Salute 22 Marzo 2021 10:58

Covid, il protocollo delle cure domiciliari adottato dal Piemonte (che ha fatto discutere)

Intervista all’assessore alla Sanità della Regione Luigi Genesio Icardi

di Federica Bosco
Covid, il protocollo delle cure domiciliari adottato dal Piemonte (che ha fatto discutere)

Combattere il Covid alla comparsa dei primi sintomi per vincere sul tempo il virus e non stressare il sistema sanitario ospedaliero. Con questo obiettivo Regione Piemonte ha messo a punto un protocollo di cure che prevede idrossiclorochina, vitamina D e antinfiammatori, destinato a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Ideato durante la prima ondata pandemica, il protocollo, che conta sull’apporto fondamentale delle Usca sette giorni su sette dalle 8 alle 20, sta dando risultati incoraggianti, come spiega l’assessore alla Sanità di Regione Piemonte Luigi Genesio Icardi. Ma il protocollo nei giorni scorsi è stato al centro di aspre polemiche, soprattutto in merito alla possibilità di prescrivere l’idrossiclorochina, sconsigliata dall’Aifa, dall’americana Fda e dall’Oms in quanto, secondo numerosi studi scientifici, ritenuta non solo inutile alla lotta al Covid, ma anche potenzialmente pericolosa.

«È un protocollo molto dettagliato, che prevede le cure precoci a domicilio: una parte farmacologica e una operativa. Il che significa non un’attesa vigile del decorso della malattia prescrivendo solo paracetamolo, ma prendendo in carico i pazienti a domicilio. Per questo già lo scorso anno siamo stati tra i primi a siglare un protocollo con Asl, prefetture, medici di medicina generale e pediatri di libera per evitare di arrivare all’ospedalizzazione del paziente, cercando di battere sul tempo il virus».

Avete scelto di introdurre l’idrossiclorochina che è stata al centro di grandi polemiche, come mai?

«Nel protocollo di aprile scorso, ad un mese dall’inizio della pandemia, c’era già l’idrossiclorochina, poi è stata tolta per il divieto di Aifa. Successivamente è stata reinserita, dopo le vicende giudiziarie, con tutte le garanzie del caso: dal consenso informato, all’obbligo del medico di spiegare al paziente una serie di effetti legati all’idrossiclorochina prima di utilizzarla».

In questo protocollo un ruolo importante spetta alle Usca, in che modo?

«Il ruolo delle Usca è fondamentale perché permette di effettuare un controllo costante sui pazienti attraverso visite mediche, esami del sangue, delle urine, elettrocardiogramma, ecografia, tampone naso faringeo per test molecolari e antigenici e saturazione del sangue. È previsto anche un servizio psicologico svolto da remoto con la telemedicina attraverso colloqui in videochiamata con il paziente e i famigliari».

Siete partiti a settembre, quindi avete già modo di fare una valutazione…

«Abbiamo tanti medici che ne hanno fatto uso in particolare in due distretti: l’alessandrino e il novarese con dei risultati incoraggianti. L’ospedale più grande del Piemonte, Le Molinette di Torino, inoltre, ha catalogato in un registro oltre 1600 casi, con una evidenza importante: a seguito di una minore ospedalizzazione c’è una riduzione del tasso di mortalità. Sulla base di questi dati, e sulla base degli studi e dei riscontri avuti nei Paesi che ne fanno uso, abbiamo perciò lasciato al medico la facoltà di agire secondo scienza e coscienza, valutando il singolo caso specifico e la sua capacità di curare».

Le istituzioni hanno avuto un ruolo importante in questo protocollo…

«Credo che il compito di un decisore politico sia quello di mettere a disposizione dei cittadini tutti gli strumenti utili e possibili per combattere la malattia, poi sta al singolo medico decidere se farne uso. Non è un obbligo, è una facoltà, ma noi abbiamo voluto dare tutte le regole per poter utilizzare al meglio il protocollo. E da una prima analisi si vede che dove si applica e si riesce, con medici di base e distretti, a curare le persone a casa, il sistema ospedaliero è meno sotto pressione, il che significa non dover convertire i reparti in Covid e continuare ad erogare le cure necessarie in altre patologie».

A seguito dei risultati ottenuti in Piemonte, altre regioni si sono attivate?

«Nei giorni scorsi alcuni colleghi mi hanno contattato per avere informazioni e conoscere più nel dettaglio il protocollo. Non ho avuto alcun problema ad inviare loro le linee guida per l’applicazione. Nei prossimi mesi vedremo le risposte che avranno».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Palermo (Anaao): «Se non cambiano idea, 90mila no vax rischieranno la vita»
Il Segretario Nazionale di Anaao-Assomed spiega a Sanità Informazione perché l’obbligo vaccinale andrebbe preso in considerazione
Il 96% dei deceduti per Covid-19 non era vaccinato. Onder (ISS): «Ampia copertura per proteggere gli “iperfragili”»
Pubblicato il report ISS sui decessi per Covid-19 degli ultimi 8 mesi. I morti non vaccinati sono 23 volte di più di quelli che avevano ricevuto la doppia dose e sono comunque deceduti a causa del virus
Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»
Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale
Green pass e badanti, le FAQ del Governo. Cosa c’è da sapere
Come comportarsi con badanti conviventi senza Green pass o positive al Covid-19? Le risposte di Palazzo Chigi
Covid-19, Lorenzin: «Mio obbligo vaccinale e Green pass molto simili»
L'ex ministra della Salute ha partecipato all'ultimo congresso Sumai: «Medici fondamentali per convincere quella nicchia di pazienti che non si vuole vaccinare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?