Salute 22 maggio 2017

Decreto vaccini, Nicola Zingaretti (Regione Lazio): «Una vittoria in un Paese civile. Ora basta ciarlatani»

«Per scelta di qualcuno non si può mettere a rischio l’intera comunità» le parole del Presidente della Regione Lazio all’indomani dell’approvazione del Decreto sull’obbligatorietà dei vaccini. «Nel Lazio eravamo pronti da mesi»

Sono dodici le vaccinazioni che da settembre saranno obbligatorie per l’iscrizione a scuola dei bambini da zero a sei anni. Approvato il Decreto Legge che prevede sanzioni da 500 a 7.500 euro per i genitori inadempienti e anche la segnalazione al Tribunale dei Minori per la sospensione della potestà genitoriale.

Sul tema che sta generando dibattiti nel mondo medico e scontri tra l’opinione pubblica, Sanità Informazione ha intervistato Nicola Zingaretti, Presidente della Regione Lazio che già nei mesi precedenti aveva reso note le sue intenzioni relativamente all’obbligo vaccinale nella Regione. Infatti la Giunta a gennaio scorso aveva approvato all’unanimità l’obbiglo dei vaccini come requisito di accesso agli asili nido pubblici e privati.

Approvato il Decreto Legge sull’obbligatorietà dei vaccini, è una vittoria o una sconfitta rendere obbligatoria una misura come questa?

«I Decreti Legge non sono mai sconfitte. Con questa Legge viene affermato un principio: il diritto individuale della persona viene coniugato con il diritto della comunità. Scendere sotto il livello di vaccinazione, mette in discussione la qualità della vita o a volte la vita stessa. Quindi è giusto che una comunità civile si autotuteli, e lo dice una Regione che per percentuale di bambini vaccinati è sopra la media nazionale. Sancire questo obbligo è giusto, anche perché la contraddizione è quando siamo tutti d’accordo nel dire che un basso livello di persone vaccinate può costituire un rischio, e poi permettere negli asili nido l’ingresso di bambini che per scelta dei genitori non sono coperti. Se per primo lo Stato sostiene che sia pericoloso permettere a bambini non vaccinati di frequentare le scuole, perché dobbiamo permetterlo? Dunque, credo che adottare questo decreto, sia buon senso».

In questa ottica, quanto è importante tra medici di base e pediatri, la formazione per diffondere una sana cultura della vaccinazione?

«La formazione c’è, i medici preparati ci sono, purtroppo i nuovi strumenti della comunicazione danno molto più spazio rispetto ad una volta ai ciarlatani. Alle persone ciniche e a coloro che in questo delirio dell’apparire fanno di tutto pur di avere un trafiletto sul giornale, questo è il corso dei tempi».

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Capaccioli (Tsrm-Pstrp): «Attendiamo ultimi decreti per rendere operativo Ordine. 70% professionisti già iscritto»
«Ancora non abbiamo dati numerici oggettivi delle possibili criticità». E sulla finalità degli elenchi speciali: «Evitano di creare un problema di carattere sociale» così il Vice Presidente della Federazione nazionale
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
Sanità Lazio, continua il duello tra Ministro e Regione. Grillo: «Non ci sono condizioni per uscita». La replica dell’assessore D’Amato: «Abbiamo carte in regola»
ESCLUSIVA | Botta e risposta a margine della presentazione del Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita. L’assessore alla Sanità del Lazio ha invitato la titolare della Salute alla conferenza sullo Stato di salute della popolazione del Lazio. «Sarà tavolo tecnico a decidere, noi come governo proseguiamo per la nostra strada – sottolinea il ministro - convinti che un presidente di regione non possa fare contemporaneamente anche il Commissario»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
UniVax Day, i più giovani non cascano nelle fake news sui vaccini. Duse (Siica): «Messaggi di speranza per il futuro»
Migliaia di studenti delle scuole superiori si sono riuniti in 21 università italiane per la giornata di formazione e sensibilizzazione sui vaccini. La presidente della Società italiana di immunologia clinica e allergologia: «Gli operatori sanitari devono vaccinarsi e dare il buon esempio»
Gioco d’azzardo, Troncarelli: «Dalla Regione Lazio quasi 5 mln per contrastare fenomeno»
«La Regione Lazio investe quasi 5mln di euro per la lotta al Gioco d’Azzardo Patologico (GAP). Le risorse, derivanti dal Fondo Sanitario Nazionale, sono suddivise tra le Asl laziali sulla base della popolazione residente con oltre 15 anni d’età». Queste le parole dell’assessore alle Politiche sociali, Welfare ed Enti locali, Alessandra Troncarelli. L’assessore Troncarelli spiega […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...