Salute 16 Febbraio 2018

Elezioni, Lombardi (M5S): «Presto solo abbienti potranno curarsi. Abbatteremo liste d’attesa e rilanceremo sanità pubblica»

La candidata alla presidenza della regione Lazio parla delle sue priorità: riparametrare l’intra moenia e aprire tutte le agende di tutti gli accreditamenti pubblici. Poi aggiunge: «Creeremo sinergie con le università per la formazione dei nuovi professionisti»

È stata la prima capogruppo alla Camera dei deputati per il Movimento Cinque Stelle, protagonista dell’incontro del 2013 con l’allora segretario del Pd Pierluigi Bersani andato in diretta streaming e conclusosi con una fumata nera. Ora Roberta Lombardi è candidata per i pentastellati alla presidenza della Regione Lazio e sulla sanità ha un programma ambizioso: dall’abbattimento delle liste di attesa allo sblocco delle assunzioni di medici, infermieri e operatori sanitari, oltre alla riduzione dei tempi di intervento al pronto soccorso. Un piano che in qualche modo trae ispirazione dal programma nazionale dei Cinque Stelle.

Onorevole Lombardi, qual è la prima cosa che farete in caso di vittoria sul tema della sanità?

«Innanzitutto abbatteremo drasticamente le liste di attesa attraverso un programma in cinque punti che si basa fondamentalmente sulla rivitalizzazione dei servizi della sanità istituzionale, quindi la sanità pubblica. Riparametrare l’intra moenia in base a quella che è la prestazione istituzionale, andare a vietare l’intra moenia allargata che sfugge dal controllo del controllore che è la Regione e andare a pubblicare dei bilanci trasparenti. E vogliamo aprire tutte le agende di tutti gli accreditamenti pubblici e privati».

Negli ospedali del Lazio che sta visitando in questi giorni che situazione ha trovato?

«Una situazione difficile dove la buona volontà degli operatori della sanità rende possibile ancora garantire con molta difficoltà delle cure alla popolazione. Ho trovato tanti cittadini che ci hanno raccontato la difficoltà di accesso alle cure, soprattutto nella prestazione pubblica. L’impossibilità di avere alcune prestazioni in tempi ragionevoli e quindi l’obbligo a cui il cittadino è sottoposto di doversi rivolgere o alla sanità privata, se se lo può permettere, andare fuori regione o addirittura scegliere di non curarsi più».

Il 23 febbraio forse ci sarà lo sciopero dei medici. Loro protestano perché il contratto viene rinnovato da dieci anni, ci sono diversi motivi. Ma hanno lanciato anche l’allarme: tra 5 anni 45mila medici andranno in pensione. Su questo cosa pensate di poter fare nel Lazio?

«Partiamo dal dato che qui ci sono 8mila medici in meno rispetto a quello che sarebbe il fabbisogno. Quindi quel dato di 45mila fra 5 anni è un processo che è già in corso e che la politica ha favorito. Perché si va verso un concetto di sanità privata in cui solo le persone abbienti possono curarsi, un po’ come il sistema sanitario americano purtroppo, che si basa tutto sul sistema della sanità privata e delle assicurazioni private. Noi abbiamo invece la ferma volontà di ricominciare a dare sanità accessibile pubblica facendo lavorare meglio i professionisti presenti, andando a fare una sinergia con le università per la formazione dei nuovi professionisti, stabilizzare quelli che attualmente lavorano in modo che non siano costretti a doversene andare all’estero».

Articoli correlati
Salute, nasce la prima farmacia di strada. A Trastevere raccolti oltre 80mila euro in medicinali
Gastroprotettori, analgesigici, antipiretici e antipertensivi: 9mila confezioni di medicinali a disposizione delle fasce più deboli della popolazione nella "farmacia di strada" ospitata all'interno del centro di accoglienza Vo.Re.Co Onlus di via della Lungara a Roma. Mandelli (Fofi): «Il farmacista è quel professionista dietro il banco disponibile sempre, senza appuntamento e senza chiedere permesso; si entra in tutte le farmacie in qualsiasi ora del giorno o della notte e si ha una risposta a qualsiasi problema di salute o personale»
Governo, Trizzino (M5S): «Bene Conte. Cure palliative e riorganizzazione medicina territoriale tra le mie priorità»
L’ex Direttore dell’Ospedale Civico di Palermo, deputato Cinque Stelle della Commissione Affari Sociali, si dice «profondamente convinto» dalle parole del Presidente del Consiglio. Nei mesi scorsi aveva contribuito a far bloccare lo spot contro i medici andato in onda sulle reti Rai. Ora è candidato per un posto da sottosegretario alla Salute
Governo, al Miur arriva Fioramonti. Ecco le sue idee su numero chiuso e scuole di specializzazione
Il professore di Politica economica, M5S, si è occupato del tema dei centri di specializzazione: «Serve una collaborazione diversa anche con le regioni e fare in modo che gli ospedali e le università siano un tutt’uno»
Governo, novità alla Salute: il nuovo ministro sarà Roberto Speranza di LeU
Il Presidente del Consiglio si è recato al Quirinale per sciogliere la riserva. Capo delegazione M5S Di Maio, mentre Franceschini guida i democratici. Nel programma si riparte dalla difesa della sanità come “bene comune”
Aggressioni, Giulia Grillo: «Approviamo subito la legge contro la violenza verso gli operatori»
Giuseppe Conte ha ricevuto oggi l'incarico dal presidente Mattarella per formare la nuova squadra di Governo. Sono tanti i nomi che circolano in questi giorni per i ministri del governo M5s-Pd; ancora incerta la conferma di Giulia Grillo che intanto scrive su Facebook: «Approviamo subito la legge contro la violenza verso gli operatori sanitari»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali