Salute 25 marzo 2015

Ebola, fronte comune contro il virus. Per sconfiggerlo una formazione di rango “militare” 

Ruolo chiave per l’Aeronautica Militare. Intervista esclusiva al Generale Ispettore Piervalerio Manfroni: “Prepararsi, informarsi ed informare alla base dei risultati che riusciamo a conseguire”

Immagine articolo

L’importanza di un’adeguata formazione, di una preparazione che consenta di agire rapidamente e con precisione, viene ormai costantemente confermata dall’emergenza Ebola. E l’Italia, mettendo in campo le sue eccellenze, sta assumendo un ruolo di primo piano nel fronte comune internazionale creato per contrastare l’epidemia.

Insieme all’Istituto di Ricerca e Cura per le Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, con cui è stata instaurata tra l’altro una proficua collaborazione, l’Aeronautica Militare ha dimostrato di essere al top anche in questo campo. E il Generale Ispettore Piervalerio Manfroni, Capo del Servizio Sanitario della forza armata italiana destinata alle operazione aeree, in questa intervista esclusiva a Sanità Informazione, è entrato nei dettagli di un servizio altamente qualificato e specializzato.

Il caso Ebola gestito – in alcuni aspetti – dall’Aeronautica Militare ha dimostrato l’eccellenza italiana in questo ambito.
Sicuramente l’emergenza non ci ha colti impreparati. L’Aeronautica Militare ha contribuito con le proprie capacità, ispirate ad un’unica  filosofia: rapidità ed efficacia. Siamo da tempo addestrati al trasporto di pazienti affetti da gravi patologie infettive, evitandone la diffusione nell’ambiente circostante. L’aereo, nello specifico, è un ambiente dove è facile il contagio degli operatori. Con un addestramento costante e accurato nel tempo abbiamo realizzato, in quest’ottica, un sistema di contenimento a pressione negativa. Ci ha fatto piacere metterlo a disposizione della collettività nazionale quando si è dimostrato necessario.

L’eccellenza italiana delle Forze Armate, in questo caso dell’Aeronautica, insieme a quella dell’Istituto “Lazzaro Spallanzani” di Roma. Competenze di qualità, riconosciute in Italia e a livello internazionale.
La qualità è l’altro requisito che perseguiamo: agire presto e bene, infatti, implica qualità. Ho apprezzato il riferimento alla collaborazione con lo Spallanzani: il servizio sanitario militare – in questo caso quello dell’Aeronautica – è un’entità perfettamente inserita nel Ssn, ed entrambi sono a disposizione di tutti i cittadini. Negli istituti di medicina aerospaziale, ad esempio, controlliamo quotidianamente i piloti dei nostri velivoli ad altissime prestazioni insieme ai nostri piloti di linea. Mi fa piacere che i passeggeri sappiano che il personale che vedono in cabina e ai comandi è stato controllato da noi. Anche quella è una capacità che mettiamo a disposizione di tutti.

L’efficace collaborazione tra l’Aeronautica Militare e lo Spallanzani dimostra l’importanza di esportare e comunicare questo modello. La formazione degli operatori sanitari è un elemento che può salvare vite umane.
Prepararsi, informarsi ed informare, con quella dose d’umiltà che deve caratterizzare ogni buon medico, è alla base dei risultati che riusciamo a conseguire. Ci ha fatto sempre piacere il confronto in ambito nazionale e internazionale con i colleghi desiderosi di affrontare questo problema. Vogliamo continuare a combattere insieme queste battaglie per l’interesse comune e credo che nel futuro queste collaborazioni aumenteranno: abbiamo ricevuto richieste da diversi Paesi europei, e il Dipartimento di Stato degli USA è venuto a visitarci. E’ stato un proficuo scambio di esperienze, che ci ha arricchiti. Unendo le forze sono certo che riusciremo a fare ancora di più – e meglio – rispetto ad oggi.

Tags

Articoli correlati
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...