Salute 7 Maggio 2018

«Ecco come ho eseguito il primo trapianto di pene negli Usa». Parla il chirurgo Curtis Cetrulo

Il paziente, Tom Manning, cui era stato amputato l’organo per un cancro, è il terzo uomo al mondo a sottoporsi all’intervento. Il medico: «Abbiamo utilizzato la stessa tecnica che si usa con tessuti molli come la faccia o la mano»

di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Immagine articolo

Tom Manning è un paziente americano cui, nel 2012, è stato diagnosticato un cancro al pene. Con un tumore raro che colpisce un uomo ogni 100mila ma che è particolarmente aggressivo, l’unica soluzione per salvare Manning era la rimozione di tutto l’organo. Più o meno nello stesso periodo, il chirurgo plastico Curtis Cetrulo studiava un modo per aiutare i 1367 soldati americani che avevano riportato ferite ai genitali in guerra tra il 2001 e il 2013. Il 31% di questi ha subito una o più amputazioni, che ne causavano un forte calo di autostima e di qualità di vita e li rendevano particolarmente inclini al suicidio.

L’incontro tra Cetrulo e Manning era inevitabile. È avvenuto nel 2016 ed è stato precursore del primo trapianto di pene negli Stati Uniti, il terzo al mondo. Gli altri due pazienti sono stati un cinese, che tuttavia ha richiesto la rimozione del nuovo pene per un rifiuto psicologico, e un ragazzo sudafricano che, dopo il trapianto, è addirittura riuscito a diventare padre. Per procedere con il trapianto, è prima necessario trovare un pene dello stesso gruppo sanguigno del paziente, con caratteristiche e tono della pelle soddisfacente e che ha superato lo screening delle malattie trasmissibili. Uno dei passaggi più difficili da superare, inoltre, è ottenere l’autorizzazione della famiglia del donatore: in un caso, ad esempio, la famiglia ha accettato l’espianto solo con la promessa che al defunto sarebbe stata realizzata una protesi per la sepoltura.

L’intervento su Tom Manning è riuscito: dopo tre settimane era in grado di urinare da solo, ma sembra che non abbia ancora avuto rapporti sessuali. Il dottor Curtis Cetrulo, che attualmente lavora presso il Massachusetts General Hospital di Boston, sta lavorando a nuove tecniche che potrebbero ridurre la quantità di farmaci antirigetto che devono essere assunti per lunghi periodi, rischiando lo sviluppo di gravi problemi renali e tumori. Recentemente è intervenuto al convegno “Frontiers in Genito-Urinary Reconstruction” organizzato presso l’Università Tor Vergata di Roma, dove ha incontrato Sanità Informazione.

LEGGI ANCHE: TRAPIANTO DI PENE, ORA È REALTÀ. VESPASIANI (SIU): «È TECNICAMENTE POSSIBILE. BISOGNA TROVARE MODO ETICO DI REALIZZARLO»

«La tecnica utilizzata per il trapianto di tessuto genito-urinario – afferma ai nostri microfoni – si basa su quella usata per il trapianto di altri tessuti molli come quelli della mano o della faccia, che ormai vengono eseguiti in tutto il mondo. Le tecniche tradizionali di trapianto hanno dei limiti: sono efficaci in alcune persone, ma alcune delle ferite riportate dai veterani americani erano talmente gravi che abbiamo deciso di provare a sfruttare le nostre conoscenze nel trapianto di tessuti molli ed utilizzarle sul tessuto genito-urinario. E abbiamo scoperto che la procedura funzionava».

«Dobbiamo acquisire ancora molta esperienza – spiega Curtis Cetrulo – e capire quali sono i pazienti più adatti per questo genere di procedura: se i pazienti oncologici o che hanno subito un trauma pelvico o avuto una infezione, che sono le cause più comuni che portano all’amputazione del pene. Speriamo che lavorando insieme a questo gruppo composto dai massimi esperti al mondo nel campo, riusciremo presto a prendere le decisioni migliori per i nostri pazienti», conclude.

LEGGI ANCHE: FRANCESCO WIRZ, L’ITALIANO CHE HA OPERATO L’UOMO DAI TRE VOLTI: «IN FRANCIA FIDUCIA AI GIOVANI, COSÌ SI FORMANO I CHIRURGHI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Trapianto fegato-rene in due momenti diversi, al Niguarda il primo in Italia. De Carlis: «Intervento complesso, ecco come abbiamo fatto»
Il direttore dell’equipe della chirurgia generale e dei trapianti diretta dell’ospedale milanese racconta a Sanità Informazione la difficile operazione su una donna affetta da malattia policistica: «Scelta obbligata, la donna era in ipotermia. L’organo pesava intorno ai 13/14 chilogrammi». Il rene tenuto in funzione da una macchina di perfusione
di Federica Bosco
Giornata donazione organi, Grillo: «Fieri dell’Italia che dice sì». Parte lo spot televisivo con il comico Lillo
Nello spot per la campagna di comunicazione su donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule il comico Lillo e l'attrice Rossella Schiuma, ricordano che si può esprimere la propria dichiarazione di volontà anche in Comune, al momento del rilascio o rinnovo della carta d'identità. Nel 2019 le dichiarazioni hanno superato i 5 milioni
Donazione Organi, Comitato Nazionale Bioetica: «Sì a contatti tra ricevente e donatore, ma serve mediatore». Bologna (M5S): «Presto Ddl in materia»
In una conferenza alla Camera la presentazione dell’innovativo parere dell’istituzione presieduta da Lorenzo D’Avack: «È importante che chi desidera avere un incontro con la persona a cui sono stati donati gli organi riceva un consenso espresso e chiaro». La deputata Cinque Stelle: «Possiamo essere apripista in Europa»
Trapianti, calano liste di attesa ma ancora forti differenze nord-sud. In Toscana il maggior numero di donatori
I dati contenuti nel report del Centro nazionale trapianti. Il 14 aprile si svolgerà la giornata nazionale 2019 per la donazione degli organi
Torino, Le Molinette ha il record di trapianti per il 2017
Le Molinette è l’ospedale italiano dove sono stati effettuati il maggior numero di trapianti di organi nel 2017. Secondo il Centro Nazionale Trapianti, si è trattato, in totale, di ben 330 operazioni da donatore cadavere.  I DATI DEL 2018 Anche i dati del 2018 fanno ben sperare. Solo nei primi dieci mesi di quest’anno, infatti, è […]