Salute 20 settembre 2018

Insonnia: cromoterapia efficace? Cosa dice la scienza. Ma la luce influenza la melatonina

Numerosi studi negli ultimi anni hanno dimostrato l’efficacia di un tipo di occhiali che, bloccando le frequenze della luce blu, permettono di mantenere nella norma i livelli di melatonina e migliorare la qualità del sonno

Cambiare il colore delle pareti della camera da letto non aiuta a dormire meglio. Nonostante in rete si trovino molti articoli sull’efficacia della cromoterapia per combattere l’insonnia, come evidenziato dal portale anti-bufale della FNOMCeO “Dottore ma è vero che non ci sono prove scientifiche che ne dimostrino la reale utilità.

È noto che una relazione tra sonno e luce esiste: la secrezione di melatonina, un ormone fondamentale nella regolazione del sonno, dipende infatti dalla quantità e qualità di luce che colpisce una particolare classe di recettori presenti negli occhi. Inoltre uno studio pubblicato sulla rivista Science in Traslational Medicine nel 2010 ha dimostrato che la produzione di melatonina è influenzata anche dal colore della luce: ad esempio, la luce blu riduce la secrezione dell’ormone, e per questo motivo si sconsiglia di guardare per molto tempo gli schermi di telefoni o computer prima di andare a dormire.

È su questo tema che si concentrano molti studi legati alla relazione tra sonno e colore: è stata infatti studiata l’efficacia di un tipo di lenti in grado di bloccare le frequenze della luce blu. Due studi del 2006 hanno dimostrato che questi occhiali consentono di mantenere nella norma i livelli di melatonina nonostante l’esposizione alla luce blu. Un altro studio si è focalizzato proprio sugli effetti delle lenti sul sonno, ed ha dimostrato un miglioramento della qualità del sonno e dell’umore. Tuttavia, sono stati gli stessi autori della ricerca a sottolineare che il campione testato fosse troppo piccolo per poter trarre conclusioni affidabili dallo studio.

Un’altra ricerca ha valutato l’efficacia dell’utilizzo delle lenti di sera in 14 pazienti affetti da insonnia associata a deficit di attenzione e iperattività, facendo emergere, anche in questo caso, un miglioramento della qualità del sonno e dei livelli di ansia. Infine, uno studio del 2015 ha indagato l’efficacia delle lenti su un campione di ragazzi adolescenti che spesso trascorrono del tempo davanti ad uno schermo prima di andare a dormire: i risultati hanno messo in evidenza livelli maggiori di melatonina e minori di allerta e vigilanza.

Articoli correlati
Osas, Tavalazzi: «Grazie alla tecnologia, oggi diagnosi e trattamento apnee del sonno in casa e senza ricovero»
Per i medici la sindrome delle apnee notturne è una patologia troppo sottovalutata. Lo specialista in malattie dell’apparato respiratorio: «Fondamentale la formazione dei medici di famiglia che sono l’anello di congiunzione con gli specialisti. Grazie alle nuove tecnologie oggi le diagnosi e i trattamenti sono più semplici da gestire»
OSAS e apnee notturne, parla W.K. Thornton (Baylor College Tex): «Una vera e propria epidemia negli Usa e in Italia»
Sindrome delle apnee ostruttive del sonno, una malattia molto diffusa che mette a rischio quasi due milioni di italiani. Ce ne parla il professore texano W.K. Thornton, massima autorità in campo di medicina del sonno: «Osas causa di obesità, problemi di apprendimento e colpi di sonno alla guida»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila