Salute 11 Aprile 2019

Le diete funzionano davvero? La nutrizionista: «Nel 95% dei casi si riprende il peso corporeo iniziale»

La dottoressa Debora Rasio, oncologa e nutrizionista: «È necessario recuperare un sano rapporto con l’alimentazione e rispettare la regola “colazione da re, pranzo da principe e cena da povero”. Gli adolescenti che si preoccupano del contenuto calorico dei cibi rischiano 16 volte più della media di soffrire di disturbi del comportamento alimentare»

di Federica Bosco
Immagine articolo

Dalla dieta dei colori a quella a zone, dalla dieta dissociata fino ai consigli di dottor Google, chi più ne ha ne metta. Eppure a stravolgere tutti i credi di incalliti sostenitori di regimi dietetici ridotti, ci ha pensato la dottoressa Debora Rasio, oncologa, nutrizionista e dirigente scientifico dell’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma, che nel volume “La dieta non dieta” mette fine a molti falsi miti per offrire alcune utili indicazioni per un corretto stile di vita.

«Le diete nell’insieme non funzionano – esordisce –. Il 95% delle persone che fa una dieta riprende il peso corporeo negli anni successivi, e riprende anzi più chili. Quello che abbiamo visto nei bambini e negli adolescenti è che più si preoccupano delle calorie dei cibi, più peso prende negli anni a venire; tanto che gli adolescenti o i bambini che si preoccupano del contenuto calorico dei cibi hanno un rischio di avere disturbi del comportamento alimentare aumentato fino a 16 volte ed occorre fare attenzione perché i disturbi del comportamento alimentare nei giovani, e non solo, sono un grave problema spesso purtroppo irreversibile. Cosa dobbiamo fare? Recuperare un sano rapporto con l’alimentazione. La famosa colazione da re, pranzo da principe e cena da povero, che in realtà interpreta in maniera egregia una conoscenza profonda dei nostri meccanismi molecolari, che presiedono in salute e in malattia, prevede che la sera mangiamo poco per favorire tutti quei processi di rigenerazione che di notte prendono il sopravvento. Se invece mangiamo troppo o facciamo un pasto troppo ricco di proteine che va ad attivare tutti quei meccanismi di produzione di neurotrasmettitori come la dopamina e la noradrenalina, che sono quelli della veglia e quindi interferiscono con un buon riposo notturno, ci vorranno quattro o cinque ore per essere metabolizzate. Quindi non avremo sufficiente energia per fare il riparo e la rigenerazione, mentre gli enzimi epatici saranno impegnati nella produzione».

«Tutto ciò – prosegue la dottoressa – rischia di mettere il corpo in condizione di contrarre tutte quelle malattie croniche che insieme costituiscono i tre quarti dei decessi precoci come malattie cardiovascolari, diabete, tumori e malattie neurodegenerative. Anche questa pandemia di disturbo nel neuro sviluppo dei bambini ci deve far riflettere sulla perdita di educazione alimentare della donna durante la gravidanza, ma anche in quella del futuro genitore. Oggi sappiamo, infatti, che la dieta fatta nei 6 mesi prima del concepimento programmerà la salute del futuro bambino e anche quella delle generazioni successive, perché avrà un effetto non solo sulle cellule che si stanno formando, ma anche sulle cellule uovo che trasmetteranno queste informazioni ai loro figli per tre generazioni».

LEGGI ANCHE: VEGANI, L’ALLARME DI CARLO DIONISI VICI (BAMBINO GESU’): «ECCO PERCHÈ LE DIETE PRIVE DI NUTRIMENTI ESSENZIALI METTONO A RISCHIO SALUTE BAMBINI»

Articoli correlati
Integratori alimentari, Muscaritoli (Sinuc): «Non servono a tutti. Puntare su stile di vita corretto e dieta sana»
Il Presidente Sinuc affida il suo pensiero a Sanità Informazione a margine del convegno "Gli integratori alimentari nell'attuale quadro normativo" che si è svolto al Ministero della salute. «È importante identificare le fasce di popolazione, sia sana che malata, in cui è possibile che la somministrazione dell'integratore abbia un effetto positivo e misurabile sul mantenimento della salute o sulla prevenzione di alcune patologie degenerative»
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
L’acqua aiuta a dimagrire: a parità di dieta una corretta idratazione fa perdere due chili in più
L’esperta: «Bere durante i pasti non è dannoso, anzi. Aiuta a saziarci prima e quindi ad abbuffarci di meno. L’assunzione di fibre, l’abitudine a mangiare lentamente e l’incremento della massa magra sono gli altri ingredienti del successo»
di Isabella Faggiano
Il 60% degli italiani non pratica attività fisica regolare. Parte la campagna di ONDA contro la sedentarietà
In Italia la sedentarietà è responsabile del 14,6% di tutti i decessi (90.000 morti all’anno) e costa al SSN 1,6 miliardi di euro. Il 60% degli italiani non pratica attività fisica corretta e regolare e quindi è a rischio. Per prevenire la sedentarietà Fondazione Onda ha stilato il Manifesto contro la sedentarietà e rende disponibile negli ospedali con i Bollini Rosa e online la brochure “Smettere di essere sedentario: è facile se sai come farlo”
Healthytude, al via a Milano l’evento dedicato al benessere a 360°
È stata presentata oggi, a Palazzo Marino, Healthytude, la health week milanese che animerà, dal 16 al 23 giugno, il Design District di Porta Nuova, trasformato per l’occasione in polo del benessere. Alla presenza dell’Assessore allo Sport, Turismo e Qualità della vita del Comune di Milano, Roberta Guaineri, che ha aperto i lavori, è stato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...