Salute 12 Novembre 2018

Casa e salute, D’Alessandro (Ingegnere Ambientale): «Ecco tutte le patologie fisiche e mentali conseguenti a problematiche abitative»

In Italia il patrimonio immobiliare è, nella maggior parte dei casi, figlio degli anni ’70. A distanza di quasi 50 anni l’evoluzione della società non rispecchia più totalmente la situazione abitativa: «Questo elemento, e non solo, può condizionare la salute». L’intervista alla direttrice del Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale dell’Università Sapienza di Roma

Immagine articolo

L’influenza che l’habitat nel quale viviamo esercita sul nostro stato di salute e sulla sfera psichica ha un ruolo decisivo nel garantirci benessere o esporci ad una situazione di disagio. Dunque, soprattutto la casa in cui abitiamo è una componente cruciale per vivere la nostra esistenza nel migliore dei modi e rappresenta un punto di riferimento essenziale per ogni persona, a prescindere dal contesto socio-culturale a cui appartiene.

«Rischio di malattie cronico-degenerative, problematiche legate alla salute mentale, rischi infettivi… sono solo alcune delle conseguenze a cui può esporci la casa in cui abitiamo». A spiegarlo in un’intervista a Sanità Informazione è Daniela D’Alessandro, direttrice del Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale dell’Università Sapienza di Roma.

Altro che ‘casa dolce casa’: «Dal punto di vista delle malattie cronico degenerative l’ambiente costruito può avere un effetto diretto e indiretto sulla salute – prosegue la professoressa D’alessandro -. L’effetto diretto è conseguente a tutte le problematiche indoor connesse all’esposizione a sostanze chimiche, alla qualità dell’aria, all’esposizione al radon, ad agenti chimici oppure organici volatili. È interessante notare – continua – che nelle aree più povere, per le fasce socio-economiche più basse, l’indoor è di particolare rilievo anche in base al tipo di sistema di riscaldamento utilizzato e alla sua pericolosità intrinseca. Conseguenza di queste situazioni sono malattie respiratorie e patologie tumorali».

LEGGI ANCHE: INSONNIA: CROMOTERAPIA EFFICACE? COSA DICE LA SCIENZA. MA LA LUCE INFLUENZA LA MELATONINA

Per quel che riguarda invece patologie relative all’ambiente di tipo indiretto «sono strettamente connesse alla collocazione degli edifici nel territorio, quindi disponibilità di spazi aperti dove i bambini possono giocare e gli adulti fare sport. Oppure qualità dell’aria e inquinamento» sottolinea la professoressa. «Conseguenza di queste condizioni sono ad esempio le malattie respiratorie legate all’inquinamento, oppure obesità, diabete e altre forme di patologie cardiovascolari conseguenti ad una vita troppo sedentaria, obbligata da spazi che poco si prestano a favorire il movimento. Non meno importanti, le patologie indirette connesse al rumore urbano che induce stress e mette a rischio la salute cardiovascolare e anche mentale».

  • Children's Hospital (Pittsburgh, Pennsylvania). È stato eletto l'ospedale più ecologico del mondo: eliminazione carta, utilizzo materiali riciclati, efficienza energetica.

«Conseguenze indirette sulla salute relativa allo spazio abitativo sono anche le malattie infettive, rischio conseguente alla qualità delle acque, alle modificazioni del clima che portano insetti che veicolano infezioni differenti. L’ultimo capitolo è quello degli infortuni legati alla tecnologia presente dentro casa: l’incapacità di utilizzarla nel modo giusto, oppure le cadute accidentali e così via».

