Mondo 8 Novembre 2016

Usa, la vittoria di Trump: come cambia la sanità? Un medico italiano a Pittsburgh lo racconta a Sanità Informazione

Presidenziali americane, trionfa Donald Trump. Campagna elettorale aspra e programmi sulla sanità incerti, Loffreda-Mancinelli, anestesista italiano negli Usa sulle proposte in campo: «Hillary voleva rafforzare l’Obamacare, ma con quali fondi? Trump invece ha un programma confuso»

Immagine articolo

Donald Trump taglia il nastro d’arrivo. Il testa a testa tra i due sfidanti alla casa Bianca è terminato. Il magnate americano trionfa sull’ex first lady dopo una campagna aspra e densa di colpi di scena. I due candidati si sono affrontati su vari campi di battaglia, ma il comparto della sanità è stato indubbiamente il terreno più scivoloso. Hillary durante la sua campagna ha sostenuto il mantenimento dell’Obamacare, la riforma promulgata da Obama nel 2010: «L’assistenza sanitaria a prezzi accessibili è un diritto umano fondamentale» ha più volte dichiarato la candidata. Trump invece ha da sempre sostenuto la totale abrogazione del sistema: «Da sostituire con qualcosa di migliore, la riforma di Obama è una vera catastrofe» ha spiegato senza tanti giri di parole.

Alla luce del risultato finale dello scrutinio presidenziale possiamo affermare con certezza che  nella storia della politica statunitense non ci sono mai stati due candidati tanto impopolari quanto Trump e Clinton. Una campagna violenta, piena di colpi bassi e rivelazioni scomode che ha contribuito a creare un clima ostile intorno ai due candidati. L’America ha scelto il male minore e a confermare l’insoddisfazione generale ci pensa Claudio Loffreda-Mancinelli, medico anestesista italiano, da oltre trent’anni impiegato a Pittsburgh, presidente della Membership Committee dell’American College of Medical Quality che ci racconta il suo punto di vista non solo da cittadino ma anche da operatore sanitario.

«Campagna deludente, scandali sessuali, email, gossip, ben poco si è discusso di sanità o di altri problemi – spiega il medico -. Certamente la Obamacare ha avuto il merito di offrire a milioni di cittadini quell’assistenza sanitaria che prima non avevano.  La riforma di Obama ha un’importanza non solo nelle emergenze, ma anche nella copertura sanitaria di patologie croniche o preesistenti, o nella prevenzione». Tuttavia è un dato di fatto, prosegue Loffreda-Mancinelli, che «attualmente il 90% dei costi della riforma vengono coperti dal governo federale, almeno fino al 2020. Il problema è che tali costi sono aumentati notevolmente negli ultimi tre anni e questo rappresenta un dilemma di difficile risoluzione per pianificare i futuri sussidi federali oltre il 2020» fa notare.

«Se avesse vinto la Clinton avremmo assistito ad una ulteriore fase di sviluppo dell’Obamacare, con la necessaria ricerca di ulteriori fondi per finanziare il sistema. Tagli alla scuola o altri servizi? Le tasse sarebbero state più pressanti? – si chiede il medico -. Proprio per questi problemi finanziari la proposta democratica di Hillary, offrire Medicare a cittadini oltre i 55 anni, e così anticipando il presente limite di dieci anni, non ha avuto successo».

Ancor meno chiaro è il futuro della sanità con Donald Trump alla guida del Paese, prosegue Loffreda-Mancinelli. Il programma del repubblicano è volto alla liberalizzazione associata a una defiscalizzazione delle polizze. «Il candidato repubblicano vuole eliminare completamente l’Obamacare, ma ci si chiede come potrà attuare questo proposito e quale eventuale soluzione alternativa potrà trovare. Come faranno i circa 20 milioni di cittadini, oggi beneficiari dell’Obamacare, che, dall’oggi al domani, si troveranno senza assistenza sanitaria?».

 

Articoli correlati
Covid-19, Science: «Gli USA potrebbero arrivare al vaccino prima delle elezioni». L’ipotesi che spaventa gli esperti
Secondo Science, l'approvazione del vaccino potrebbe diventare una mossa politica, in vista delle elezioni presidenziali statunitensi
Viaggio nell’ospedale degli Apache della Montagna Bianca, tra modernità e comunità
La reazione al Covid-19 delle tribù degli indiani d'America, il sistema sanitario delle riserve indigene e la sintesi fra medicina tradizionale e le moderne strutture sanitarie: intervista al dottor Ryan Close
di Tommaso Caldarelli
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
«Così abbiamo fermato il coronavirus fra i nativi americani d’Arizona»
Il racconto dei medici sul New England Journal of Medicine: «Abbiamo scoperto che bussare alla porta e parlare ai pazienti può essere l'approccio migliore»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19, Speranza: «L’Italia si sta rialzando ma la battaglia non è vinta. Scriviamo insieme il futuro»
«Il virus è una grande sfida globale, non conosce confini tra nazioni e questo significa che dobbiamo costruire insieme una risposta». Così il ministro della Salute in visita allo Spallanzani insieme all'ambasciatore Usa in Italia Eisenberg
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 24 settembre, sono 31.870.904 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 976.311 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...