Salute 16 Gennaio 2018 11:41

Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…

Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…

Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…

Farmaci innovativi, superticket, ricerca, acquisto di beni e Servizi da parte del SSN, sono solo alcuni degli elementi messi sotto la lente d’ingrandimento dalla Legge di Bilancio 2018 (in vigore dal 1° gennaio) in tema sanitario.

Tra le novità anche le nuove misure per il payback farmaceutico e le norme per il completamento della legge sul testamento biologico con l’istituzione di una banca dati sulle Dat (Disposizione anticipata di trattamento).

Misure salutate con soddisfazione dalla maggioranza di governo, ma bocciate dai sindacati medici che le ritengono del tutto «insoddisfacenti in merito al destino della sanità pubblica». Nodo del contendere il mancato rinnovo del contratto e il peggioramento delle condizioni di lavoro degli operatori medici: «E’ stato fatto molto poco – si legge in una nota intersindacale – per alleviare il peggioramento progressivo delle condizioni di lavoro di una categoria, quella dei dipendenti del Ssn, che invecchia e che, unica al mondo, è costretta al lavoro disagiato oltre i 65 anni per garantire il diritto alla salute dei cittadini. Niente sul futuro dei giovani, vista l’ostinazione a non volere aumentare il numero di contratti di formazione specialistica tenendo stretto un imbuto formativo grazie al quale crescono solo disoccupazione, sottooccupazione e caporalato».

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le aree di applicazione nel comparto sanità della Legge Bilancio:

Equo compenso

Nella Legge Bilancio è stato promosso un nuovo intervento che certifichi il rispetto dei parametri ministeriali che fissano l’equità dei compensi: la definizione dei pagamenti dovrà essere adeguata ai criteri stabiliti. Nel testo approvato in via definitiva, l’equo compenso è valutato conforme ai parametri previsti dal regolamento approvato dal Ministero e è corrispondente alla quantità e alla qualità dell’attività professionale offerta. Ad oggi, non sono previste tabelle per tutte le libere professioni, tuttavia per usufruire della disciplina dell’equo compenso, la legge richiede l’iscrizione all’albo da parte del professionista.

Costo dei Farmaci o pay-back farmaceutico

Riguarda il costo dei farmaci innovativi e coperti da brevetto. Secondo la manovra, le aziende farmaceutiche restituiranno allo Stato il 10% del superamento della spesa (pay-back) rispetto all’anno precedente. In questo ambito, di recente, innumerevoli i contenziosi che si sono venuti a creare a causa delle attività difformi di alcuni operatori del settore, proprio per sedare queste tensioni è intervenuta la politica.

Acquisto di beni e Servizi da parte del Servizio Sanitario Nazionale

Tutti gli eventuali acquisti e le procedure adottate dalle varie strutture sanitarie, devono risultare in formato elettronico e sono da inviare per visione e approvazione al Ministero della Sanità per promuovere il concetto di trasparenza ed efficienza.

Superticket

È pianificato un taglio su diagnostica e specialistica da 60 milioni di euro a decorrere dal 2018 per facilitare l’accesso alle prestazioni sanitarie delle ‘categorie di soggetti vulnerabili’ come minori, anziani, malati e redditi bassi. Sicuramente l’abolizione riguarderà i redditi bassi e i minori che frequentano la scuola dell’obbligo.

Caregiver 

Approvato un fondo per le famiglie che si occupano di familiari non autosufficienti. Per il triennio 2018-2020 è stato stanziato un fondo di 60 milioni di euro. L’obiettivo è fornire copertura finanziaria a interventi legislativi rivolti al riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura non professionale.

Ricercatori

La Legge Bilancio vuole stabilizzare i ricercatori degli Istituti di Ricerca e di quelli Zooprofilattici stanziando 230 milioni distribuiti negli anni fino al 2021. La norma, definita ‘Piramide dei ricercatori’, consentirà l’assunzione di settanta ricercatori all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino. La Piramide prevede un contratto a tempo determinato di cinque anni rinnovabili, e altri cinque anni con successivo passaggi a tempo indeterminato anche con qualifica dirigenziale. Stanziati settanta milioni di euro, destinati a rendere stabile il ruolo dei ricercatori e degli operatori che lavorano nel mondo della ricerca negli Istituti Zooprofilattici e negli IRRCS.

Articoli correlati
Pandemia e Ssn, Landini (Cgil): «Batteremo il virus attraverso il lavoro. Cooperare tutti perché nessuno si salva da solo»
Il Segretario della Cgil ha preso parte all’Assemblea Generale Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn. Filippi: «Mmg, specialisti ambulatoriali e medici fiscali devono rientrare nel contratto collettivo nazionale della dirigenza». Lanza: «Delusi dal PNRR»
«Lavorare in ospedale? No, grazie». In 10 anni aumentati dell’81% i medici che si sono dimessi
Lo rivela uno studio condotto da Anaao Assomed: «La speranza è soprattutto di avere un lavoro meno burocratico, più autonomo, con orari più flessibili»
Firmata ordinanza Rsa: massimo due visitatori per ospite, sconsigliati gli under 6. Cosa prevede
Il Ministro Speranza: «Ringrazio Regioni e Cts che hanno lavorato in sintonia con il Ministero della Salute per conseguire questo importante risultato. È ancora necessario mantenere la massima attenzione e rispettare le regole e i protocolli previsti, ma condividiamo la gioia di chi potrà finalmente rivedere i propri cari dopo la distanza indispensabile per proteggerli»
Nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt a 0,89, in leggera risalita ma cala incidenza»
Brusaferro: «Lieve aumento Rt messo in conto con aperture». Rezza: «Per raggiungere immunità di gregge dovremmo vaccinare il 60-70% della popolazione. Ma alcuni fattori possono far alzare soglia». Sicilia, Sardegna e Valle d'Aosta in arancione
Terapia domiciliare Covid, i medici del Comitato scendono in piazza e insistono: «Tachipirina e vigile attesa è un errore»
«Il nostro obiettivo è bloccare la patologia ai suoi esordi», spiega Nino Pignataro, uno dei medici che hanno aderito al Comitato Cura Domiciliare Covid-19 presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi. Sabato 8 maggio manifestazione a piazza del Popolo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...