Un aspetto assolutamente rilevante è l’impatto psichico dell’essere umano rispetto all’habitat: la casa, soprattutto nella cultura occidentale, rappresenta un luogo privato e intimo, che il più delle volte riflette il nostro modo di essere. «Da un’indagine svolta è emerso che nelle abitazioni dove c’è sovraffollamento o non c’è lo spazio minimo individuale, la frequenza del disagio psichico è alta e si esprime in tanti modi come abusi di sostanze stupefacenti, abuso di alcol, forme depressive di vario tipo che sono una delle patologie prevalenti nella società di oggi» prosegue la professoressa D’Alessandro. «In più il benessere psichico è assolutamente legato anche alla percezione di sicurezza che la persona prova dentro casa. Quindi la sicurezza è determinata da tanti fattori: l’illuminazione, l’architettura della casa, del portone, della strada, punti nascosti, visibilità completa, insomma tutti aspetti legati all’abitare che in qualche maniera interferiscono anche provocando ricadute sulla salute mentale».

LEGGI ANCHE: INSONNIA: CROMOTERAPIA EFFICACE? COSA DICE LA SCIENZA. MA LA LUCE INFLUENZA LA MELATONINA

L’emotività, oltre ad essere legata a tutti questi aspetti, dipende anche da un elemento, apparentemente trascurabile, ma che al contrario condiziona moltissimo il nostro umore e di conseguenza le nostre azioni: il colore. Sulla psicologia del colore giocano aspetti portanti dell’architettura, del marketing, persino della food industry con il colore dei cibi e della politica con il colore dei simboli dei partiti. «Il colore è un aspetto assolutamente rilevante – spiega la professoressa -, la tinta degli edifici assume un ruolo centrale nell’ambito di una comunità abitativa. Basta pensare ai graffiti e ai murales che nei quartieri diventano un simbolo di appartenenza corporativa, di riconoscibilità sul territorio».

«Come i colori – conclude -, influisce sulla psiche anche la manutenzione delle strutture: un edificio ben conservato dà la sensazione di ordine, di benessere, mentre quello decadente con incrostazioni, danni alla muratura, può essere motivo di ansia e insicurezza».

Articoli correlati
Cambiamenti climatici e smog, D’Amato: «Allarme pollini allergenici, in aumento asma e mucositi»
Dal XX Congresso Nazionale della Pneumologia Italiana AIPO in corso a Firenze, il professor Gennaro D’Amato avverte: “Attenzione all’inquinamento atmosferico, può aggravare la sintomatologia di asma e allergie”. Il monito arriva nello stesso giorno in cui la rivista The Lancet lancia l'allarme sull'impatto dei cambiamenti climatici sulla salute
Dal “British Medical Journal” l’appello per una nuova visione della medicina
Sono pediatri, epidemiologi e scienziati di fama gli autori dell’appello internazionale pubblicato lo scorso 7 novembre sulle pagine del “British Medical Journal” rivolto a medici e scienziati di tutto il mondo per invertire la rotta nella direzione della prevenzione primaria: smettere di “fare la conta” dei malati e fornire ai decisori, in tempo reale, le […]
Infezioni polmonari da NTM, Stefano Aliberti (pneumologo): «Vi spiego cos’è il network IRENE»
Il professore, a margine della presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare da micobatteri non tubercolari, ha definito il ruolo e le funzionalità del network italiano di professionisti e operatori sanitari Irene sulla patologia
Malattie professionali riconosciute solo nel 34% dei casi. Calleri (CGIL): «Serve strategia nazionale su salute e sicurezza»
«Tutti gli attori devono fare la loro parte, - spiega Sebastiano Calleri, responsabile Salute e Sicurezza sul lavoro della Cgil nazionale - sia le istituzioni sia i sindacati, ma anche i datori di lavoro che sono i primi responsabili della salute dei lavoratori dentro i posti di lavoro». Ad intaccare la salute dei lavoratori anche infortuni e stress
Rettori italiani in prima linea per la salvaguardia di salute e l’ambiente. Presentato il Manifesto SIMA “U4ALL”
Una call for action rivolta al mondo accademico perché sia inserito il tema dei determinanti ambientali e sociali della salute nei corsi di laurea e post-laurea, al fine di promuovere l’Accordo di Parigi e le raccomandazioni delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico. Il Manifesto è stato recentemente pubblicato sulla rivista “The Lancet”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo