Salute 24 Maggio 2018 16:07

Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»

«L’infezione rimane latente in alcuni animali definiti ‘serbatoi’ e quando l’uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L’intervista al Direttore dell’Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma

Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»

«L’errore è nel pensare che quando non si parla più di una malattia è perché questa non esiste più». Roberto Cauda, Direttore dell’Area di Microbiologia e Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma, si riferisce a Ebola, la febbre emorragica che dopo l’epidemia del 2013-2016, torna a colpire l’Africa.

Ebola, che uccise 11mila persone negli anni passati, si riaffaccia nella regione congolese del Bikoro e «ha messo in moto la macchina organizzativa mondiale», sottolinea il Professore. «Eppure – prosegue – anche se in molti parlano di ‘virus che ritorna’ in realtà la malattia non se n’è mai andata, non è mai scomparsa del tutto: infatti rimane ibernata in alcuni animali cosiddetti ‘serbatoio’ che custodiscono il virus e quando si verificano contatti tra uomo e animale contaminato, questa riemerge e si manifesta». Il virus può infettare l’uomo quando il soggetto entra in contatto con sangue o fluidi corporei di un animale infetto e, purtroppo, «non esiste ancora una terapia specifica», aggiunge Cauda.

LEGGI ANCHE: EBOLA, ARRIVA IL VACCINO PER COMBATTERE L’EPIDEMIA IN CONGO

«Tuttavia il vaccino adesso a disposizione sembrerebbe efficace – spiega Cauda – insieme al cocktail di anticorpi monoclonali ricavati in laboratorio». Questo cocktail è il risultato – come scrive le Scienze – di anticorpi scoperti nel sangue di un sopravvissuto a un’epidemia del 1995 che si sono dimostrati in grado di proteggere l’uomo dall’infezione.

«Per questa nuova epidemia sono per ora disponibili 4mila dosi di vaccino  – aggiunge il Professore – e avendo reperibile il cocktail di anticorpi monoclonali, speriamo di riuscire a contenere questo focolaio, ma è ancora presto per tracciare bilanci. I conti si fanno alla fine».

«L’elemento che ha destato maggiore preoccupazione – prosegue il Direttore – è che questa volta in Congo c’è stato un caso in un’area urbana di 1 milione 200mila persone. In passato c’erano stati casi in altre città, ma finora mai in Congo, ed è chiaro che questo elemento di ‘novità’ ha destato ancor più paura tra la popolazione».

«Di fatto – conclude – come ho già detto, è difficile fare ipotesi o considerazioni affrettate. Sicuramente è prematuro parlare di pandemie oppure sminuire il contagio definendolo ‘semplice focolaio in via di risoluzione’, e come ho scritto nel mio libro (‘Vita & pensiero – Ebola, occasione mancata tra scienza e solidarietà’ ndr.): ‘le domande sulla diffusione dell’Ebola fanno parte di quelle che non possono ricevere risposte certe, e ciò viene avvertito dall’opinione pubblica come un elemento di incertezza, che può sfociare nella sfiducia. D’altro canto un’eccessiva rassicurazione da parte delle autorità competenti può ancor di più essere percepita dall’opinione pubblica come il tentativo di tener nascosta la verità’».

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Terza dose, l’appello di D’Amato agli over 60: «Dopo 180 giorni si può fare il richiamo»
Partita anche la campagna antinfluenzale. L’Assessore: «Numeri molto positivi, è gratuita dai 60 anni in su e tra i 6 mesi e i 6 anni, dal medico o dal pediatra di libera scelta»
Vaccini antinfluenzali in farmacia, c’è l’accordo. Tobia (Federfarma): «Grande riconoscimento»
Il Segretario Nazionale commenta il protocollo che dà alle farmacie un ruolo ancora più importante sul territorio. Ma riusciranno le farmacie a reggere tra tamponi rapidi e vaccinazioni (anti-Covid e antinfluenzali)? «Ce la faremo alla grande»
Effetto Green pass, GIMBE: «Oltre 2,1 milioni di test rapidi e 407mila nuovi vaccinati»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe rileva tutti i numeri in calo, tranne i decessi che rimangono stabili. Risalgono le somministrazioni, terze dosi a rilento. Gimbe propone di incrementare vaccinazioni over 12 e introdurre obbligo terza dose per operatori sanitari
Il 96% dei deceduti per Covid-19 non era vaccinato. Onder (ISS): «Ampia copertura per proteggere gli “iperfragili”»
Pubblicato il report ISS sui decessi per Covid-19 degli ultimi 8 mesi. I morti non vaccinati sono 23 volte di più di quelli che avevano ricevuto la doppia dose e sono comunque deceduti a causa del virus
Immigrazione, Aodi (Amsi): «Solo il 7% di 800.000 persone senza tessera sanitaria ha il green pass»
Solo in 13 regioni su 21 si possono effettuare vaccini per irregolari, ribadisce Aodi (AMSI) e denuncia i ritardi nelle vaccinazioni nei paesi più poveri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Assicurativo

Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?

Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in qu...