Salute 9 Luglio 2019

Diabete, la diagnosi a 40 anni può accorciare la vita fino a 6-7 anni

Presentati oggi a Roma i dati del 12° Rapporto dell’Italian Diabets Barometer Forum sul diabete e le sue complicanze. Nicolucci (Coresearch): «In Italia muoiono ogni anno 100.000 persone a causa del diabete e circa la metà di questi decessi sono attribuibili a cause cardio-cerebrovascolari»

di Lucia Oggianu

Diabete e malattie cardiovascolari in crescente e continuo aumento, un problema sanitario e sociale che necessita attenzione e misure di prevenzione che includano la diffusione di corretti stili di vita.

È quanto emerge dal 12° rapporto dell’Italian Diabets Barometer Forum, che quest’anno si focalizza sul rapporto tra diabete e malattie cardiovascolari. «Le malattie cardiovascolari – ha spiegato Antonio Nicolucci, direttore Coresearchrappresentano le complicanze più frequenti e gravose del diabete. Già a 2 anni dalla diagnosi 1 persona su 8 ha avuto un evento cardiovascolare maggiore, col passare degli anni la percentuale sale fino ad arrivare al 30% per le persone che hanno il diabete da più di 20 anni. Queste malattie impattano negativamente anche sulla aspettativa di vita delle persone con diabete. Sappiamo da importanti studi – ha continuato il direttore – che a una diagnosi di diabete posta intorno ai 40 anni si associa a una riduzione dell’aspettativa di vita di 6-7 anni e più del 50% di questa riduzione della aspettativa è legata all’insorgenza di patologie cardio-cerebrovascolari. Quello che sappiamo – ha specificato Nicolucci – è che in Italia ogni anno quasi 100.000 persone muoiono a causa del diabete e circa la metà di questi decessi sono attribuibili a cause cardio-cerebrovascolari quindi è un dato estremamente allarmante che deve far aumentare la consapevolezza riguardo il rischio malattie cardiovascolari in persone con diabete».

Nel mondo, secondo i dati dell’iniziativa ‘Global Burden of Disease’ della World Health Organization, nel 2017, l’iperglicemia è stata responsabile di 6,53 milioni di decessi, passando, tra le cause di morte, dal 6° posto di dieci anni fa al 3° posto fra uomini e al 2° fra le donne, con aumento del 27% dei casi. Questa tendenza è evidente anche per quanto riguarda gli anni di vita persi ponderati per disabilità, che sono aumentati dal 25,5% rispetto al 2007, superando i 170 milioni. Inoltre, la 1° causa di morte a livello mondiale, per entrambi i sessi, è l’ipertensione arteriosa mentre l’aumento ponderale è la 4° fra gli uomini e la 3° fra le donne.

Molto importante anche il problema della percezione del proprio rischio, che non sembra essere commisurata alla effettiva presenza di fattori di rischio. «Un dato rilevante – ha affermato Nicolucci – emerso da una survey condotta su 130 paesi, riguarda proprio la scarsa percezione del rischio cardiovascolare in persone con diabete. Quello che le persone con diabete non sanno è che l’ipertensione, l’ipercolesterolemia, l’iperglicemia e anche il fumo di sigaretta sono importanti fattori di rischio. Quasi la metà di queste persone considera sé stesso a basso rischio o a rischio nullo quando invece tutti i dati epidemiologici dimostrano il contrario. È importante quindi un piano di educazione a stili di vita sani che riducano i valori glicemici ma anche il rischio cardiovascolare e la dislipidemia».

Quali azioni dunque è opportuno introdurre per aumentare la consapevolezza e migliorare la percezione del proprio rischio? «Quello che emerge da questa indagine – ha risposto Nicolucci – è che molte persone con diabete non hanno ricevuto dai propri medici curanti informazioni sul proprio rischio cardiovascolare o hanno ricevuto informazioni alla diagnosi ma senza ulteriori informazioni nel corso della malattia. La quasi totalità di queste persone – ha concluso – fa riferimento agli operatori sanitari per ricevere informazioni quindi sarebbe necessario prevedere degli spazi maggiori di informazione riguardo il rischio cardiovascolare oltre che sull’adeguato trattamento per incoraggiare i pazienti ad essere aderenti alle terapie e adeguata attività fisica e alimentazione».

Articoli correlati
Malattie cardiovascolari, terminato studio fase III: associazione acido bempedoico/ezetimibe riduce del 38% colesterolo
Riduzione significativa del colesterolo LDL con associazione fissa Acido Bempedoico/Ezetimibe. Le evidenze pubblicate su  European Journal of Preventive Cardiology. L’annuncio dato da Daiichi Sankyo Europe
Diabete: sana alimentazione, movimento fisico e adeguata terapia i pilastri fondamentali per la cura
«Serve approccio globale. È importante la conoscenza e la condivisione con il medico curante e il coinvolgimento con le associazioni di pazienti» così la diabetologa e presidente IBDO Foundation, Simona Frontoni, in occasione del 12° Italian Diabets Barometer Forum
di Lucia Oggianu
Droghe, preoccupano le nuove sostanze. Testi (medico legale): «Alle classiche si sono aggiunte oppiodi sintetici e derivati dell’anfetamina»
«Oggi rispetto al passato c’è un quadro molto più complesso: la maggior parte dei decessi sono legati a cocaina ed eroina, ma non possiamo dimenticare che i nuovi oppiodi sintetici e anche le droghe di sintesi derivate dall’anfetamina possono concorrere a causare il decesso», commenta il medico legale Roberto Testi
Diabete e Lombalgia cronica, Ministero della salute premia due progetti di giovani ricercatori del Policlinico Campus Bio-Medico
Rocky Strollo e Gianluca Vadalà, selezionati tra oltre 1700 progetti, hanno vinto due grant da oltre 400 mila euro. La premiazione all’accademia dei Lincei di Roma
Congresso Sie, il presidente Vitti: «Diabete, obesità, disturbi della menopausa e malattie tiroidee: passi in avanti con i nuovi farmaci»
Ampio spazio ai giovani professionisti ed all’aggiornamento clinico, il presidente Sie: «Simposi di formazione per interagire con i maggiori specialisti del settore e sessioni dedicate alla presentazione delle migliori ricerche in endocrinologia»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone