Salute 22 Marzo 2021 10:58

Covid, il protocollo delle cure domiciliari adottato dal Piemonte (che ha fatto discutere)

Intervista all’assessore alla Sanità della Regione Luigi Genesio Icardi

di Federica Bosco
Covid, il protocollo delle cure domiciliari adottato dal Piemonte (che ha fatto discutere)

Combattere il Covid alla comparsa dei primi sintomi per vincere sul tempo il virus e non stressare il sistema sanitario ospedaliero. Con questo obiettivo Regione Piemonte ha messo a punto un protocollo di cure che prevede idrossiclorochina, vitamina D e antinfiammatori, destinato a medici di medicina generale e pediatri di libera scelta. Ideato durante la prima ondata pandemica, il protocollo, che conta sull’apporto fondamentale delle Usca sette giorni su sette dalle 8 alle 20, sta dando risultati incoraggianti, come spiega l’assessore alla Sanità di Regione Piemonte Luigi Genesio Icardi. Ma il protocollo nei giorni scorsi è stato al centro di aspre polemiche, soprattutto in merito alla possibilità di prescrivere l’idrossiclorochina, sconsigliata dall’Aifa, dall’americana Fda e dall’Oms in quanto, secondo numerosi studi scientifici, ritenuta non solo inutile alla lotta al Covid, ma anche potenzialmente pericolosa.

«È un protocollo molto dettagliato, che prevede le cure precoci a domicilio: una parte farmacologica e una operativa. Il che significa non un’attesa vigile del decorso della malattia prescrivendo solo paracetamolo, ma prendendo in carico i pazienti a domicilio. Per questo già lo scorso anno siamo stati tra i primi a siglare un protocollo con Asl, prefetture, medici di medicina generale e pediatri di libera per evitare di arrivare all’ospedalizzazione del paziente, cercando di battere sul tempo il virus».

Avete scelto di introdurre l’idrossiclorochina che è stata al centro di grandi polemiche, come mai?

«Nel protocollo di aprile scorso, ad un mese dall’inizio della pandemia, c’era già l’idrossiclorochina, poi è stata tolta per il divieto di Aifa. Successivamente è stata reinserita, dopo le vicende giudiziarie, con tutte le garanzie del caso: dal consenso informato, all’obbligo del medico di spiegare al paziente una serie di effetti legati all’idrossiclorochina prima di utilizzarla».

In questo protocollo un ruolo importante spetta alle Usca, in che modo?

«Il ruolo delle Usca è fondamentale perché permette di effettuare un controllo costante sui pazienti attraverso visite mediche, esami del sangue, delle urine, elettrocardiogramma, ecografia, tampone naso faringeo per test molecolari e antigenici e saturazione del sangue. È previsto anche un servizio psicologico svolto da remoto con la telemedicina attraverso colloqui in videochiamata con il paziente e i famigliari».

Siete partiti a settembre, quindi avete già modo di fare una valutazione…

«Abbiamo tanti medici che ne hanno fatto uso in particolare in due distretti: l’alessandrino e il novarese con dei risultati incoraggianti. L’ospedale più grande del Piemonte, Le Molinette di Torino, inoltre, ha catalogato in un registro oltre 1600 casi, con una evidenza importante: a seguito di una minore ospedalizzazione c’è una riduzione del tasso di mortalità. Sulla base di questi dati, e sulla base degli studi e dei riscontri avuti nei Paesi che ne fanno uso, abbiamo perciò lasciato al medico la facoltà di agire secondo scienza e coscienza, valutando il singolo caso specifico e la sua capacità di curare».

Le istituzioni hanno avuto un ruolo importante in questo protocollo…

«Credo che il compito di un decisore politico sia quello di mettere a disposizione dei cittadini tutti gli strumenti utili e possibili per combattere la malattia, poi sta al singolo medico decidere se farne uso. Non è un obbligo, è una facoltà, ma noi abbiamo voluto dare tutte le regole per poter utilizzare al meglio il protocollo. E da una prima analisi si vede che dove si applica e si riesce, con medici di base e distretti, a curare le persone a casa, il sistema ospedaliero è meno sotto pressione, il che significa non dover convertire i reparti in Covid e continuare ad erogare le cure necessarie in altre patologie».

A seguito dei risultati ottenuti in Piemonte, altre regioni si sono attivate?

«Nei giorni scorsi alcuni colleghi mi hanno contattato per avere informazioni e conoscere più nel dettaglio il protocollo. Non ho avuto alcun problema ad inviare loro le linee guida per l’applicazione. Nei prossimi mesi vedremo le risposte che avranno».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
La vitamina C e la vitamina D prevengono il contagio da Covid-19?
Cosa dice la Circolare del 30 novembre 2020 del Ministero della Salute sulla “Gestione domiciliare dei pazienti con infezione da SARS-CoV-2”
Covid, per sanitari turni massacranti e ferie negate. Boom di richieste d’aiuto a Consulcesi: +30% in un anno
Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi. «Per i medici gli straordinari sono diventati 'ordinari'. Siamo al fianco dei nostri eroi affinché ricevano il giusto riconoscimento per i sacrifici che continuano a fare»
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...