Salute 6 Dicembre 2021 09:54

Booster a tre mesi, Abrignani: «Potrebbe non innescare la memoria immunitaria a lungo termine e rendere necessaria la quarta dose»

Il professore ordinario di patologia generale dell’Università degli studi di Milano: «Vaccinare tutta la popolazione è la priorità assoluta: le varianti nascono tra le persone infette non vaccinate. Omicron non sarà l’ultima»

«Accorciare troppo la distanza tra la seconda e la terza dose potrebbe rendere necessario un quarto richiamo». Così Sergio Abrignani, professore ordinario di Patologia generale all’università degli studi di Milano, commenta la decisione del Regno Unito di offrire la dose booster, tra i 18 e i 39 anni, a tre mesi dalla seconda. Il Comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione inglese (JCVI) ha puntato su questa strategia per contrastare la diffusione della nuova variante Omicron.

«La terza dose, cosiddetta booster – continua Abrignani – serve ad innescare una memoria a lungo termine. Farla troppo precocemente potrebbe vanificare questo obiettivo, rendendo così inevitabile una dose ulteriore, la quarta appunto».

Memoria a lungo termine dei vaccini, la durata

Che questa tipologia di vaccini sia in grado di attivare una memoria immunitaria all’interno del corpo umano è un dato di fatto. Più difficile stabilire quanto possa durare questo “ricordo”. «La memoria immunitaria prodotta da altri vaccini, come quello contro l’Epatite B o lo Pneumococco, varia da cinque a dieci anni. Quanto durerà quella da vaccino anti-Covid lo scopriremo solo valutandone gli effetti, anno dopo anno. Anche se, ora, più che chiedersi quanto a lungo saranno protetti i vaccinati con tre dosi, dovremmo occuparci di risolvere un altro problema, più grande: vaccinare chi di dosi non ne ha ricevuta nemmeno una».

Omicron non sarà l’ultima variante

Anche se la decisione del governo inglese dovesse mostrarsi utile a contenere la diffusione della nuova variante Omicron, è molto probabile che ne arrivino delle altre. «Le varianti – spiega Abrignani – nascono tra la popolazione infetta non vaccinata. Negli ultimi dodici mesi ne sono circolate ben tre». E nonostante i conseguenti allarmismi, dalla comparsa di queste nuove varianti di preoccupazione qualcosa è stato appreso: «Abbiamo imparato quali sono le tre domande fondamentali alle quali gli scienziati devono rispondere, nel minor tempo possibile, dal momento in cui una nuova variante viene isolata. Innanzitutto, se è già più diffusa di quelle, fino ad allora, ritenute dominanti. Due, se è capace di originare una patologia più grave e, soprattutto, se la risposta immunitaria indotta dai vaccini resta adeguata».

Il Sars-CoV-2 muta, ma non troppo

Aldilà delle risposte che si otterranno di volta in volta analizzando le singole varianti, comprese quelle che attendiamo sulla variante Omicron, qualche dato è ormai certo. «Possiamo affermare che il coronavirus Sars-CoV-2, come tutti i coronavirus, ha un certo livello di mutazione. Ma che questa sua capacità di mutare, se comparata a quella di altri virus, non appare elevatissima. Tanto che il vaccino originale (precedente alle tre varianti circolate nell’ultimo anno) – dice Abrignani – risponde ancora abbastanza bene».

Dai vaccini anti-Covid una nuova pagina di immunologia

Ma la straordinarietà del vaccino anti-Covid non risiede soltanto nella capacità protettiva che sta mostrando in questi mesi: «Rappresenta un cambiamento epocale – assicura il professore -. Finora l’antigene vaccinale veniva prodotto esclusivamente in laboratorio, per poi essere iniettato nell’uomo. I vaccini attualmente utilizzati, invece, i cosiddetti “genetici”, offrono le informazioni alle nostre cellule, attraverso un vettore virale (come l’adenovirus di AstraZeneca) o gli Rna messaggeri (di Moderna e Pfzer), necessarie a produrre l’antigene vaccinale. In altre parole, ognuno di noi, con le proprie cellule, “crea” il proprio vaccino all’interno del proprio corpo».

Ma i primati dei vaccini anti-Covid non finiscono qui: «Non era mai accaduto prima che la popolazione fosse vaccinata con una pandemia ancora in corso. Una novità assoluta – conclude il patologo – che ci condurrà anche ad una rivalutazione dei concetti immunologici di base».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini Covid, Iss: «Sì a terza dose in gravidanza e allattamento»
L’Istituto superiore di sanità raccomanda il booster per le donne in dolce attesa e per quelle che allattano. La terza dose si può somministrare contestualmente al vaccino contro influenza e pertosse
Stop ai dubbi: la maratona scientifica di Regione Lombardia spiega tutto su Omicron e vaccini
Oltre mille domande su terza dose, effetti collaterali e varianti a cui i massimi esperti hanno risposto in tre ore di diretta televisiva
di Federica Bosco
Report Iss, Rt a 1,23 e una Regione a rischio alto. Dal 1 dicembre terza dose per tutti gli over 18
Firmata la circolare per permettere la dose booster a tutti gli over 18 da inizio dicembre e prolungate le esenzioni per chi non può accedere alla vaccinazione. Intanto continuano ad alzarsi incidenza ed Rt e la maggior parte delle Regioni viaggia su rischio moderato
Super Green pass, la stretta sui non vaccinati per cinema, teatri, palestre e piscine
Terza dose dopo cinque mesi, si va verso la riduzione della durata del green pass a nove mesi per i vaccinati. Le nuove restrizioni saranno decise entro giovedì, molti i nodi ancora da sciogliere
Covid-19, D’Amato: «Il Natale sarà migliore. Ammonizione per chi supera i 180 giorni dal vaccino»
Il Lazio si difende dalla quarta ondata con più posti letto, terze dosi e anticorpi monoclonali. D’Amato: «Niente zona gialla ma mantenere alta l’attenzione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi