Salute 8 Febbraio 2017

Elena Santarelli: «Una formazione sanitaria è fondamentale anche per noi mamme»

Una campagna di sensibilizzazione per prevenire il soffocamento dei bimbi. L’iniziativa si chiama “Pappa Sicura” ed è stata realizzata da Futura Stem Cells e Gioservice. A partecipare Giuseppe Morino, nutrizionista del Bambino Gesù, che spiega i benefici del latte materno e lo chef Niko Romito, che consiglia come cucinare piatti buoni e sicuri

L’ostruzione delle vie aeree è uno dei principali casi di morte per i piccoli. Infatti il cibo è un alleato della crescita ma talvolta può diventare pericoloso. Per questa ragione, prevenire il problema imparando come procedere in caso di necessità, diventa fondamentale.

«Nelle scuole dovrebbero essere previsti corsi di disostruzione pediatrica» dichiara l’attrice, conduttrice Elena Santarelli, mamma di due bambini, Giacomo e Greta. «Come vengono formati i docenti e gli stessi studenti per muoversi correttamente in casi di incendio, dovrebbe essere previsti dei corsi per apprendere le manovre di disostruzione delle vie aeree». La showgirl è stata testimonial di una campagna di sensibilizzazione, ‘Pappa sicura‘ realizzata da  Futura Stem Cells, leader nel servizio di conservazione delle cellule staminali e Gioservice in collaborazione con gli ospedali Bambino Gesù, Cristo Re e Policlinico Gemelli.

La campagna è finalizzata a insegnare, attraverso un breve filmato, le manovre di disostruzione pediatrica insieme a pratici suggerimenti per preparare le pappe ai piccoli. Nel filmato anche gli utili consigli del pediatra del Bambino Gesù, Giuseppe Morino che elenca i benefici del latte materno che non solo garantisce tutte le sostanze nutritive di cui il bambino ha bisogno nei primo mesi di vita, ma previene patologie in prospettiva. Interviene anche lo chef stellato Niko Romito che si cimenta ai fornelli per creare un piatto gustoso ma allo stesso tempo sicuro destinato ai «clienti più esigenti – spiega lo chef – che sono proprio i più piccoli».

«E’ compito della mamma fare un corso e sapere come intervenire in caso di necessità – dichiara Elena Santarelli – sarebbe bello pensare che nei luoghi pubblici, dalle scuole ai ristoranti, ci fosse sempre personale pronto a prestare assistenza in caso di emergenza, ma non è così. Come sarebbe altrettanto bello che nelle scuole di calcio per piccoli, non solo quelle super attrezzate, ci fossero i defibrillatori a bordo campo. E’ utopistico. Dunque, è giusto da mamme informarsi e sapere cosa fare in caso di necessità».

«Con la scuola si lavora insieme – conclude – però ritengo che prima di tutto a casa si devono dare delle regole. Soltanto con una buona educazione alla base poi le maestre possono intervenire».

Per approfondire:

Video integrale Pappa Sicura

Articoli correlati
Padova, all’Istituto Città della Speranza presentato progetto di ricerca sul medulloblastoma
Si chiama Medulloblastoma, è il tumore cerebrale pediatrico più diffuso e aggressivo, spesso resistente alle terapie farmacologiche e con un alto tasso di recidive. Per questo, è un nemico da combattere senza tregua, affidandosi ad alleati preziosi come la Ricerca. È, infatti, grazie alla Ricerca che si possono comprendere i meccanismi che sembrano rendere “invincibile” […]
Pediatri di famiglia: prolungare la copertura sanitaria pediatrica fino alla maggiore età
Centralità del pediatra di libera scelta nella cura del bambino e dell’adolescente, prolungamento dell’assistenza sanitaria pediatrica sino alla maggiore età, vantaggi derivanti dall’impiego di personale di studio, applicazione e rispetto delle norme contenute negli accordi collettivi nazionali come segno di affidabilità della controparte amministrativa e politica. Sono questi i principali spunti, e allo stesso tempo […]
Linfoma di Burkitt, Istituto Pasteur Italia: «Identificata nei bambini iracheni una terza forma della malattia correlata all’infezione da Epstein Barr Virus»
I Linfomi sono tumori causati dalla proliferazione incontrollata dei linfociti, le cellule del sistema immunitario che contribuiscono a difenderci dagli agenti esterni. Più della metà dei linfomi infantili è rappresentata dal Linfoma di Burkitt, un tumore molto aggressivo di cui esistono due varianti cliniche principali: quella endemica, presente nell’Africa equatoriale (dove questo tipo di linfoma […]
Giornata nazionale Simeup, al via “Una manovra per la vita” – Usa le mani! E salva un bambino dal soffocamento”
Domenica 14 ottobre in cinquanta piazze italiane l’XI edizione di “Una Manovra per la vita”, la Giornata nazionale promossa dalla Società Italiana di Medicina di Emergenza e Urgenza Pediatrica, SIMEUP per la prevenzione dal soffocamento in età pediatrica. A Perugia, in Piazza della Repubblica, grandi e piccini potranno, con la supervisione dei pediatri della Clinica […]
La depressione ha origine nell’infanzia: la ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia
Una ricerca dell’Irccs Fatebenefratelli di Brescia dimostra il legame tra geni ed eventi traumatici dell’età evolutiva nel successivo sviluppo della depressione. Annamaria Cattaneo, ricercatrice dell’Istituto, ha pubblicato su Molecular Psychiatry un articolo intitolato “FoxO1, A2M e TGFB1: tre nuovi geni che predicono la depressione come conseguenza dell’interazione tra geni di vulnerabilità’ e condizioni ambientali avverse”. Si tratta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...