Salute 9 Luglio 2019

Diabete, la diagnosi a 40 anni può accorciare la vita fino a 6-7 anni

Presentati oggi a Roma i dati del 12° Rapporto dell’Italian Diabets Barometer Forum sul diabete e le sue complicanze. Nicolucci (Coresearch): «In Italia muoiono ogni anno 100.000 persone a causa del diabete e circa la metà di questi decessi sono attribuibili a cause cardio-cerebrovascolari»

di Lucia Oggianu

Diabete e malattie cardiovascolari in crescente e continuo aumento, un problema sanitario e sociale che necessita attenzione e misure di prevenzione che includano la diffusione di corretti stili di vita.

È quanto emerge dal 12° rapporto dell’Italian Diabets Barometer Forum, che quest’anno si focalizza sul rapporto tra diabete e malattie cardiovascolari. «Le malattie cardiovascolari – ha spiegato Antonio Nicolucci, direttore Coresearchrappresentano le complicanze più frequenti e gravose del diabete. Già a 2 anni dalla diagnosi 1 persona su 8 ha avuto un evento cardiovascolare maggiore, col passare degli anni la percentuale sale fino ad arrivare al 30% per le persone che hanno il diabete da più di 20 anni. Queste malattie impattano negativamente anche sulla aspettativa di vita delle persone con diabete. Sappiamo da importanti studi – ha continuato il direttore – che a una diagnosi di diabete posta intorno ai 40 anni si associa a una riduzione dell’aspettativa di vita di 6-7 anni e più del 50% di questa riduzione della aspettativa è legata all’insorgenza di patologie cardio-cerebrovascolari. Quello che sappiamo – ha specificato Nicolucci – è che in Italia ogni anno quasi 100.000 persone muoiono a causa del diabete e circa la metà di questi decessi sono attribuibili a cause cardio-cerebrovascolari quindi è un dato estremamente allarmante che deve far aumentare la consapevolezza riguardo il rischio malattie cardiovascolari in persone con diabete».

Nel mondo, secondo i dati dell’iniziativa ‘Global Burden of Disease’ della World Health Organization, nel 2017, l’iperglicemia è stata responsabile di 6,53 milioni di decessi, passando, tra le cause di morte, dal 6° posto di dieci anni fa al 3° posto fra uomini e al 2° fra le donne, con aumento del 27% dei casi. Questa tendenza è evidente anche per quanto riguarda gli anni di vita persi ponderati per disabilità, che sono aumentati dal 25,5% rispetto al 2007, superando i 170 milioni. Inoltre, la 1° causa di morte a livello mondiale, per entrambi i sessi, è l’ipertensione arteriosa mentre l’aumento ponderale è la 4° fra gli uomini e la 3° fra le donne.

Molto importante anche il problema della percezione del proprio rischio, che non sembra essere commisurata alla effettiva presenza di fattori di rischio. «Un dato rilevante – ha affermato Nicolucci – emerso da una survey condotta su 130 paesi, riguarda proprio la scarsa percezione del rischio cardiovascolare in persone con diabete. Quello che le persone con diabete non sanno è che l’ipertensione, l’ipercolesterolemia, l’iperglicemia e anche il fumo di sigaretta sono importanti fattori di rischio. Quasi la metà di queste persone considera sé stesso a basso rischio o a rischio nullo quando invece tutti i dati epidemiologici dimostrano il contrario. È importante quindi un piano di educazione a stili di vita sani che riducano i valori glicemici ma anche il rischio cardiovascolare e la dislipidemia».

Quali azioni dunque è opportuno introdurre per aumentare la consapevolezza e migliorare la percezione del proprio rischio? «Quello che emerge da questa indagine – ha risposto Nicolucci – è che molte persone con diabete non hanno ricevuto dai propri medici curanti informazioni sul proprio rischio cardiovascolare o hanno ricevuto informazioni alla diagnosi ma senza ulteriori informazioni nel corso della malattia. La quasi totalità di queste persone – ha concluso – fa riferimento agli operatori sanitari per ricevere informazioni quindi sarebbe necessario prevedere degli spazi maggiori di informazione riguardo il rischio cardiovascolare oltre che sull’adeguato trattamento per incoraggiare i pazienti ad essere aderenti alle terapie e adeguata attività fisica e alimentazione».

Articoli correlati
Diabete, Federfarma: “Monitoraggio in farmacia conferma scarsa aderenza alla terapia”
Testimonial dell'iniziativa è il noto attore e doppiatore Pino Insegno: "Giusto che le persone che hanno una certa notorietà e credibilità aiutino a diffondere la prevenzione. Anche io ho paura di fare le analisi, ma spesso sono utili per evitare un domani una spesa maggiore, sia per noi che per lo Stato".
Compie 10 anni il manifesto dei diritti e dei doveri della persona con diabete. Il 14 novembre la giornata mondiale
Il documento richiama il diritto alla parità di accesso all’informazione, alla prevenzione, all’educazione terapeutica, al trattamento e alla diagnosi precoce e cura delle complicanze e richiama i doveri della persona con diabete, tra i quali il dovere di collaborare alla sostenibilità della spesa sanitaria. È stato realizzato nel 2009 e quindi aggiornato nel 2015 e nel 2019
Congresso AME, il presidente Guastamacchia: «I giovani la nostra più grande risorsa. Puntare su innovazione digitale»
A Roma i lavori del 18° Congresso nazionale dell’Associazione medici endocrinologi: «Ampio spazio a diabete e tiroide e alle potenzialità della tecnologia per migliorare l’assistenza e il rapporto con il paziente»
Riabilitazione, è dei Cavalieri di Malta una delle eccellenze italiane. Santaroni: «Tra i primi ad applicare la Legge Gelli»
Al San Giovanni Battista 20 posti letto di unità di risveglio dove arrivano pazienti in coma. È all’avanguardia sui temi della responsabilità professionale. Il Direttore generale: «Abbiamo un regolamento per la gestione del rischio ed un Comitato Valutazione Sinistri»
Salute, dalla periferia di Napoli la rivoluzione del life coaching per la lotta a diabete e obesità
Il fondatore dell’Associazione Giusto C.A.O.S., Angelantonio Stornaiuolo, diabetologo e medico di base a Secondigliano: «Con un approccio innovativo cerchiamo di arrivare dove lo specialista non riesce: rivoluzionare lo stile di vita dei pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...