Salute 7 Maggio 2018 17:25

«Ecco come ho eseguito il primo trapianto di pene negli Usa». Parla il chirurgo Curtis Cetrulo

Il paziente, Tom Manning, cui era stato amputato l’organo per un cancro, è il terzo uomo al mondo a sottoporsi all’intervento. Il medico: «Abbiamo utilizzato la stessa tecnica che si usa con tessuti molli come la faccia o la mano»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
«Ecco come ho eseguito il primo trapianto di pene negli Usa». Parla il chirurgo Curtis Cetrulo

Tom Manning è un paziente americano cui, nel 2012, è stato diagnosticato un cancro al pene. Con un tumore raro che colpisce un uomo ogni 100mila ma che è particolarmente aggressivo, l’unica soluzione per salvare Manning era la rimozione di tutto l’organo. Più o meno nello stesso periodo, il chirurgo plastico Curtis Cetrulo studiava un modo per aiutare i 1367 soldati americani che avevano riportato ferite ai genitali in guerra tra il 2001 e il 2013. Il 31% di questi ha subito una o più amputazioni, che ne causavano un forte calo di autostima e di qualità di vita e li rendevano particolarmente inclini al suicidio.

L’incontro tra Cetrulo e Manning era inevitabile. È avvenuto nel 2016 ed è stato precursore del primo trapianto di pene negli Stati Uniti, il terzo al mondo. Gli altri due pazienti sono stati un cinese, che tuttavia ha richiesto la rimozione del nuovo pene per un rifiuto psicologico, e un ragazzo sudafricano che, dopo il trapianto, è addirittura riuscito a diventare padre. Per procedere con il trapianto, è prima necessario trovare un pene dello stesso gruppo sanguigno del paziente, con caratteristiche e tono della pelle soddisfacente e che ha superato lo screening delle malattie trasmissibili. Uno dei passaggi più difficili da superare, inoltre, è ottenere l’autorizzazione della famiglia del donatore: in un caso, ad esempio, la famiglia ha accettato l’espianto solo con la promessa che al defunto sarebbe stata realizzata una protesi per la sepoltura.

L’intervento su Tom Manning è riuscito: dopo tre settimane era in grado di urinare da solo, ma sembra che non abbia ancora avuto rapporti sessuali. Il dottor Curtis Cetrulo, che attualmente lavora presso il Massachusetts General Hospital di Boston, sta lavorando a nuove tecniche che potrebbero ridurre la quantità di farmaci antirigetto che devono essere assunti per lunghi periodi, rischiando lo sviluppo di gravi problemi renali e tumori. Recentemente è intervenuto al convegno “Frontiers in Genito-Urinary Reconstruction” organizzato presso l’Università Tor Vergata di Roma, dove ha incontrato Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: TRAPIANTO DI PENE, ORA È REALTÀ. VESPASIANI (SIU): «È TECNICAMENTE POSSIBILE. BISOGNA TROVARE MODO ETICO DI REALIZZARLO»

«La tecnica utilizzata per il trapianto di tessuto genito-urinario – afferma ai nostri microfoni – si basa su quella usata per il trapianto di altri tessuti molli come quelli della mano o della faccia, che ormai vengono eseguiti in tutto il mondo. Le tecniche tradizionali di trapianto hanno dei limiti: sono efficaci in alcune persone, ma alcune delle ferite riportate dai veterani americani erano talmente gravi che abbiamo deciso di provare a sfruttare le nostre conoscenze nel trapianto di tessuti molli ed utilizzarle sul tessuto genito-urinario. E abbiamo scoperto che la procedura funzionava».

«Dobbiamo acquisire ancora molta esperienza – spiega Curtis Cetrulo – e capire quali sono i pazienti più adatti per questo genere di procedura: se i pazienti oncologici o che hanno subito un trauma pelvico o avuto una infezione, che sono le cause più comuni che portano all’amputazione del pene. Speriamo che lavorando insieme a questo gruppo composto dai massimi esperti al mondo nel campo, riusciremo presto a prendere le decisioni migliori per i nostri pazienti», conclude.

LEGGI ANCHE: FRANCESCO WIRZ, L’ITALIANO CHE HA OPERATO L’UOMO DAI TRE VOLTI: «IN FRANCIA FIDUCIA AI GIOVANI, COSÌ SI FORMANO I CHIRURGHI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Trapianti, Biotest dona 100mila euro al CNT. L’Ad Audisio: «Scienza fatta con passione vince sempre»
Un aiuto al mondo dei trapianti, che ha subito una leggera flessione durante la pandemia. Biotest Italia, che opera da anni in questo campo, dona 100mila euro. Con l'Ad Silvio Audisio parliamo del ruolo delle case farmaceutiche in questo momento storico
Trapianti, Carletti (Aned): «Numeri ridotti per pandemia e vaccini mal distribuiti, Ssn deve cambiare»
Con il segretario dell'Associazione emo-dializzati Lazio parliamo di trapianti e pandemia: le operazioni rimandate, le differenze regionali sui vaccini e le richieste urgenti che la comunità di pazienti rivolge al Sistema sanitario
Trapianti, Spada (Bambino Gesù): «Nel 2020 flessione del 10%. Ora vaccinare chi è in lista d’attesa»
Il professor Spada, responsabile della Chirurgia epato-bilio-pancreatica al Bambino Gesù, parla dell'attività di trapianti in Italia durante la pandemia e dell'importanza che ha avuto l'organizzazione per non ritardare le operazioni salvavita
Al Policlinico di Milano un trapianto domino di fegato salva due vite
L’intervento durato 18 ore ha coinvolto 40 professionisti ed è stato coordinato dal professor Rossi, direttore di Chirurgia Generale: «Lavoro eccezionale perché eseguito in un momento critico per la sanità. Nonostante l’emergenza Covid, tutto l’ospedale coinvolto nella lunga maratona per il doppio trapianto»
di Federica Bosco
Trapianti, da Biotest Italia 100mila euro per sostenere donazione di organi e tessuti ai tempi del Covid
I fondi serviranno a supportare i pazienti attraverso progetti delle associazioni della Rete trapianti. L’azienda ha poi donato il LegoWall “Be a donor. Be a hero” dell’artista Ale Giorgini, che rappresenta simbolicamente il valore della donazione, all’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 giugno, sono 176.273.244 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.812.157 i decessi. Ad oggi, oltre 2,37 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...