Salute 16 Giugno 2020

Cure ospedaliere a domicilio, Arena (Legacoopsociali): «Ora si può»

«La sanità del futuro può diventare la sanità del presente»

Immagine articolo

«Il gruppo di lavoro sanità di Legacoopsociali condivide pienamente la proposta per il rafforzamento dell’assistenza domiciliare integrata, già lanciata dal Decreto Cura Italia», si legge in una nota dell’associazione.

«L’iniziativa legislativa – prosegue il comunicato – è a cura di Cittadinanzattiva, insieme ad un folto numero di organizzazioni civiche, associazioni di pazienti, federazioni e ordini professionali, società scientifiche e rappresentanti del mondo delle imprese, che torna nel Decreto Rilancio grazie ad emendamenti presentati da parlamentari nazionali di quasi tutti i gruppi (M5S, PD, Leu, Fratelli d’Italia, Forza Italia e Gruppo Misto). Gli emendamenti prevedono la realizzazione di piani regionali pluriennali per il rafforzamento dell’assistenza domiciliare integrata».

«Il “Decreto Rilancio” ha stanziato 3 miliardi e 250 milioni di euro per il Servizio Sanitario Nazionale di cui 734 milioni di euro per l’assistenza domiciliare – spiega l’Associazione -, triplicando quasi il budget di investimento previsto per un intero anno, esplicitando l’orientamento del governo di concentrarsi concretamente sul rafforzamento della rete territoriale quale passe-partout strategico di difesa-attacco alla pandemia da Covid-19, incremento che porterà questo servizio oltre la media Ocse passando dagli attuali 610.000 a 923.000 assistiti over 65».

LEGGI ANCHE: GLI ONCOLOGI: «FONDAMENTALI POTENZIAMENTO CURE TERRITORIALI, ASSISTENZA DOMICILIARE, TELEMEDICINA E RETI ONCOLOGICHE»

«Una cosa è certa – dice Mimmo Arena, coordinatore nazionale gruppo di lavoro sanità di Legacoopsociali – è finalmente il tempo di promuovere un nuovo modello di assistenza primaria, segnando il passaggio da un’assistenza sul territorio erogata in modo occasionale e puntiforme ad un modello di assistenza sanitaria domiciliare complementare all’ospedalità per acuti, organizzato come rete integrata di servizi multi-professionali e multi-disciplinari domiciliari, ambulatoriali, residenziali e semiresidenziali».

«Riprendendo quanto già riconosciuto a suo tempo dall’ultimo tavolo tecnico ministeriale del Ottobre 2016 – spiega Arena – a cui ha partecipato, tra gli altri, anche Legacoopsociali, sarà utile organizzare una cabina di regia nazionale che definisca il disegno complessivo del sistema con ruoli e regole omogenee, su tutto il territorio nazionale, oltre la definizione di regole certe sui processi di autorizzazione e accreditamento. Questo al fine di evitare una volta per tutte il vecchio sistema delle gare di appalto nell’area dell’assistenza primaria, attraverso la costituzione di reti territoriali che mettano insieme il non-profit con i medici di medicina generale, le farmacie e gli operatori socio sanitari che possano, così insieme, contribuire alla realizzazione di percorsi di assistenza integrati in un quadro di partnership con il SSN in cui il privato sociale svolga un ruolo di complementarità regolata rispetto al pubblico».

Secondo Legacoopsociali, la questione punta innanzitutto a sgravare quanto più possibile i pronto soccorso e le strutture ospedaliere da eventuali nuove emergenze e “restituire” la sanità pubblica ai cittadini per i loro bisogni sanitari di diagnosi e cura extra Covid-19.

LEGGI ANCHE: LA RICETTA DI FABIOLA BOLOGNA (MISTO) PER LA SANITÀ: «RIPARTIRE DA PERSONALE E RETI TERRITORIALI. A LUGLIO PDL SU MALATTIE RARE IN AULA»

«È stato dimostrato – aggiunge Arena – quanto un sempre più articolato e completo “prendersi cura” al domicilio del cittadino sia funzionale a garantirgli sicurezza e qualità di cure rimanendo a casa, per ridurre rischi di contagio, sgravare gli ospedali dal sovraccarico di richieste per consentire ai nosocomi di essere luoghi di diagnosi e cura per tutti e non solo per i pazienti Covid».

Il coordinatore del gruppo di lavoro sanità di Legacoopsociali, in sostanza, immagina sale operative tecnologicamente attrezzate che su base regionale e/o provinciale monitorino tutti i malati, attive h/24 per intervenire laddove servono, con competenze che consentano di far rimanere a casa i pazienti, lasciando il ricovero come ultima istanza, solo per casi acuti ed improcrastinabili.

«Questo è il tempo – conclude Mimmo Arena – oggi più che mai, perché la sanità del futuro divenga, consapevolmente e per volontà condivisa di tutti, la sanità del presente».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, le Regioni accelerano sui tamponi ma i Mmg denunciano criticità nella comunicazione dei risultati
L'allarme della Fimmg in Campania, Lazio e Liguria: con l'aumento dei tamponi ritardi e difficoltà nella certificazione si aggraveranno
«Sono un infermiere e ho lottato contro il Covid-19 a Milano. Ma ora sogno di diventare medico»
Dalle corsie dell’Istituto geriatrico Redaelli alle aule della Statale per il test di Medicina: «Sono curioso ed appassionato della materia, avevo deciso prima del Covid»
di Federica Bosco
La Ue ha firmato un contratto per 300 milioni di dosi del vaccino Sanofi/Gsk
Si tratta del secondo contratto dopo quello con AstraZeneca. L'Ue potrà scegliere di donare dosi del vaccino Sanofi/Gsk a Paesi con reddito medio-basso. Per Von der Leyen è un ulteriore passo all'accesso equo a vaccini sicuri
Gli anticorpi monoclonali possono essere il “Game changer”, prima del vaccino?
Gli anticorpi monoclonali possono rappresentare la soluzione più imminente al COVID-19? Attualmente sono 3 i laboratori in fase avanzata, di ampia sperimentazione sull'uomo (cosiddetta Fase 3): la Regeneron/NIAID, con due anticorpi (REGN10933 e REGN10987), la Eli Lilly (con Ly-CoV555), e la Vir Biotechnology (VIR-7831 e VIR-7832)
di Peter D'Angelo
Fatica, dolore e sintomi dopo Covid-19: è malattia cronica?
Paola Pisanti (Ministero della Salute): «Molti rimangono affetti in maniera subacuta, serve un SSN attento alle cronicità»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto