Salute 21 Luglio 2020 11:28

Dispositivi mobile del personale ospedaliero, uno su due è contaminato. I consigli per non correre rischi

Secondo il White Paper di Ascom, «il pericolo è più grande di quanto si possa pensare. Il 98% dei dipendenti ospedalieri utilizza tali dispositivi durante il lavoro quotidiano, ponendo così una sfida davvero seria per le implicazioni potenzialmente di vasta portata sulla sicurezza dei pazienti e del personale»

Dispositivi mobile del personale ospedaliero, uno su due è contaminato. I consigli per non correre rischi

«Il pericolo è più grande di quanto si possa pensare. Il 45% dei dispositivi di comunicazione mobile utilizzati dal personale ospedaliero nei Paesi sviluppati è contaminato da microbi. Il 98% dei dipendenti ospedalieri utilizza tali dispositivi durante il lavoro quotidiano, ponendo così una sfida davvero seria per le implicazioni potenzialmente di vasta portata sulla sicurezza dei pazienti e del personale». Inizia così il White Paper sulla “Riduzione dei rischi di contaminazione dovuti all’utilizzo di dispositivi mobili negli ambienti sanitari” realizzato dal dott. Udo Jendrysiak, responsabile del marketing delle soluzioni sanitarie di Ascom per la Germania, l’Austria e la Svizzera. Dati importanti di cui abbiamo parlato con l’Ing. Francesco Deventi (Italy Sales Director Ascom).

Quali sono i dati principali emersi dal White Paper?

«Sicuramente il dato che balza subito all’occhio è il fatto che quasi la metà – per l’esattezza il 45% – dei dispositivi mobili di comunicazione utilizzati dal personale ospedaliero nei Paesi sviluppati è contaminato da microbi. Il quadro diviene ancor più preoccupante se si analizza un altro dato, sempre contenuto in questo white paper, e nato da una ricerca condotta da un gruppo di ricerca dell’Università del Galles del Sud. Secondo questa ricerca, basata sull’esame di 250 smartphone di dipendenti ospedalieri, circa il 99,2% degli stessi è risultato contaminato da agenti patogeni. Questi dati mostrano come sia necessario porre attenzione anche a strumenti che consideriamo ormai “familiari” quali i cellulari ma che in ambienti ad alto tasso di complessità come quelli ospedalieri possono diventare fattori che incidono negativamente sulla sicurezza dei processi di cura e dei flussi di lavoro. Un ulteriore dato importante che emerge è la necessità per gli ambienti professionali di dotarsi di devices di livello enterprise che possano garantire dei livelli di performance in fatto di sicurezza e sanificabilità difficilmente replicabili dai dispositivi di livello consumer».

Come interpretate questi dati?

«I dati che sono scaturiti da questo studio senza alcun dubbio devono farci riflettere sul fatto che – soprattutto in un periodo di crisi sanitaria come questo – sia sempre più fondamentale implementare tutti gli strumenti possibili per limitare la diffusione di batteri e virus che possano mettere in pericolo la salute non solo dei pazienti ma anche degli staff clinici. Soprattutto è necessario agire su quelle modalità di trasmissione – quali ad esempio l’utilizzo dei devices mobili – più connesse al nostro vivere e lavorare quotidiano. I cellulari sono divenuti infatti elementi imprescindibili che caratterizzano, a volte anche eccessivamente, la nostra vita quotidiana. Fornire alle strutture ospedaliere dei devices – come quelli presenti nella nostra piattaforma di soluzioni per la sanità – totalmente sanificabili significa ridurre in modo drastico la possibilità che virus e batteri si trasmettano durante le attività di comunicazione in mobilità dei team di cura. Spesso purtroppo – come riportato nello studio in analisi – vengono scelti dalle strutture ospedaliere dei devices non di livello enterprise e non progettati esplicitamente per l’utilizzo in ambito sanitario. Questo comporta il problema che spesso la pulizia degli stessi viene evitata o ridotta per evitare possibili danni agli apparecchi stessi. Scegliendo devices purpose-build ci si può avvalere di strumenti che sono del tutto compatibili con le peculiarità, caratteristiche e soprattutto criticità degli ambienti ospedalieri e di cura».

È possibile fare sorta di guida per i medici e gli operatori sanitari per limitare il più possibile i rischi?

«Consigliamo una serie di raccomandazioni su come disinfettare i dispositivi mobili e gli smartphone

■ Usare solo dispositivi di fascia enterprise

■ Seguire attentamente le istruzioni del produttore: il mancato rispetto di tali istruzioni può invalidare le garanzie

■ Lavarsi le mani prima e dopo aver disinfettato un dispositivo

■ Pulire accuratamente i dispositivi prima di disinfettarli

■ Non spruzzare il disinfettante sui dispositivi, nelle porte di ricarica ecc. Pulire invece il dispositivo con salviette disinfettanti monouso

■ Non dimenticare di disinfettare le clip di fissaggio

■ Utilizzare un dischetto di cotone per pulire delicatamente le porte di ricarica e le altre aperture Assicurarsi di rimuovere eventuali pelucchi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ini Grottaferrata, consegnati attestati di merito ai sanitari impegnati nella campagna vaccinale
«La parola simbolo è gratitudine. È la vittoria di un sistema senza differenze tra pubblico e privato». Così Alessio D’Amato assessore alla sanità della Regione Lazio
Boom aggressioni in sanità, da Consulcesi counselling per recuperare il rapporto medico-paziente
Da quando è scoppiata la pandemia, e ancor di più con l’inizio della campagna vaccinale anti-Covid, le aggressioni verbali e fisiche contro scienziati e operatori sanitari si sono moltiplicate. Oltre quelle che hanno colpito medici “famosi”, ce ne sono centinaia di altre lontane dai riflettori. Insieme alla sempre più diffusa cultura No Vax, questo è […]
Operatori sanitari contagiati dal Covid-19, a chi spetta l’indennizzo e a chi no? Risponde l’esperto
L’avvocato Francesco Cecconi dello Studio Legale FCA parla di «intollerabile disparità di trattamento tra gli operatori sanitari dipendenti e i libero professionisti»
Oltre 45mila sanitari hanno rifiutato il vaccino anti-Covid. Scattano le sospensioni
In una lettera il Presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli, ricorda come l’Ordine di appartenenza sia solo un «mero esecutore» di provvedimenti adottati da altri, nello specifico la Asl, che procede con le sospensioni temporanee fino ad assolvimento dell’obbligo vaccinale
Bambini e tablet: ecco perché i genitori non sanno dire di no
Le regole dello psicologo: «Non usare i device poco prima di andare a dormire, concederne l’utilizzo in interazione con l’adulto, monitorare i contatti virtuali»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco