Salute 16 Aprile 2021 16:34

È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort

Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?

È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort

È più probabile morire per un trombo causato da un vaccino (anche se il nesso non è ancora stato dimostrato) o mentre si sta percorrendo la strada per andare ad effettuare la vaccinazione o tornando a casa dopo averla fatta? Di fronte all’imprevedibilità del caos che manipola e governa gli eventi di ogni giorno non si può far altro che affidarsi ai numeri. Quelli non mentono mai.

Facciamo un esempio: quante possibilità ci sono di azzeccare la sestina vincente al Superenalotto? Una sola su 622.614.630. Un colpo di fortuna praticamente impossibile. Eppure di persone che sognano di indovinare i sei numeri vincenti ce ne sono tante (un tempo era un appuntamento per il quale si fermava un’intera nazione) e ogni volta che puntano qualche euro su una combinazione completamente casuale (o dettata da improbabili e personalissime cabale) sperano in cuor loro che sia la volta buona per cambiare completamente vita.

La sospensione di J&J

Un qualcosa di analogo (ma al rovescio) sta accadendo anche ora che tutto il mondo sembra dar più importanza ai presunti rischi dei vaccini anti-Covid che ai certissimi pericoli cui va incontro una persona che il Covid-19 se lo becca. Prendiamo ad esempio il motivo per cui negli Stati Uniti è stato sospeso in via precauzionale il vaccino Johnson&Johnson. La ragione ufficiale che è stata data è che su un totale di oltre sei milioni di vaccinazioni si sono verificati sei casi di trombosi (di cui uno solo mortale).

Ammesso e non concesso che esista una correlazione tra le due cose (vaccini e casi di trombosi), ciò vorrebbe dire che chi viene vaccinato con J&J avrebbe una possibilità su un milione di sviluppare coaguli nel sangue nel giro di poche settimane. Una possibilità su un milione è tanto? È poco? Per poter dare una risposta quanto meno sensata è necessario ricorrere ad un’unità di misura sconosciuta ai più e dal nome discretamente evocativo: il Micromort.

Cos’è il Micromort?

Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di lasciarci la pelle per ogni attività quotidiana. Anche cose banali come alzarsi dal letto o stare seduti sulla sedia comportano, anche se in quantità infinitesimali, dei rischi. In casi come questi, dunque, il Micromort è molto basso. Ma facciamo un esempio di attività un pelo più rischiosa: quante probabilità ci sono di morire guidando una moto per dieci chilometri? 1 Micromort. Vuol dire che su un milione di persone che guidano la moto per dieci chilometri in un solo giorno ne muore una (ovviamente si tratta di una media).

Detto ciò, se utilizziamo questo criterio per valutare la mortalità di un vaccino (in questo caso J&J) e ci rifacciamo ai numeri che hanno motivato la sospensione delle somministrazioni da parte della FDA (Food and Drug Administration) americana, c’è una possibilità su sei milioni di restarci secchi. Una possibilità su sei milioni equivale a 0,17 Micromort. Cioè tante, ma tante, ma parecchie probabilità in meno di morire per un incidente d’auto lungo un tragitto di 370 chilometri (1 Micromort) o per un viaggio di mille miglia (1.609,34 chilometri) in aereo (sempre 1 Micromort).

Micromort, Covid-19 e vaccini. Un calcolo semplice semplice

Ora, chiunque conosca i rischi che si corrono in caso di infezione da Covid-19 e l’utilità di una vaccinazione (e quindi escludendo a priori, ovviamente, i negazionisti e i no-vax) può dare uno sguardo ai freddi numeri e capire: al 16 aprile negli Stati Uniti i numeri ufficiali parlano di circa 565mila morti su 31,5 milioni di casi di Covid-19 (ovvero 17.900 Micromort). Nel mondo quasi 3 milioni di morti su un totale di poco più di 139 milioni di casi (21.400 Micromort). In Italia l’ultimo bollettino parla di quasi 116mila morti a fronte di un totale di persone che hanno contratto il virus pari a circa 3,8 milioni (30.500 Micromort).

Chiunque creda alla scienza e ai numeri non può ignorare i dati fin qui elencati: il rapporto tra benefici e rischi (questi ultimi, tra l’altro, ancora da dimostrare) è assolutamente, chiaramente e incontrovertibilmente sbilanciato verso i primi. Ma allora perché questo panico ingiustificato? Per lo stesso motivo (ma al rovescio) per cui una persona gioca al Superenalotto sperando di fare 6 e vincere il jackpot: la mente umana tende sistematicamente a sovrastimare la probabilità che si verifichi un evento parecchio improbabile, sia esso positivo che negativo. Un bias cognitivo che spiega perché se un domani chiederete ad una persona che ha partecipato con tenacia e costanza alla lotteria degli scontrini (una possibilità su 53 milioni di vincere) se si farebbe il vaccino anti-Covid, avrete un’alta probabilità che questa vi dica di no per paura di crepare.

«Il coraggio non mi manca – avrebbe detto Totò –, è la paura che mi frega».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
La settimana mondiale della Tiroide 2021 promuove la telemedicina
Si svolgerà dal 24 al 30 maggio, con il patrocino di ISS e con la partecipazione delle principali società scientifiche endocrinologiche, mediche e chirurgiche
di Federica Bosco
Reithera: la Corte dei Conti blocca i fondi per il vaccino italiano. Figliuolo: «A giugno avremo CureVac»
Con il mancato via libera da parte della Corte dei Conti, il vaccino made in Italy resta senza fondi per la fase 3 e rischia di non vedere mai la luce
Vaccini, Locatelli e Magrini: «Ritardare seconda dose Pfizer e Moderna non inficia efficacia. Probabile terzo richiamo»
In audizione in Commissione Sanità, il coordinatore del Cts ricorda come le stesse compagnie farmaceutiche avevano presentato all’EMA un dossier in cui la popolazione studiata aveva avuto richiami fino a 42 giorni
Dl Sostegni bis, Speranza: «500 milioni per accelerare interventi, visite e screening non effettuati»
L’annuncio su Facebook del Ministro della Salute. Le risorse risparmiate grazie ai «primi risultati raggiunti nel contenimento del Covid» andranno «ora a rafforzare ancora di più gli investimenti su tutte le altre patologie e favorire lo scorrimento delle liste d'attesa dei nostri servizi sanitari»
Vaccini, Rasi (Consulcesi): «Criticità per Sputnik e vaccino cinese, non facciamo gli stessi errori di Astrazeneca»
Sputnik, test, numeri dosi e soggetti non responder: ecco cosa vogliono sapere i medici su vaccini e varianti. Le risposte durante la masterclass Consulcesi con Rasi e Andreoni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 maggio, sono 163.642.990 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.390.316 i decessi. Ad oggi, oltre 1,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...