Salute 20 Novembre 2018

Edifici e salute, Tarsitano (OMCeO Roma): «Creare ambienti che permettano di affrontare patologie croniche»

Al corso Ecm organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma la consigliera valuta positivamente i due miliardi in più stanziati dal governo per l’edilizia sanitaria: «Previsione economica importante, ora investirli nel modo migliore»

Immagine articolo

La multidisciplinarietà come fattore chiave per la formazione dei medici. Ne è convinta Maria Grazia Tarsitano, consigliere del direttivo Omceo Roma, che ha presenziato al corso Ecm “Ambiente di vita e salute” organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma in collaborazione con il Ministero della Salute, il Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie e con l’Università La Sapienza-Dipartimento di Ingegneria civile edile e ambientale. Ingegneri e medici apparentemente rappresentano due professioni che non hanno molto in comune, e invece i campi in cui devono confrontarsi sono molteplici perché l’ambiente in cui viviamo incide notevolmente sul nostro stato di salute. «Oggi non parliamo più di una sola branca, di una sola professionalità – spiega Tarsitano a Sanità Informazione – ma ci troviamo davanti a problematiche complesse a cui non può rispondere un solo specialista. Con il Ministero della Salute e con l’Università Sapienza abbiamo deciso di iniziare una collaborazione che continuerà con altri eventi di formazione, sia diretti che telematici. Spero ne possano usufruire sia i medici, sia gli ingegneri con i quali abbiamo avviato questa collaborazione».

LEGGI ANCHE: CASA E SALUTE, D’ALESSANDRO (INGEGNERE AMBIENTALE): «ECCO TUTTE LE PATOLOGIE FISICHE E MENTALI CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE ABITATIVE»

Dottoressa, l’ambiente in cui viviamo è una tematica fondamentale anche per garantire una buona salute. Ma da un punto di vista ambientale come dovrebbe intervenire la sanità pubblica per migliorare questo rapporto ambiente – salute?

«Sicuramente è una tematica fondamentale, tanta letteratura negli ultimi anni è stata scritta sul tema e quello che noi dovremmo fare è cercare di creare degli ambienti che permettano di affrontare meglio le patologie, soprattutto quelle croniche. È un lavoro sicuramente lungo perché prevede degli impegni economici importanti. Quindi in un riassetto di spesa del Sistema sanitario nazionale questa dovrebbe essere una voce da tenere in considerazione. Noi sappiamo che il 60% della spesa del Sistema sanitario nazionale, nelle varie Regioni, va verso il territorio e quindi una parte di questo incremento economico dovrebbe essere orientato proprio nella riorganizzazione degli ambienti. Creare proprio una voce di spesa in questo settore».

Lei fa riferimento a impegni economici, sappiamo che la legge di Bilancio ha stanziato due miliardi in più per quello che riguarda l’edilizia sanitaria. Cosa accadrà?

«Essendoci questa previsione economica importante, dovremo cercare di indirizzare questi soldi su spese specifiche, capire come investirli. Una delle cose fondamentali quando non si conosce la materia è la comunicazione. In primis il mondo sanitario e ingegneristico dovrebbero cominciare a collaborare in modo più stretto per creare dei settori di lavoro specifico. Come Ordine cerchiamo di supportare quello che in realtà è il rinnovamento reale. Sappiamo che, soprattutto nelle patologie croniche, la salute deve farsi giorno dopo giorno e non si deve aspettare l’acuzia ma semplicemente migliorare lo stato di vita. Quindi sicuramente creando dei tavoli di lavoro specifici e individuando quali sono le criticità maggiori. Serve fare tanta formazione, soprattutto nelle due categorie, ingegneri e medici, e poi in tutta la popolazione».

Lei faceva riferimento alla formazione. Lei che è un giovane medico, per quello che riguarda il lavoro multidisciplinare, come ad esempio per le categorie dei medici e quella degli ingegneri o degli architetti, ritiene necessario fare più formazione interdisciplinare non solo sul campo pratico ma anche nel post università?

«Questo punto è cruciale. Il lavoro d’equipe è l’unico lavoro che può portare a un cambiamento e a un miglioramento. Abbiamo cercato di fare come ordine anche altri passaggi, supportare e avviare delle collaborazioni importanti, tra cui anche i giornalisti. Abbiamo iniziato a fare dei corsi di formazione tra l’Ordine dei Medici e l’Ordine dei giornalisti, perché è importante lavorare insieme per far crescere il paese. L’Ordine dei Medici dei Roma è il più grande d’Europa e deve essere da esempio da questo punto di vista. Sempre però in collaborazione con gli altri perché da soli non si va da nessuna parte. Sicuramente serve la formazione a livello universitario, ma non possiamo chiedere tutto all’università. Secondo me gli ordini professionali devono collaborare insieme perché una buona formazione e una buona comunicazione sono cruciali per una popolazione consapevole».

Articoli correlati
Acoi Campania: «Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro»
Formazione e nuove tecnologie: queste le sfide per la chirurgia d’urgenza del futuro. A dettare l’agenda delle priorità è l’Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI) – Gruppo Campania, nel corso della due giorni “Chirurgia d’urgenza 2019: tra linee guida e real life. Cos’è cambiato in questi anni e qual è la realtà dei fatti”, che ha riunito a […]
Attivo il Dossier formativo FNOMCeO, “in automatico” 30 crediti ECM. Anelli: «Inseriti temi trasversali alle professioni»
Il Dossier, spiega il presidente Anelli «intende definire un insieme di tematiche professionali trasversali, di supporto ai professionisti nello svolgimento della pratica professionale quotidiana, che possano contribuire a costruire il portfolio delle competenze del medico e dell’odontoiatra»
Rifiuti Roma, vertice OMCeO – Ama: “Nuova collaborazione per il bene della Capitale”
Nuovi mezzi e più attenzione alla raccolta rifiuti vicino scuole, ospedali e farmacie. Sono queste le novità emerse al termine di un incontro a tre tra il nuovo Amministratore Unico di Ama, Stefano Zaghis, Michele Lepore, Responsabile del servizio prevenzione ambientale e il Presidente dell’OMCeO romano, Antonio Magi. Il vertice ha avuto luogo proprio nella […]
«No al federalismo in sanità. Serve una migliore offerta formativa». I chirurghi bocciano le scelte del Governo
Se ne è parlato al workshop promosso dal Collegio Italiano dei Chirurghi e la Società Polispecialistica Italiana dei Giovani Chirurghi (SPIGC): «L'assunzione di medici in formazione determinerà nell’immediato futuro un peggioramento della qualità dell’assistenza offerta»
Accordo tra OMCeO Roma e Comune di Cerveteri, costituita la Consulta socio-sanitaria
Il Presidente dell’Ordine Antonio Magi: «Con questo protocollo d’intesa ribadiamo l’interesse dell’Ordine a collaborare con le istituzioni locali e con tutti i presidi sanitari per tutelare la salute dei cittadini». Aodi: «Presto una giornata dedicata alla prevenzione aperta a tutta la cittadinanza italiana e straniera»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo