Mondo 7 Maggio 2018 17:25

«Ecco come ho eseguito il primo trapianto di pene negli Usa». Parla il chirurgo Curtis Cetrulo

Il paziente, Tom Manning, cui era stato amputato l’organo per un cancro, è il terzo uomo al mondo a sottoporsi all’intervento. Il medico: «Abbiamo utilizzato la stessa tecnica che si usa con tessuti molli come la faccia o la mano»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
«Ecco come ho eseguito il primo trapianto di pene negli Usa». Parla il chirurgo Curtis Cetrulo

Tom Manning è un paziente americano cui, nel 2012, è stato diagnosticato un cancro al pene. Con un tumore raro che colpisce un uomo ogni 100mila ma che è particolarmente aggressivo, l’unica soluzione per salvare Manning era la rimozione di tutto l’organo. Più o meno nello stesso periodo, il chirurgo plastico Curtis Cetrulo studiava un modo per aiutare i 1367 soldati americani che avevano riportato ferite ai genitali in guerra tra il 2001 e il 2013. Il 31% di questi ha subito una o più amputazioni, che ne causavano un forte calo di autostima e di qualità di vita e li rendevano particolarmente inclini al suicidio.

L’incontro tra Cetrulo e Manning era inevitabile. È avvenuto nel 2016 ed è stato precursore del primo trapianto di pene negli Stati Uniti, il terzo al mondo. Gli altri due pazienti sono stati un cinese, che tuttavia ha richiesto la rimozione del nuovo pene per un rifiuto psicologico, e un ragazzo sudafricano che, dopo il trapianto, è addirittura riuscito a diventare padre. Per procedere con il trapianto, è prima necessario trovare un pene dello stesso gruppo sanguigno del paziente, con caratteristiche e tono della pelle soddisfacente e che ha superato lo screening delle malattie trasmissibili. Uno dei passaggi più difficili da superare, inoltre, è ottenere l’autorizzazione della famiglia del donatore: in un caso, ad esempio, la famiglia ha accettato l’espianto solo con la promessa che al defunto sarebbe stata realizzata una protesi per la sepoltura.

L’intervento su Tom Manning è riuscito: dopo tre settimane era in grado di urinare da solo, ma sembra che non abbia ancora avuto rapporti sessuali. Il dottor Curtis Cetrulo, che attualmente lavora presso il Massachusetts General Hospital di Boston, sta lavorando a nuove tecniche che potrebbero ridurre la quantità di farmaci antirigetto che devono essere assunti per lunghi periodi, rischiando lo sviluppo di gravi problemi renali e tumori. Recentemente è intervenuto al convegno “Frontiers in Genito-Urinary Reconstruction” organizzato presso l’Università Tor Vergata di Roma, dove ha incontrato Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: TRAPIANTO DI PENE, ORA È REALTÀ. VESPASIANI (SIU): «È TECNICAMENTE POSSIBILE. BISOGNA TROVARE MODO ETICO DI REALIZZARLO»

«La tecnica utilizzata per il trapianto di tessuto genito-urinario – afferma ai nostri microfoni – si basa su quella usata per il trapianto di altri tessuti molli come quelli della mano o della faccia, che ormai vengono eseguiti in tutto il mondo. Le tecniche tradizionali di trapianto hanno dei limiti: sono efficaci in alcune persone, ma alcune delle ferite riportate dai veterani americani erano talmente gravi che abbiamo deciso di provare a sfruttare le nostre conoscenze nel trapianto di tessuti molli ed utilizzarle sul tessuto genito-urinario. E abbiamo scoperto che la procedura funzionava».

«Dobbiamo acquisire ancora molta esperienza – spiega Curtis Cetrulo – e capire quali sono i pazienti più adatti per questo genere di procedura: se i pazienti oncologici o che hanno subito un trauma pelvico o avuto una infezione, che sono le cause più comuni che portano all’amputazione del pene. Speriamo che lavorando insieme a questo gruppo composto dai massimi esperti al mondo nel campo, riusciremo presto a prendere le decisioni migliori per i nostri pazienti», conclude.

LEGGI ANCHE: FRANCESCO WIRZ, L’ITALIANO CHE HA OPERATO L’UOMO DAI TRE VOLTI: «IN FRANCIA FIDUCIA AI GIOVANI, COSÌ SI FORMANO I CHIRURGHI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Trapianti da donatore Covid-positivo: Italia prima al mondo
Cardillo (CNT): «I trapianti eseguiti sono stati tutti un successo. I risultati sono stati pubblicati sull’American Journal of Transplantation. Dopo di noi, tanti altri Paesi hanno seguito il nostro esempio. Ora si lavora alla redazione di Linee Guida europee»
Pene più corto per Covid? L’esperto: «Trombi nei genitali ostacolano afflusso di sangue»
L'infezione Covid-19 potrebbe rimpicciolire il pene, oltre a creare una serie di disturbi che possono compromettere la vita sessuale. Tra le ipotesi l'insorgenza di piccoli coaguli di sangue nelle vene
Il Covid non si ferma, ma i trapianti corrono più veloce: nel 2021 +12% di donazioni d’organo
Un Sistema Sanitario Nazionale a doppia velocità, il direttore del Centro nazionale trapianti: «Mentre le attività ospedaliere, ambulatoriali e chirurgiche hanno subito una battuta d’arresto a causa dell’emergenza Covid, il numero dei trapianti nel 2021 è tornato ai livelli pre-pandemia». Il report 2021
Il 2021 anno record per i trapianti in Puglia: crescono le donazioni nonostante il Covid
Il coordinatore del Centro Trapianti Regionale: «È stato un Natale più bello per 123 famiglie pugliesi. Nel cuore le storie di due padri che hanno donato il proprio rene ai figli e quella di Merek, che ora vuole iscriversi a Medicina e tornare in Uganda per aiutare i suoi connazionali che non hanno avuto la sua stessa fortuna»
Il Cnt al congresso della società europea dei trapianti, Cardillo: «Italia conferma leadership internazionale»
L'autorità competente italiana presente a Milano con 18 tra progetti e studi. Il direttore: «Più integrazione con ospedale e territorio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...