Salute 26 Novembre 2021 13:20

Report Iss, Rt a 1,23 e una Regione a rischio alto. Dal 1 dicembre terza dose per tutti gli over 18

Firmata la circolare per permettere la dose booster a tutti gli over 18 da inizio dicembre e prolungate le esenzioni per chi non può accedere alla vaccinazione. Intanto continuano ad alzarsi incidenza ed Rt e la maggior parte delle Regioni viaggia su rischio moderato

Report Iss, Rt a 1,23 e una Regione a rischio alto. Dal 1 dicembre terza dose per tutti gli over 18

L’incidenza settimanale a livello nazionale continua ad aumentare: 125 per 100mila abitanti contro 98 per 100mila abitanti della settimana passata. Non sono rassicuranti i dati del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità: si configura sempre più chiaramente quella quarta ondata che in Germania e Austria ha già costretto le Istituzioni ad adottare misure di emergenza.

L’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,23 (range 1,15 – 1,30), stabile rispetto alla settimana precedente ma al di sopra della soglia epidemica. Mentre si configura in leggero aumento e sopra la soglia epidemica l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero. In terapia intensiva il tasso di occupazione è al 6,2% contro il 5,3% di sette giorni fa. Allo stesso modo è salito di un punto quello di occupazione in area medica (8,1%).

Regioni e casi individuati

Una Regione risulta classificata a rischio alto, 18 Regioni/PPAA risultano classificate a rischio moderato. Tra queste ultime, una Regione è ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il DM del 20 aprile 2020. A indicare una preoccupazione ancora maggiore è il forte aumento di casi non associati a catene di trasmissione, che sono 23.971 rispetto ai 15 mila della scorsa settimana. Resta stabile al 34% la percentuale dei casi individuati con tracciamento, quella dei rilevati alla comparsa di sintomi (45%) e quella con attività di screening (21%).

La dose booster

Dopo le decisioni del presidente Mario Draghi sull’istituzione del super green pass, il direttore generale della Prevenzione al Ministero della Salute Giovanni Rezza ha firmato una circolare che estende la platea destinataria di dose booster a tutti i maggiorenni dal 1 dicembre. Nel testo «si raccomanda inoltre di garantire la priorità di accesso alla vaccinazione sia a tutti coloro che non hanno ancora iniziato o completato il ciclo vaccinale primario, sia ai soggetti ancora in attesa della dose addizionale (pazienti trapiantati e gravemente immunocompromessi) e ai più vulnerabili a forme gravi di Covid-19 per età o elevata fragilità, così come a quelli con livello elevato di esposizione all’infezione che non hanno ancora ricevuto la dose booster, e comunque a tutti i soggetti per i quali è prevista l’obbligatorietà della vaccinazione».

Prorogate le esenzioni

«Nell’ottica di un progressivo allargamento dell’offerta del richiamo vaccinale – si legge nella nota di ministero, Css, Aifa e Iss -, e nel rispetto del principio di massima precauzione, il booster viene raccomandato agli over 18 dal primo dicembre, nei dosaggi allo scopo autorizzati ossia 30 mcg in 0,3 mL per Comirnaty* di
Pfizer/BioNTech e 50 mcg in 0,25 mL per Spikevax* di Moderna, indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario e purché sia trascorso un intervallo minimo di almeno 5 mesi (150 giorni) dal completamento dello stesso». Prorogata con la stessa circolare anche la validità e possibilità di rilascio di certificazioni di esenzione alla vaccinazione anti Sars-CoV-2 fino al 31 dicembre.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Non solo Covid. Guido Rasi invita a recuperare le vaccinazioni “in sospeso”
Nel nuovo ebook del direttore Consulcesi, non solo un dettagliato elenco delle vaccinazioni oggi disponibili, ma anche consigli utili agli operatori sanitari per convincere quel 15% della popolazione italiana “esitante”
Covid, si inverte la curva dei contagi: +11,3% di casi negli ultimi 7 giorni
Continua la discesa di ricoveri e decessi. Il nuovo monitoraggio GIMBE relativo alla settimana 14-20 settembre
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Via alle prenotazioni per i vaccini aggiornati, ora cosa bisogna fare?
I nuovi vaccini si possono prenotare sui siti regionali già utilizzati per le dosi precedenti. Priorità alle persone over 60, fragili e operatori sanitari
In Italia via libera ai vaccini «aggiornati», che fine faranno i «vecchi»?
L'Aifa ha approvato i due vaccini aggiornati sulla variante Omicron 1. Ma l'Italia ha ancora oltre 2 milioni di dosi di vaccini «vecchi» da utilizzare
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi