Dalla Redazione 21 Maggio 2020 12:52

Gli oncologi: «Fondamentali potenziamento cure territoriali, assistenza domiciliare, telemedicina e reti oncologiche»

Non è necessario ribadire quanto l’emergenza Covid-19 abbia pesato sui malati oncologici, sono i dati a parlare. Diagnosi e biopsie dimezzate, 64% di interventi chirurgici con ritardi e il 57% di visite in meno dei pazienti. Intervenire è urgente e per questo noi di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi, abbiamo stilato un documento […]

di i presidenti di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi

Non è necessario ribadire quanto l’emergenza Covid-19 abbia pesato sui malati oncologici, sono i dati a parlare. Diagnosi e biopsie dimezzate, 64% di interventi chirurgici con ritardi e il 57% di visite in meno dei pazienti. Intervenire è urgente e per questo noi di Favo, Aiom, Airo, Sico, Sipo e Fnopi, abbiamo stilato un documento con tutte le istruzioni necessarie per affrontare la fase 2.

In primis, sarà necessario dedicare attenzione al potenziamento delle cure territoriali, in associazione con l’assistenza domiciliare e implemento della telemedicina. Questo significherà trattamento oncologico domiciliare per tutte le situazioni che lo consentono e telemedicina anche per seguire i trattamenti attivi. Priorità sarà un incremento dell’attività chirurgica del 20-30% per recuperare i pazienti non trattati durante l’emergenza. Anche la radioterapia, le cui attività non sono state ridotte, andrà aggiornata nelle sue tecnologie. Senza dimenticare il sostegno psicologico dei pazienti, di cui chiediamo un solido potenziamento.

Prevenzione e interventi socio-sanitari sono al centro della gestione dei malati oncologici. Per tre mesi gli screening di tumore al colon retto, alla mammella e alla cervice sono stati sospesi. La riattivazione del servizio diagnostico è pertanto essenziale. Con il pieno funzionamento delle Reti oncologiche tutte le Regioni avranno la possibilità di garantire l’assistenza migliore a 360 gradi. In una logica di centri Hub in cui concentrare i casi complessi e centri Spoke in cui effettuare il resto delle prestazioni. Possibile solo con un importante snellimento delle procedure burocratiche.

Tutti questi obbiettivi saranno realizzabili solo con il coinvolgimento attivo e strutturato delle Associazioni dei pazienti, perché si crei un modello tarato sulle reali necessità.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Rai e Airc insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Dal 6 al 13 novembre, per otto giorni, Rai e Airc uniscono le forze nella campagna I Giorni della Ricerca. L'obiettivo è di lavorare insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero
Uno studio americano ha scoperto che le donne che utilizzano i prodotti per stirare i capelli hanno l'80% del rischio in più di sviluppare il cancro all'utero
Tumore al seno, dopo la diagnosi 1 donna su 4 smette di lavorare e rinuncia alla possibilità di avere figli
Fondazione Onda fotografa il vissuto e i bisogni delle donne con la malattia HER2+. Cambia inoltre la percezione del tempo: il 37 per cento da più valore alle piccole cose e al tempo in generale (30 per cento), ma quasi la metà dichiara di aver paura per il futuro e di percepire negativamente il tempo dedicato alla cura della malattia (20 per cento)
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni