poter fare nel Lazio?

«Partiamo dal dato che qui ci sono 8mila medici in meno rispetto a quello che sarebbe il fabbisogno. Quindi quel dato di 45mila fra 5 anni è un processo che è già in corso e che la politica ha favorito. Perché si va verso un concetto di sanità privata in cui solo le persone abbienti possono curarsi, un po’ come il sistema sanitario americano purtroppo, che si basa tutto sul sistema della sanità privata e delle assicurazioni private. Noi abbiamo invece la ferma volontà di ricominciare a dare sanità accessibile pubblica facendo lavorare meglio i professionisti presenti, andando a fare una sinergia con le università per la formazione dei nuovi professionisti, stabilizzare quelli che attualmente lavorano in modo che non siano costretti a doversene andare all’estero».

Articoli correlati
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
Autodimissioni degli ospedalieri e fuga dal SSN, le reazioni dei lettori al racconto di una vita soffocante
L’intervista al vicepresidente della FNOMCeO Giovanni Leoni è stata l’articolo più letto di settembre ed il più condiviso sui social network. È il sintomo della diffusione del malessere di una categoria che, a lavorare nel sistema sanitario pubblico, proprio non ce la fa più
Tumore al seno, Zingaretti: «Al via l’ottobre rosa, il mese della prevenzione»
«Prende il via nel Lazio per tutto il mese la campagna di prevenzione del tumore al seno “Ottobre Rosa”. Un fitto programma di iniziative e percorsi di prevenzione interamente dedicati alle donne. I progressi nella ricerca hanno determinato negli anni una crescita continua delle percentuali di sopravvivenza, evidenziando in particolare l’importanza di una diagnosi precoce. […]
Emilia-Romagna, il Gruppo San Donato acquisisce la Casa di Cura Villa Chiara
Il Gruppo ospedaliero San Donato (GSD) ha perfezionato l’acquisizione della quota di maggioranza del capitale sociale di Villa Chiara S.p.A., ospedale privato accreditato con il servizio sanitario dell’Emilia Romagna. L’Assemblea di Villa Chiara, riunitasi il 28 settembre scorso, ha provveduto al rinnovo del Consiglio di Amministrazione dell’ospedale, che ha nominato Presidente il dottor Paolo Rotelli, […]
Contratto, Vergallo (Aaroi-Emac): «Sciopero di un anestesista blocca dieci professionisti. Faremo sentire peso della categoria»
Il presidente nazionale dell’Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri spiega i motivi che hanno condotto l’intersindacale allo stato di agitazione. E manda un messaggio ai cittadini: «Volete il reddito di cittadinanza o la sanità pubblica?»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila