Salute 1 Giugno 2022 12:47

Crioconservazione del tessuto adiposo, una svolta per gli sportivi?

Intervista al dottor Stefano della Villa dell’Isokinetic Medical Group Bologna: «Metodologia dal grande potenziale»

Il tessuto adiposo autologo ha grandi potenzialità di utilizzo per migliorare la salute di una persona. La crioconservazione di questo materiale, però, potrebbe (siamo ancora agli inizi dei relativi studi) rappresentare una svolta per la vita di uno sportivo, in quanto tale particolarmente soggetto a traumi e infortuni dilazionati nel tempo che possono compromettere (o porre fine) alla sua carriera. Se ne è parlato nel corso della presentazione in Emilia Romagna di una partnership pubblico privata per attività di banking di tessuto adiposo autologo e sviluppo di attività di ricerca nel campo della Bioingegneria Tessutale tra Lipobank e Banca Regionale della Cute di Cesena.

«Dobbiamo partire un po’ a monte per capire in cosa consiste – spiega ai nostri microfoni il dottor Stefano della Villa dell’Isokinetic Medical Group Bologna –. Questa tecnica permette un intervento attraverso le cellule staminali del tessuto adiposo per consentire un trattamento a lungo termine dell’atleta». In altre parole, ciò che oggi si sta già facendo, visto che questo tipo di cellule sono già utilizzate, ma all’interno di un periodo di tempo più lungo. In questo modo, infatti, «potranno essere utilizzate in maniera dinamica nel corso degli anni di carriera dello sportivo» per intervenire nelle patologie che possono subentrare nel corso del tempo. «Questa è secondo me la parte davvero innovativa». E tutto ciò non riguarda, ovviamente, solo la vita sportiva dell’atleta, ma anche «il post carriera».

Certo, siamo ancora agli inizi dello studio dell’utilizzo di questa tecnica ma «se ne vedono già le grandi opportunità». Opportunità che andranno «dimostrate poi con i grandi numeri, attraverso il rispetto della scienza e usando un linguaggio corretto». Insomma, vedremo se le promesse verranno mantenute ma «dietro ci sono un grande razionale e un enorme potenziale. Vedremo quel che verrà dopo».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Crioconservazione del tessuto adiposo autologo, Altini: «Esempio collaborazione tra pubblico e privato»
Intervista al Direttore sanitario dell’Ausl Romagna Ravenna, dottor Mattia Altini: «L’idea di collaborare, contaminarsi, guardare le cose da punti diversi è un valore che può migliorare anche il Servizio sanitario nazionale»
Partnership pubblico-privato per la crioconservazione del tessuto adiposo autologo
Tra i campi di applicazione ci sono ortopedia, cura delle ferite, ginecologia, chirurgia plastica e ricostruttiva, colonproctologia e terapia del dolore
Doping: più educazione agli atleti e formazione per i medici, l’appello di AME
Al via il corso Consulcesi Club su sostanze illegali nello sport amatoriale
La psicologa Galli: «Dopo 2 anni di restrizioni, lo sport ritorni a essere una priorità»
La psicologa clinica Galli invita a ripartire con lo sport o a cominciarne uno nuovo
di Redazione
In Italia è padel mania: campi aumentati del 155% in un anno
Oltre un milione e mezzo di italiani si sono appassionati a questo sport. Mancini (FIT): «Piace a molti per la sua semplicità: è più facile del tennis perché la racchetta è molto più vicina alla mano e i campi sono più piccoli»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 luglio, sono 550.055.526 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.340.167 i decessi. Ad oggi, oltre 11,76 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...