Salute 28 ottobre 2014

Ebola: fronte comune internazionale per arginare l’epidemia

L’Italia accetta per prima la sfida per realizzare un kit portatile per le diagnosi. L’Oms accelera sul vaccino e la Ue raddoppia i fondi per l’emergenza in Africa

Immagine articolo

Parola d’ordine: prevenzione. La strategia internazionale per provare a contenere la diffusione dell’Ebola implica un protocollo sempre più rigido, oltre che efficace, mirato ad evitare i contagi.

Ma un ruolo determinante sarà riuscire ad effettuare diagnosi in tempi sempre più rapidi e con un margine di errore minimo. I primi ad accettare questa sfida sono stati biologi e i ricercatori novaresi del gruppo Fleming-Clonit, gli stessi che erano già scesi in campo quando le minacce erano Antrace e Sars. L’idea è quella di realizzare un kit portatile per identificare il virus. Inizialmente si era diffusa la notizia che – su indicazione dell’OMS –  sarebbe partita la sperimentazione allo “Spallanzani”. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’Istituto, ha chiarito “di non aver  ricevuto nessun incarico in tal senso dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e di non aver iniziato nessuna validazione di tale kit.  Stiamo solo valutando – ha concluso – la fattibilità con alcune aziende di una applicazione diagnostica innovativa”.

Chiaramente la ricerca di una soluzione tiene impegnati gli esperti di tutto il mondo: la stampa internazionale riporta notizie di studi, sperimentazioni e ricerche in corso in Inghilterra ed in Finlandia. Negli Stati Uniti c’è stato invece un boom di richieste di kit di prevenzione, ovvero tutto l’occorrente per tenere al sicuro il personale sanitario. Ed a tal proposito su L’Espresso si pone l’attenzione sulle criticità italiane. Tutelare medici ed infermieri è insomma una priorità quanto mettere a punto un kit che permetta di individuare il virus rapidamente. Viene da sé che si accelerino i tempi e si allentino i cordoni della borsa: se da una parte l’Oms annuncia a Ginevra che “centinaia di migliaia di dosi del vaccino a cui stanno lavorando diverse ditte farmaceutiche potrebbero essere disponibili nella prima metà dell’anno prossimo”, l’Unione europea aumenta gli aiuti economici.  La proposta, avanzata nei giorni scorsi dal primo ministro britannico David Cameron, di incrementare i fondi a disposizione, è stata accolta:  il contributo europeo nella lotta al virus Ebola, che fin qui ammontava a circa 600 milioni, è salito ad oltre un miliardo.

Tags

Articoli correlati
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila