Salute 22 Maggio 2017

Decreto vaccini, Nicola Zingaretti (Regione Lazio): «Una vittoria in un Paese civile. Ora basta ciarlatani»

«Per scelta di qualcuno non si può mettere a rischio l’intera comunità» le parole del Presidente della Regione Lazio all’indomani dell’approvazione del Decreto sull’obbligatorietà dei vaccini. «Nel Lazio eravamo pronti da mesi»

Sono dodici le vaccinazioni che da settembre saranno obbligatorie per l’iscrizione a scuola dei bambini da zero a sei anni. Approvato il Decreto Legge che prevede sanzioni da 500 a 7.500 euro per i genitori inadempienti e anche la segnalazione al Tribunale dei Minori per la sospensione della potestà genitoriale.

Sul tema che sta generando dibattiti nel mondo medico e scontri tra l’opinione pubblica, Sanità Informazione ha intervistato Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio che già nei mesi precedenti aveva reso note le sue intenzioni relativamente all’obbligo vaccinale nella Regione. Infatti la Giunta a gennaio scorso aveva approvato all’unanimità l’obbiglo dei vaccini come requisito di accesso agli asili nido pubblici e privati.

Approvato il Decreto Legge sull’obbligatorietà dei vaccini, è una vittoria o una sconfitta rendere obbligatoria una misura come questa?

«I Decreti Legge non sono mai sconfitte. Con questa Legge viene affermato un principio: il diritto individuale della persona viene coniugato con il diritto della comunità. Scendere sotto il livello di vaccinazione, mette in discussione la qualità della vita o a volte la vita stessa. Quindi è giusto che una comunità civile si autotuteli, e lo dice una Regione che per percentuale di bambini vaccinati è sopra la media nazionale. Sancire questo obbligo è giusto, anche perché la contraddizione è quando siamo tutti d’accordo nel dire che un basso livello di persone vaccinate può costituire un rischio, e poi permettere negli asili nido l’ingresso di bambini che per scelta dei genitori non sono coperti. Se per primo lo Stato sostiene che sia pericoloso permettere a bambini non vaccinati di frequentare le scuole, perché dobbiamo permetterlo? Dunque, credo che adottare questo decreto, sia buon senso».

In questa ottica, quanto è importante tra medici di base e pediatri, la formazione per diffondere una sana cultura della vaccinazione?

«La formazione c’è, i medici preparati ci sono, purtroppo i nuovi strumenti della comunicazione danno molto più spazio rispetto ad una volta ai ciarlatani. Alle persone ciniche e a coloro che in questo delirio dell’apparire fanno di tutto pur di avere un trafiletto sul giornale, questo è il corso dei tempi».

Articoli correlati
Vaccini, New York abolisce le esenzioni per motivi religiosi
Lo Stato di New York ha abolito le esenzioni dalle vaccinazioni per motivazioni religiose. La misura è stata adottata dal governatore Andrew Cuomo e approvata dal Congresso di New York nel tentativo di porre un freno all’epidemia di morbillo scoppiata nella Grande Mela dove, nel 2019, sono stati accertati 588 casi di morbillo, soprattutto nelle […]
Reparti soppressi e liste di attesa infinite, il lento declino dell’eccellenza odontoiatrica dell’Eastman
L’Ospedale romano fondato nel 1933 vive un periodo non facile. La denuncia del segretario Fp Cisl Lazio Roberto Chierchia (Fp Cisl): «La fusione con il Policlinico Umberto I non ha portato al rilancio programmato». Poi aggiunge: «C’è un intero reparto ristrutturato e rimasto vuoto. I medici che vanno via non vengono rimpiazzati»
L’ex ministro Beatrice Lorenzin chiude il ciclo di incontri dei “Venerdì degli igienisti dentali”
Tra gli ospiti dell'evento UNID anche Fernando Capuano, presidente della Simedet, l'avvocato Laila Perciballi in rappresentanza del Movimento consumatori e il Presidente dell’Ordine TSRM-PSTRP di Roma e provincia, Claudio Dal Pont
Pazienti fragili, i vaccini fondamentali per un’adeguata prevenzione. A rischio anziani, bambini, malati cronici
Chi sono I pazienti fragili? Quali criteri sono alla base di una loro individuazione? Le vaccinazioni del paziente fragile rappresentano un argomento emergente nel panorama sanitario italiano. Le vaccinazioni, in genere, si rivolgono a due categorie di persone: soggetti sani (spesso in età infantile o adolescenziale), con scopo preventivo, e sono le vaccinazioni classiche; i pazienti […]
Rapporto Gimbe, Lorenzin: «Non può non destare preoccupazione. Ci aspetta un autunno difficile»
L’ex ministro della Salute a Farma & Friends: «Necessaria una chiamata alle armi di tutte le forze politiche. Gli operatori della sanità sono preoccupati per i tagli preventivati al settore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...