Lavoro 16 Gennaio 2018

Legge Bilancio 2018: cosa cambia per il comparto sanità? Ecco tutte le novità…

Quali saranno le aree di applicazione della manovra? A pochi giorni dall’inizio del nuovo anno già si iniziano a tracciare i primi bilanci ma i sindacati restano insoddisfatti…

Immagine articolo

Farmaci innovativi, superticket, ricerca, acquisto di beni e Servizi da parte del SSN, sono solo alcuni degli elementi messi sotto la lente d’ingrandimento dalla Legge di Bilancio 2018 (in vigore dal 1° gennaio) in tema sanitario.

Tra le novità anche le nuove misure per il payback farmaceutico e le norme per il completamento della legge sul testamento biologico con l’istituzione di una banca dati sulle Dat (Disposizione anticipata di trattamento).

Misure salutate con soddisfazione dalla maggioranza di governo, ma bocciate dai sindacati medici che le ritengono del tutto «insoddisfacenti in merito al destino della sanità pubblica». Nodo del contendere il mancato rinnovo del contratto e il peggioramento delle condizioni di lavoro degli operatori medici: «E’ stato fatto molto poco – si legge in una nota intersindacale – per alleviare il peggioramento progressivo delle condizioni di lavoro di una categoria, quella dei dipendenti del Ssn, che invecchia e che, unica al mondo, è costretta al lavoro disagiato oltre i 65 anni per garantire il diritto alla salute dei cittadini. Niente sul futuro dei giovani, vista l’ostinazione a non volere aumentare il numero di contratti di formazione specialistica tenendo stretto un imbuto formativo grazie al quale crescono solo disoccupazione, sottooccupazione e caporalato».

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le aree di applicazione nel comparto sanità della Legge Bilancio:

Equo compenso

Nella Legge Bilancio è stato promosso un nuovo intervento che certifichi il rispetto dei parametri ministeriali che fissano l’equità dei compensi: la definizione dei pagamenti dovrà essere adeguata ai criteri stabiliti. Nel testo approvato in via definitiva, l’equo compenso è valutato conforme ai parametri previsti dal regolamento approvato dal Ministero e è corrispondente alla quantità e alla qualità dell’attività professionale offerta. Ad oggi, non sono previste tabelle per tutte le libere professioni, tuttavia per usufruire della disciplina dell’equo compenso, la legge richiede l’iscrizione all’albo da parte del professionista.

Costo dei Farmaci o pay-back farmaceutico

Riguarda il costo dei farmaci innovativi e coperti da brevetto. Secondo la manovra, le aziende farmaceutiche restituiranno allo Stato il 10% del superamento della spesa (pay-back) rispetto all’anno precedente. In questo ambito, di recente, innumerevoli i contenziosi che si sono venuti a creare a causa delle attività difformi di alcuni operatori del settore, proprio per sedare queste tensioni è intervenuta la politica.

Acquisto di beni e Servizi da parte del Servizio Sanitario Nazionale

Tutti gli eventuali acquisti e le procedure adottate dalle varie strutture sanitarie, devono risultare in formato elettronico e sono da inviare per visione e approvazione al Ministero della Sanità per promuovere il concetto di trasparenza ed efficienza.

Superticket

È pianificato un taglio su diagnostica e specialistica da 60 milioni di euro a decorrere dal 2018 per facilitare l’accesso alle prestazioni sanitarie delle ‘categorie di soggetti vulnerabili’ come minori, anziani, malati e redditi bassi. Sicuramente l’abolizione riguarderà i redditi bassi e i minori che frequentano la scuola dell’obbligo.

Caregiver 

Approvato un fondo per le famiglie che si occupano di familiari non autosufficienti. Per il triennio 2018-2020 è stato stanziato un fondo di 60 milioni di euro. L’obiettivo è fornire copertura finanziaria a interventi legislativi rivolti al riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura non professionale.

Ricercatori

La Legge Bilancio vuole stabilizzare i ricercatori degli Istituti di Ricerca e di quelli Zooprofilattici stanziando 230 milioni distribuiti negli anni fino al 2021. La norma, definita ‘Piramide dei ricercatori’, consentirà l’assunzione di settanta ricercatori all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Torino. La Piramide prevede un contratto a tempo determinato di cinque anni rinnovabili, e altri cinque anni con successivo passaggi a tempo indeterminato anche con qualifica dirigenziale. Stanziati settanta milioni di euro, destinati a rendere stabile il ruolo dei ricercatori e degli operatori che lavorano nel mondo della ricerca negli Istituti Zooprofilattici e negli IRRCS.

Articoli correlati
Un medico su due ha subito aggressioni, Grillo e Anelli: «È emergenza, si approvi subito ddl anti-violenza»
Tra i temi affrontati dal ministro della Salute e dal presidente della FNOMCeO, anche il finanziamento del Fondo sanitario nazionale, le soluzioni alla carenza di medici ed il sistema della prescrizione dei farmaci
Sanità, Aifi festeggia 60 anni e guarda al futuro
L’AIFI, l’Associazione italiana fisioterapisti, compie 60 anni e ripercorre le tappe che l’hanno portata a rappresentare la categoria, a tutelare professionisti e cittadini e a proiettarsi verso i nuovi bisogni di salute della popolazione contribuendo alla sostenibilità del Servizio sanitario nazionale. Oltretutto cambiando ancora ‘pelle’ a seguito della legge 24 del 2017 (legge Gelli) per […]
Human Technopole pronto nel 2024. Mattaj (direttore) : «Permetterà all’Italia di diventare un paese più competitivo nella ricerca biomedica»
Human Technopole è un centro di ricerca scientifico dedicato alle scienze della vita dotato delle tecnologie più avanzate al mondo e sopratutto di mezzi che non ha nessuno: quasi un miliardo di euro, secondo la Legge di Bilancio 2017, direttamente dalle tasche dello Stato, dal 2016 al 2024 quando dovrebbe essere completato (per un totale […]
ECM, l’annuncio del ministro Grillo: «Nuovo sistema di incentivi e premialità per la formazione dei professionisti sanitari»
Si è insediata al ministero la nuova Commissione nazionale per la formazione presieduta dal ministro della Salute, che ha commentato: «Da oggi cambio di rotta per il bene del nostro SSN: superare l’attuale sistema sanzionatorio e punitivo»
Epatite C, nuovi farmaci eradicano il virus. Vella (ISS): «Lavorare sui pazienti che non sanno di avere l’infezione»
È quanto emerso durante i lavori del convegno "L'Europa e l'Italia nell'obiettivo dell'eradicazione dell'infezione da HCV", svoltosi a Roma presso il Ministero della Salute. «Consiglierei ai medici di famiglia di far fare uno screening per l’Epatite C a tutti quei pazienti che hanno avuto dei fattori di rischio», sottolinea Adriano Pellicelli, direttore del Dipartimento Malattie del Fegato dell’Ospedale San Camillo di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...