Politica 22 Maggio 2017

Decreto vaccini, Nicola Zingaretti (Regione Lazio): «Una vittoria in un Paese civile. Ora basta ciarlatani»

«Per scelta di qualcuno non si può mettere a rischio l’intera comunità» le parole del Presidente della Regione Lazio all’indomani dell’approvazione del Decreto sull’obbligatorietà dei vaccini. «Nel Lazio eravamo pronti da mesi»

Sono dodici le vaccinazioni che da settembre saranno obbligatorie per l’iscrizione a scuola dei bambini da zero a sei anni. Approvato il Decreto Legge che prevede sanzioni da 500 a 7.500 euro per i genitori inadempienti e anche la segnalazione al Tribunale dei Minori per la sospensione della potestà genitoriale.

Sul tema che sta generando dibattiti nel mondo medico e scontri tra l’opinione pubblica, Sanità Informazione ha intervistato Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio che già nei mesi precedenti aveva reso note le sue intenzioni relativamente all’obbligo vaccinale nella Regione. Infatti la Giunta a gennaio scorso aveva approvato all’unanimità l’obbiglo dei vaccini come requisito di accesso agli asili nido pubblici e privati.

Approvato il Decreto Legge sull’obbligatorietà dei vaccini, è una vittoria o una sconfitta rendere obbligatoria una misura come questa?

«I Decreti Legge non sono mai sconfitte. Con questa Legge viene affermato un principio: il diritto individuale della persona viene coniugato con il diritto della comunità. Scendere sotto il livello di vaccinazione, mette in discussione la qualità della vita o a volte la vita stessa. Quindi è giusto che una comunità civile si autotuteli, e lo dice una Regione che per percentuale di bambini vaccinati è sopra la media nazionale. Sancire questo obbligo è giusto, anche perché la contraddizione è quando siamo tutti d’accordo nel dire che un basso livello di persone vaccinate può costituire un rischio, e poi permettere negli asili nido l’ingresso di bambini che per scelta dei genitori non sono coperti. Se per primo lo Stato sostiene che sia pericoloso permettere a bambini non vaccinati di frequentare le scuole, perché dobbiamo permetterlo? Dunque, credo che adottare questo decreto, sia buon senso».

In questa ottica, quanto è importante tra medici di base e pediatri, la formazione per diffondere una sana cultura della vaccinazione?

«La formazione c’è, i medici preparati ci sono, purtroppo i nuovi strumenti della comunicazione danno molto più spazio rispetto ad una volta ai ciarlatani. Alle persone ciniche e a coloro che in questo delirio dell’apparire fanno di tutto pur di avere un trafiletto sul giornale, questo è il corso dei tempi».

Articoli correlati
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Covid-19, Stefano De Lillo: «Perché gli ospedali del Lazio non si stanno svuotando?»
Il medico di famiglia romano e già presidente facente funzioni di Agenas pone alcune domande sui dati della regione Lazio. Dal numero dei tamponi effettuati a quello di guariti e ricoverati: «Bisogna prestare attenzione alle differenze riscontrate tra le diverse regioni»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Pd, si insedia il Coordinamento della Formazione medico-sanitaria. Manai: «Faremo proposte a tutti i livelli»
«Il partito continua a mostrare la voglia di investire nella formazione degli operatori sanitari, proprio perché consapevoli che solo attraverso la buona formazione si potrà avere un SSN sempre più efficace ed efficiente», commenta Beatrice Lorenzin, coordinatrice del Forum Salute PD
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 maggio, sono 5.498.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 346.306 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 26 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...