Salute 22 Marzo 2019

Anticoagulanti, studio EMIT: con edoxaban basso rischio di sanguinamento o ischemia peri-procedurale. Colonna (Cardiologo): «Indicazione importante per i clinici»

Lo studio dimostra che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban in pazienti europei ultrasettantenni affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche è associato ad un rischio pari allo 0,4% di emorragie maggiori e di ictus o ischemia dello 0,6%

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti, Inviati a Lisbona

Una nuova importante indicazione sull’uso degli anticoagulanti per i pazienti affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa. È quello che emerge dallo studio EMIT, presentato al congresso della EHRA – European Heart Rhythm Association che si è svolto a Lisbona nei giorni scorsi.

Lo studio, effettuato su 1155 pazienti provenienti da sette Paesi europei diversi, ha stabilito che la somministrazione peri-procedurale di edoxaban nella pratica clinica di routine, in pazienti anziani affetti da fibrillazione atriale o tromboembolia venosa sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche, è associata a una bassa incidenza di sanguinamento e ad una bassa incidenza di complicanze tromboemboliche o ischemiche.

Lo studio parla italiano grazie alla voce del cardiologo del Policlinico di Bari Paolo Colonna, che è stato tra i protagonisti dell’evento di presentazione organizzato da Daiichi Sankyo nella capitale portoghese. Colonna è un “cervello di ritorno”: dopo quattro anni all’estero ha scelto la sua città, Bari, per fare il medico e occuparsi di ricerca.

Nello specifico, i risultati dello studio sono stati incoraggianti: il sanguinamento maggiore si è verificato, da cinque giorni prima a 30 giorni dopo un intervento o un accertamento diagnostico, solo nello 0,4% dei casi. L’incidenza di emorragie è stata bassa, anche nelle 280 procedure ad alto rischio (secondo la classificazione EHRA), con lo 0,7% (2 su 280) di sanguinamenti maggiori e l’1,4% (4 su 280) di sanguinamenti non maggiori clinicamente rilevanti.

Un risultato importante, se si pensa che finora i dati disponibili sulla gestione peri-procedurale dei pazienti a cui è stato prescritto un NOAC come l’edoxaban e i risultati clinici associati erano limitati. Indicazioni preziose per i clinici, che ora avranno elementi in più per stabilire come comportarsi di fronte a pazienti che devono fronteggiare un intervento e sono a rischio di eventi ischemici o tromboembolici.

Lo studio EMIT-AF/VTE fa parte del programma di ricerca clinica su edoxaban (EDOSURE) che nel 2019 fornirà prove significative a sostegno dell’uso di edoxaban nella pratica clinica, in particolare per i pazienti anziani.

LEGGI ANCHE: FIBRILLAZIONE ATRIALE, GRIMALDI (CARDIOLOGO): «DATI DIMOSTRANO CHE TRATTAMENTO NON INTERROTTO CON EDOXABAN È SICURO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI AD ABLAZIONE»

Professor Colonna, lei presenta lo studio EMIT. Qual è il focus di questo studio e cosa aggiunge nella gestione degli anticoagulanti orali e in particolare dell’edoxaban?

«Spesso i colleghi ci chiedono quando interrompere l’anticoagulante prima di un intervento, e spesso noi dobbiamo rispondere senza avere dei dati pratici e sicuri, ma solamente basati su delle raccomandazioni di esperti. Questo è stato il punto che ci ha spinto ad intraprendere questo studio su oltre 1100 pazienti che sono stati sottoposti a una procedura diagnostica terapeutica, quindi un intervento chirurgico o una diagnosi invasiva. Questi pazienti erano a diverso rischio di avere una emorragia o una ischemia: l’età media era pari a 72 anni e metà era over 75, quindi pazienti difficili da trattare ma che corrispondono a coloro che conosciamo ogni giorno. Le procedure chirurgiche prese in considerazione e analizzati nello studio EMIT andavano dall’estrazione dentaria multipla all’intervento chirurgico di diverso genere. La particolarità era che i clinici erano indirizzati ad interrompere l’edoxaban in due terzi dei pazienti prima dell’intervento, e a continuarlo nel restante terzo, per gli interventi a più basso rischio nei pazienti con miglior situazione clinica. I risultati sono stati decisamente molto buoni: il rischio di emorragie maggiori era solo dello 0,4%, in 30 giorni. Un rischio vicinissimo a quello dell’intervento in sè e quindi molto ridotto. Il rischio di ictus o ischemia era poi dello 0,6%, quindi anche questo molto basso».

Quindi cosa aggiunge alla pratica clinica questo studio?

«Possiamo raccomandare al clinico di interrompere l’edoxaban per il più breve tempo possibile e, con queste precauzioni, possiamo rassicurare almeno al 99,6% che non ci saranno eventi emorragici maggiori. Questo significa aggiungere un tassello ad edoxaban sulla sicurezza non solo nel paziente di ogni giorno, ma anche nel paziente che viene operato per una chirurgia a basso, medio o elevato rischio e anche per le chirurgie d’urgenza che venivano incluse in questo studio».

Quindi ci sono margini per il miglioramento della gestione dell’anticoagulazione nel paziente in procinto di intervento?

«I margini ci sono ma sono molto ristretti perché oggi possiamo considerare di aver raggiunto un punto che può essere considerato decisamente ottimale. È difficile scendere al di sotto di queste soglie di rischio ischemico ed emorragico, quindi possiamo dire oggi che i nostri miglioramenti possono essere nella gestione del paziente, ma sicuramente i nuovi anticoagulanti hanno dato un’ampia sicurezza ed efficacia. Quindi è fuor di dubbio che non si debba più usare un ponte con eparine a basso peso molecolare che prima si era soliti usare; oggi con questi farmaci e con la giusta finestra di interruzione possiamo agire molto meglio».

Articoli correlati
Terapie per il diabete sempre più personalizzate. Effetti benefici anche per le complicanze renali
Il diabete è una patologia che necessita di attenzione: colpisce circa il 6% della popolazione italiana a cui si aggiunge un altro 2% circa di sommerso; i progressi scientifici e i nuovi farmaci stanno però dando nuove speranze a chi è affetto da questa patologia. Il convegno “Le gliflozine nel diabete mellito: una visione sul […]
Fibrosi cistica, Castellani (Gaslini): «La diagnosi precoce fa la differenza. Fondamentale garantire screening neonatale in tutte le Regioni»
«La 548/1993 ha migliorato notevolmente la vita dei pazienti che però devono sostenere un carico di terapie importante, ad oggi irrinunciabile, che occupa buona parte della loro giornata. Lavoreremo per ridurlo». Queste le parole del responsabile del Centro fibrosi cistica dell’ospedale Gaslini di Genova
La storia di Anezka, 25 anni: «Il pacemaker mi ha offerto una seconda possibilità di vita»
Intervenuta alla sessione “Meet my patient” del congresso EHRA a Lisbona, Anezka Gombosova, di Praga, ha spiegato ai cardiologi cosa significa convivere con il pacemaker. Poi li ha esortati: «Dovete imparare dai vostri pazienti»
Fibrillazione atriale, Grimaldi (cardiologo): «Dati dimostrano che trattamento non interrotto con edoxaban è sicuro nei pazienti sottoposti ad ablazione»
Lo studio ELIMINATE è stato presentato al Congresso EHRA 2019 di Lisbona ad un simposio della Daiichi Sankyo. Il cardiologo dell'Ospedale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti Massimo Grimaldi: «Importante proteggere il paziente dalle ischemie cerebrali senza però aumentare il rischio di emorragie maggiori»
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti - inviati a Lisbona
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]