Salute 22 Febbraio 2019

CSS, l’oncoematologo Locatelli nominato presidente. Intervista al genetista Cossu: «Porterò in Consiglio la mia esperienza nella medicina rigenerativa»

Nella prima riunione, al vertice del Consiglio Superiore di Sanità nominato l’oncologo noto per aver seguito il caso del piccolo Alex al Bambino Gesù. «La medicina rigenerativa è una delle medicine del futuro: adeguata per malattie genetiche, infarto o Parkinson, ma non per la cura dei tumori», sottolinea il professore Giulio Cossu VIDEO INTERVISTA COSSU – VIDEOINTERVISTA VINEIS

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Franco Locatelli, oncoematologo del Bambino Gesù di Roma, classe 1960, è il nuovo presidente del Consiglio superiore di sanità (CSS). La nomina è stata decisa alla riunione di insediamento del Css al Ministero della Salute. Vicepresidenti sono stati eletti Paolo Vineis, 68 anni di Alba, Ordinario di Epidemiologia all’ Imperial College di Londra e Paola Di Giulio, 64 anni di Brindisi che ricopre il ruolo di Professore di Scienze Infermieristiche – Università di Torino. «Auguri a Franco Locatelli eletto Presidente del Css e a tutti buon lavoro. È l’inizio di una felice collaborazione di cui il Paese ha bisogno» ha detto il Ministro della Salute Giulia Grillo.

 

Locatelli è il luminare bergamasco che dirige il reparto di onco-ematologia della struttura della capitale. Negli ultimi mesi il suo nome è diventato noto anche al grande pubblico per aver seguito il caso del piccolo Alex al Bambino Gesù, dove Locatelli dirige il reparto di onco-ematologia e terapia cellulare e genica. Il bimbo di 18 mesi proveniente da Londra, si è sottoposto a Roma a un complicato intervento di trapianto di midollo osseo, ovvero la trasfusione di cellule staminali ematopoietiche.

LEGGI INTERVISTA DI SANITA’ INFORMAZIONE A FRANCO LOCATELLI SUL TEMA DEI VACCINI

Tra i nuovi membri dell’Organismo ausiliario del Ministro della Salute c’è anche il genetista Giulio Cossu, classe 1953, professore di medicina rigenerativa a Manchester, ricercatore di fama internazionale per la cura delle distrofie muscolari. Prima docente alla University College London, poi professore di Istologia all’Università di Milano e alla Sapienza di Roma, è fellow dell’Academy of Medical Sciences, dell’Accademia dei Lincei, dell’European Academy of Science e dell’European Molecular Biology Organization. E dai primi giorni di febbraio è entrato a far parte anche del Consiglio Superiore Sanità.

Ai microfoni di Sanità Informazione, Giulio Cossu commenta questo nuovo incarico, descrive il suo attuale impegno per la ricerca e racconta aspettative e prospettive della medicina rigenerativa.

Professor Cossu, il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha firmato un decreto di nomina dei membri non di diritto del Consiglio Superiore Sanità. Tra i 30 nomi c’è anche il suo. Come ha reagito?

«Con sorpresa, non mi aspettavo di essere nominato, avevo avuto solo una breve conversazione. Ad ogni modo, cercherò di fare del mio meglio portando la mia esperienza nel campo di medicina rigenerativa e cercando di rendermi utile».

LEGGI ANCHE: LA TRAMA DELLA VITA, GIULIO COSSU SPIEGA LA MEDICINA RIGENERATIVA: INSEGNIAMO ANATOMIA E PATOLOGIA NELLE SCUOLE PER DIFENDERCI DALLE FALSE CURE

Attualmente vive a Manchester, dove è impegnato come docente e ricercatore. In particolare sta conducendo un trial sulla distrofia di Duchenne e di Becker, con quale obiettivo?

«Siamo tra i pochi gruppi al mondo che continua da tanti anni a cercare un approccio terapeutico per questa malattia trapiantando cellule. A Milano avevamo trapiantato cellule staminali prelevate ad un fratellino sano. Questo trial si è rivelato sicuro, ma molto poco efficace. Quindi, negli anni successivi, abbiamo lavorato per migliorare il protocollo clinico, cercando di aumentare l’efficacia di ogni singolo passaggio ed una parte di queste modifiche le stiamo verificando in un trial clinico esplorativo a Manchester proprio in questi mesi».

