Salute 23 Novembre 2020 10:36

Covid, il vaccino Oxford/AstraZeneca efficace al 70%

Arrivano i primi risultati anche per il vaccino targato Oxford/AstraZeneca, il primo europeo ad arrivare a un simile traguardo. Rispetto agli altri candidati risulta più economico e più facile da trasportare

Covid, il vaccino Oxford/AstraZeneca efficace al 70%

Il vaccino sviluppato dall’Università di Oxford contro il coronavirus risulta efficace al 70%. L’annuncio è arrivato da AstraZeneca, che ha spiegato che la sua efficacia è stata dimostrata in due segmenti di studio. La Bbc lo ha definito allo stesso tempo «un successo e una delusione», dopo che i vaccini messi a punto da Pfizer e Moderna hanno mostrato una protezione al 90%.

È efficace al 62% se somministrato in due dosi piene, ma se somministrato a una dose e mezza (mezza dose iniziale, una dose dopo un mese) l’efficacia è al 90%, con protezione e tollerabilità massima per le persone più anziane.

Tuttavia, il vaccino inglese mostra comunque un punto di forza rispetto agli altri due, in quanto risulta sensibilmente più economico e più facile da conservare. A differenza dei due candidati americani, basati sull’mRna, il prodotto di Oxford viene da un adenovirus che provoca raffreddore negli scimpanzé. Se venisse approvato, potrebbe svolgere un ruolo significativo nella lotta contro la pandemia. Il governo britannico ha già ordinato 100 milioni di dosi del vaccino, abbastanza per immunizzare 50 milioni di persone.

Costerà 2,80 euro a dose, e «potrà essere trasportato e conservato a temperature da frigorifero domestico (2-8 gradi). Ciò significa – si legge in una nota – che il prodotto potrà essere distribuito facilmente e velocemente attraversi ambulatori medici e farmacie locali».

L’amministratore delegato di AstraZeneca, Pascal Soriot, ha dichiarato che «la giornata di oggi segna una tappa importante nella nostra lotta contro la pandemia. L’efficacia e la sicurezza di questo vaccino confermano che sarà altamente efficace contro Covid-19 e avrà un impatto immediato su questa emergenza sanitaria».

«La semplice catena di distribuzione del vaccino e il nostro impegno senza scopo di lucro perché ci sia un accesso ampio, equo e tempestivo significano che sarà conveniente e disponibile a livello globale, fornendo centinaia di milioni di dosi», ha aggiunto.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il patentino vaccinale su una app. E così chi non è immune al Covid non potrà viaggiare
Mentre continua la discussione sul patentino vaccinale, sono allo sviluppo molte app che certificano lo stato di avvenuta vaccinazione: compagnie aeree e altri business sono pronte a implementarle
di Tommaso Caldarelli
Vaccino Covid, l’immunologa Viola: «Priorità ai fragili, non procedere per categorie lavorative»
In audizione in Commissione Sanità al Senato, l’immunologa Antonella Viola ha messo in guardia sulla variante sudafricana. Poi ha sottolineato: «Per arrivare a vaccinare 38 milioni di italiani entro il 2021 dobbiamo vaccinare 220 mila persone al giorno. Essenziale velocità e coinvolgere i medici di medicina generale»
Vaccini Covid, il Regno Unito ritarda i richiami. La scelta strategica fa discutere
Slittare le seconda dose fino a 12 settimane per vaccinare più persone possibile. Gli esperti si dividono: strategia azzardata o salvavita?
Vaccini, Ordini e sindacati: «Assicuriamo nostro impegno, ma intensificare opera di sensibilizzazione»
Ordini e sindacati dei professionisti sanitari e socio-sanitari si uniscono in un messaggio di impegno e fermezza: «Da questa pandemia si uscirà soltanto affidandosi alla scienza»
Ultima conferenza Iss, Locatelli: «62 milioni di dosi di vaccino nel 2021»
Brusaferro, Locatelli e Rezza nell'ultima conferenza Iss del 2020 confermano una curva del contagio in decrescita, anche se rallentata. In arrivo nuove dosi di vaccino con l'approvazione di Moderna, prevista il 6 gennaio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»