Salute 16 Febbraio 2023 10:18

INTERVISTA | Locatelli: «La grande sfida è traslare immunoterapia Car-T su tumori solidi. E sul CTS…»

A Sanità Informazione parla il presidente del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli, e spiega: «Un onore aver servito il Paese durante il Covid-19, anche se qualche volta non si è capito quanto fosse difficile lavorare in quella situazione». E poi l’appello: «Più fondi per la ricerca»

INTERVISTA | Locatelli: «La grande sfida è traslare immunoterapia Car-T su tumori solidi. E sul CTS…»

Il professor Franco Locatelli, ematologo di fama mondiale, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e coordinatore del CTS durante lo stato di emergenza Covid-19,  sta lasciando la platea di un convegno sul cancro infantile per tornare al suo lavoro. Lo fermano due persone. Prima un signore che, commosso, quasi gli grida: «Professore, lei ha salvato mio nipote!». Tra i due parte, spontaneo, un fraterno abbraccio che vale più di mille parole. Non fa due passi che subito lo ferma una signora che, con voce quasi strozzata, dice: «Professore, lei ha svolto una consulenza per noi. Purtroppo non è andata bene, ma la ringrazio per la disponibilità e la celerità nella risposta». Ora è Locatelli quasi ad essere commosso: «Queste sue parole sono importanti per me».

È stata una giornata di ordinarie emozioni per Franco Locatelli quella dedicata alla lotta al Cancro infantile. La platea di Fiagop, la Federazione Nazionale delle Associazioni di Genitori di bambini e adolescenti che hanno contratto tumori o leucemie, lo ascolta in religioso silenzio. E lui non delude anticipando i risultati di uno studio in pubblicazione sul New England Journal of Medicine, che dimostra come grazie all’immunoterapia Car-T, su una determinata popolazione di bambini colpiti da neuroblastoma, il tumore più comune della prima infanzia, la sopravvivenza a 3 anni sfiori il 40%, mentre oggi quella a due anni è appena del 5%. «Siamo contenti ma quello che interessa è pensare a come riempire il gap che ancora manca, il 60%. Il 40% è una buona base di partenza ma deve essere uno stimolo per fare meglio» afferma con pragmatismo lombardo.

La scommessa vinta delle cellule Car-T

Sull’immunoterapia e sulle cellule Car-T, Locatelli ha vinto la sua scommessa. «Quindici anni fa nessuno avrebbe scommesso sull’immunoterapia. Oggi gioca un ruolo decisivo nei pazienti che hanno fallito le terapie convenzionali» spiega a Sanità Informazione. «All’epoca si pensava che non avesse un futuro particolare in quanto i dati ottenuti fino ad allora non erano così clamorosamente a favore di un ruolo terapeutico, poi invece c’è stato quello che io definisco un ‘rinascimento’ e si è dimostrata l’efficacia in diversi contesti anche grazie a nuovi farmaci e nuovi tipi di anticorpi monoclonali, oltre alle prime cellule Car-T. E oggi siamo sul punto di trasportare questa innovazione nella cura dei tumori solidi» afferma l’ematologo del Bambino Gesù.

L’importanza della ricerca nella cura dei tumori

Locatelli ricorda l’importanza della ricerca e della collaborazione tra pubblico e privato in questo ambito. «Gli IRCCS ma anche le regioni e altre istituzioni possono applicare fondi della ricerca finalizzata. E poi si potrebbe dedicare una quota dei fondi destinata alla ricerca specializzata alle ricerche in ambito oncologico specializzato. Voglio ricordare che grazie ai fondi PNRR alla fine della scorsa primavera e dell’estate il Ministero dell’Istruzione e quello della Salute hanno deciso di investire fondi per le terapie con cellule geneticamente modificate così come sulle terapie RNA. Avranno un ruolo determinante per la cura dei tumori. La sfida è traslarle nell’ambito dei tumori solidi».

La sfida del Covid-19

Locatelli però è anche un uomo di sanità pubblica: tutti lo ricordano alla guida del Comitato Tecnico Scientifico durante i mesi più difficili della pandemia da Covid-19. Un’esperienza che lo ha segnato, come ricorda al nostro giornale.  «La cosa bella che mi rimane è quella di aver servito il Paese e di aver lavorato con tante persone del mondo istituzionale che si sono sacrificate per molti mesi con un grande senso di protezione verso il Paese. La cosa più difficile è stata, in qualche occasione, aver avuto la percezione che una parte dei cittadini non capisse quanto è stato difficile lavorare in certi contesti» spiega ancora l’ematologo.

Infine, un appello a tutelare il nostro Servizio Sanitario Nazionale: «Abbiamo la fortuna di vivere in un Paese che grazie ad un sistema nazionale universalistico e solidaristico garantisce l’accesso ai migliori trattamenti senza distinzione alcuna, fatte salve alcune difformità territoriali. Dobbiamo tutelare il SSN, forse non sempre abbiamo coscienza di quanto sia importante».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Al Bambino Gesù terapia CAR-T sui primi 3 pazienti con malattie autoimmuni
Due ragazze italiane e 1 bambino ucraino di 12 anni, fuggito dalla guerra, sono i primi pazienti pediatrici affetti da gravi patologie autoimmuni ad essere stati trattati con cellule CAR-T capaci di mandare in remissione la loro malattia. Il trattamento è stato eseguito all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma
di V.A.
Ematologia, pazienti e medici d’accordo: «Serve alleanza tra società scientifiche e associazioni per incidere nelle scelte»
Al convegno della Società Italiana di Ematologia di Bologna presenti tutte le principali associazioni dei pazienti in ambito ematologico, a partire da AIL. Corradini (SIE): «Contrastare la disinformazione e aiutare le persone nel loro cammino. La ricerca deve occuparsi anche della sostenibilità delle terapie attuali»
Papà Filippo si trasforma in Irondad per curare la sua bambina dal neuroblastoma
Filippo Minuto è il papà di Guia, una bambina a cui è stato diagnosticato un neuroblastoma all’età di 3 mesi. Per raccogliere fondi e sostenere la ricerca si cimenta con il Triathlon nella gara chiamata “Ironman” e lancia la sfida su una piattaforma di crowdfunding. Il primo anno raccoglie 76 mila euro, il secondo 100 mila euro e quest’anno l’obiettivo in vista dell’appuntamento di Cervia del prossimo 17 settembre è battere il record
di Federica Bosco
Vaccini, Ianaro (M5S): «Prima di terza dose a giovani e sani completare immunizzazione nel resto del mondo»
«Ignorare la metà del mondo rimasta indietro nella campagna vaccinale non solo è eticamente inaccettabile ma anche antiscientifico e antieconomico» aggiunge la farmacologa e deputata pentastellata che da tempo sostiene la sospensione temporanea dei brevetti del vaccino Covid 19
«Curare i nostri bambini per curare anche altri tumori»: l’Associazione Neuroblastoma su nuove frontiere di ricerca e 5×1000
La presidente Costa: «Una firma sulla dichiarazione dei redditi può fare la differenza». Capasso (Federico II): «Meccanismi genetici comuni ad altre malattie». Conte (Gaslini) su aspettative di vita: «Risultato non ancora soddisfacente, ma incoraggiante»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...