Che cosa si aspetta?

«Il punto importante è capire se iniettando queste cellule geneticamente corrette, provenienti dal paziente, e quindi diverse da quelle usate nel trial di Milano, riusciremo ad avere una quantità di distrofina prodotta – la proteina che manca in questa malattia – sufficiente, per farci andare avanti e farci programmare un trial con distribuzione sistemica, cioè su tutti i muscoli di queste cellule»

La medicina rigenerativa è la medicina del futuro o è una definizione azzardata?

«Credo si possa definire una delle medicine del futuro. Ce ne sono anche altre. Sicuramente porta con sé grandi promesse, ma ha di fronte tanti ostacoli che dovranno essere superati prima che si arrivi all’efficacia clinica per la maggior parte delle malattie che possono essere trattate con la medicina rigenerativa».

Ha dei limiti di trattamento?

«È adeguata per le malattie genetiche, per patologie come l’infarto o il Parkinson. Ma non credo lo sia per i tumori, almeno non per ora».

E quanto dovremmo aspettare per beneficiare dell’efficacia dei primi risultati?

«Dipende dalla malattia. Ci sono già delle patologie che sono state trattate e che purtroppo non sono arrivate all’attenzione del grande pubblico. Malattie dal nome difficile come l’epidermolisi bollosa, le immunodeficienze congenite o alcune forme di tesaurismosi sono state effettivamente curate: i bambini vanno a scuola, vivono una vita normale. Altre malattie, saranno probabilmente oggetto di una sperimentazione molto presto e con buone speranze. Ulteriori patologie, ancora più complesse, avranno bisogno di più anni. Nessuno ha la bacchetta magica».

 

Articoli correlati
Studio italiano: «Bambini possono essere chiave per sconfiggere Covid-19»
Un articolo su “The Lancet Child and Adolescent Health” parla di una migliore risposta immunitaria dei più piccoli, che raramente contraggono una forma grave dell'infezione. Tra i ricercatori anche Giuseppe Ippolito e Franco Locatelli
Conferenza Iss, il presidente Brusaferro: «Effetto trascinamento sul numero dei morti, tra contagio e decesso da 2 a 5 settimane»
Il presidente del Css Locatelli: «In un giorno 850mila tamponi, presto pronti test sierologici». Oltre 14mila i lavoratori della sanità contagiati: 1022 i medici ospedalieri, 2.027 gli infermieri e 1.466 gli Oss
di Gloria Frezza
Speranza incontra comitato presidenza CSS: «Contributo Consiglio superiore di sanità centrale per sfide Ssn»
Il Ministro della Salute ha avuto un colloquio con i membri del Comitato di presidenza dell’organo consultivo. Il presidente del Css Franco Locatelli: «Incontro ricco di spunti di riflessione per tutti»
«Storie di ricerca e speranza contro le fake news». Su RaiTre prima serata con i #Dottoriincorsia
In onda sabato 16 novembre in prima serata su Rai3 la nuova edizione della docuserie “Dottori in corsia - Ospedale Pediatrico Bambino Gesù”, di Simona Ercolani. Federica Sciarelli guida l’appassionato racconto, intervistando i protagonisti e ripercorrendo con loro i momenti importanti nel viaggio verso la guarigione
Bambino Gesù, Alex è guarito. L’ematologo Locatelli: «Il suo sistema immunitario è sano»
Alex è guarito, lo ha riferito Franco Locatelli, primario del Dipartimento di oncoematologia e terapia cellulare e genica dell’ospedale Bambino Gesù di Roma in merito alle condizioni di Alex Maria Montresor, il bimbo trapiantato lo scorso dicembre utilizzando le cellule del papà. All’Adnkronos il medico ha detto che Alex «è ufficialmente guarito, il suo sistema […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 giugno, sono 6.651.047 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 391.439 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 5 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco