Salute 11 Aprile 2019 11:30

Le diete funzionano davvero? La nutrizionista: «Nel 95% dei casi si riprende il peso corporeo iniziale»

La dottoressa Debora Rasio, oncologa e nutrizionista: «È necessario recuperare un sano rapporto con l’alimentazione e rispettare la regola “colazione da re, pranzo da principe e cena da povero”. Gli adolescenti che si preoccupano del contenuto calorico dei cibi rischiano 16 volte più della media di soffrire di disturbi del comportamento alimentare»

di Federica Bosco
Le diete funzionano davvero? La nutrizionista: «Nel 95% dei casi si riprende il peso corporeo iniziale»

Dalla dieta dei colori a quella a zone, dalla dieta dissociata fino ai consigli di dottor Google, chi più ne ha ne metta. Eppure a stravolgere tutti i credi di incalliti sostenitori di regimi dietetici ridotti, ci ha pensato la dottoressa Debora Rasio, oncologa, nutrizionista e dirigente scientifico dell’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea di Roma, che nel volume “La dieta non dieta” mette fine a molti falsi miti per offrire alcune utili indicazioni per un corretto stile di vita.

«Le diete nell’insieme non funzionano – esordisce –. Il 95% delle persone che fa una dieta riprende il peso corporeo negli anni successivi, e riprende anzi più chili. Quello che abbiamo visto nei bambini e negli adolescenti è che più si preoccupano delle calorie dei cibi, più peso prende negli anni a venire; tanto che gli adolescenti o i bambini che si preoccupano del contenuto calorico dei cibi hanno un rischio di avere disturbi del comportamento alimentare aumentato fino a 16 volte ed occorre fare attenzione perché i disturbi del comportamento alimentare nei giovani, e non solo, sono un grave problema spesso purtroppo irreversibile. Cosa dobbiamo fare? Recuperare un sano rapporto con l’alimentazione. La famosa colazione da re, pranzo da principe e cena da povero, che in realtà interpreta in maniera egregia una conoscenza profonda dei nostri meccanismi molecolari, che presiedono in salute e in malattia, prevede che la sera mangiamo poco per favorire tutti quei processi di rigenerazione che di notte prendono il sopravvento. Se invece mangiamo troppo o facciamo un pasto troppo ricco di proteine che va ad attivare tutti quei meccanismi di produzione di neurotrasmettitori come la dopamina e la noradrenalina, che sono quelli della veglia e quindi interferiscono con un buon riposo notturno, ci vorranno quattro o cinque ore per essere metabolizzate. Quindi non avremo sufficiente energia per fare il riparo e la rigenerazione, mentre gli enzimi epatici saranno impegnati nella produzione».

«Tutto ciò – prosegue la dottoressa – rischia di mettere il corpo in condizione di contrarre tutte quelle malattie croniche che insieme costituiscono i tre quarti dei decessi precoci come malattie cardiovascolari, diabete, tumori e malattie neurodegenerative. Anche questa pandemia di disturbo nel neuro sviluppo dei bambini ci deve far riflettere sulla perdita di educazione alimentare della donna durante la gravidanza, ma anche in quella del futuro genitore. Oggi sappiamo, infatti, che la dieta fatta nei 6 mesi prima del concepimento programmerà la salute del futuro bambino e anche quella delle generazioni successive, perché avrà un effetto non solo sulle cellule che si stanno formando, ma anche sulle cellule uovo che trasmetteranno queste informazioni ai loro figli per tre generazioni».

LEGGI ANCHE: VEGANI, L’ALLARME DI CARLO DIONISI VICI (BAMBINO GESU’): «ECCO PERCHÈ LE DIETE PRIVE DI NUTRIMENTI ESSENZIALI METTONO A RISCHIO SALUTE BAMBINI»

Articoli correlati
Sud e sviluppo sostenibile, Colao (cattedra Unesco): «Preoccupante la riduzione degli screening di prevenzione oncologica»
All'evento promosso dalla Cattedra Unesco della Federico II di Napoli la prof. Colao: «Quest’anno ha portato una riduzione dell’aspettativa di vita che è più drammatica al Nord e un po’ più limitata al Sud, ma perché il Sud aveva già una riduzione dell'aspettativa di vita»
KetApp di Unimore rivoluziona la vita dei bambini affetti da epilessia che seguono la dieta chetogenica
Marchiò (dietista e ricercatrice): «La App assicura ai pazienti in trattamento con dieta chetogenica una maggiore autonomia quotidiana e ai curanti un facile strumento di monitoraggio»
di Federica Bosco
Nutrinform vs Nutriscore, l’Europa alla guerra delle etichette. Ecco il sistema italiano che riabilita la dieta mediterranea
Entro il 2022 la Commissione UE adotterà un sistema di etichettatura alimentare per informare i consumatori. Ben 269 scienziati si sono pronunciati in favore del Nutriscore francese che però penalizza i prodotti made in Italy. Silano (ISS): «Il nostro sistema è capace di stimolare il consumatore a informarsi di più, ecco perché»
Tumori cutanei e malattie infiammatorie della pelle: l’alimentazione a supporto del percorso di cura
In Emilia-Romagna la tappa del progetto ‘Immunoterapia e Nutrizione’. Mangiare meglio può incidere sulla risposta alle terapie
Giornata mondiale del rene: con il dietista la cura è sul piatto
Il Dietista è una parte essenziale del percorso, in quanto aiuta il paziente a riprendere possesso di un aspetto centrale della propria vita: l’alimentazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 giugno, sono 178.788.247 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.873.285 i decessi. Ad oggi, oltre 2,64 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM