Salute 8 Settembre 2021 16:34

Covid e antidepressivi: ecco perché i farmaci contro il mal di vivere hanno un effetto scudo

È made in Italy la ricerca che svela come si attiva questo  meccanismo barriera. Fei (psichiatra): «Gli antidepressivi, agendo sui “messaggeri neurologici” come la serotonina e la noradrenalina, riescono a ridurre nel sangue i livelli di interleuchina 6. Effetti analoghi anche sui soggetti fragili»

di Isabella Faggiano

Che i farmaci antidepressivi abbiamo un effetto scudo sul Covid-19 non è una novità. È stato dimostrato sia da studi europei che oltreoceano. Ma è italiano, e più precisamente dei ricercatori del Careggi di Firenze, il merito di aver svelato il meccanismo di questo effetto barriera. «I pazienti ricoverati per Covid (oggetto dello studio in questione) che assumevano una particolare classe di antidepressivi, quelli che preservano i livelli di serotonina e noradrenalina nel cervello, e che hanno continuano ad assumerli anche durate l’infezione, hanno mostrato un rischio minore di sviluppare gravi complicanze come la polmonite», spiega Leonardo Fei, psichiatra e direttore della Psiconcologia di Careggi e autore dello studio.

Il meccanismo scudo

«I medicinali che combattono il “mal di vivere”, agendo su “messaggeri neurologici” come la serotonina e noradrenalina, riescono a ridurre nel sangue i livelli di interleuchina 6 (IL-6). Questa sostanza, attivata in modo particolare dal Covid-19 – continua Fei -, è la molecola principalmente coinvolta nella tempesta infiammatoria responsabile della maggior parte dei danni causati dal coronavirus all’organismo e in particolare all’apparato respiratorio».

Al riparo anche i pazienti fragili

Ma c’è di più. Gli antidepressivi sono stati così efficaci da proteggere anche i pazienti più “sfavoriti”: «Anziani e soggetti affetti da più patologie pregresse che assumevano questi farmaci, e che non ne hanno interrotto la somministrazione durante il Covid-19, hanno beneficiato degli stessi effetti protettivi riscontrati in pazienti giovani e privi di comorbilità – dice lo psichiatra -. Più in generale, chi tra questi pazienti ha contratto la polmonite non ha mostrato una forma grave della patologia, il ricorso ad ossigeno e la possibilità di trasferimento nel reparto di terapia intensiva sono risultati notevolmente ridotti».

I benefici dello studio

Un risultato, quello raggiunto dalla collaborazione degli specialisti dei reparti di  Malattie infettive, Immuno-allergologia e Covid della Medicina interna di Careggi, dalla duplice importanza. «Da un lato – aggiunge Fei – questa nostra ricerca mostra chiaramente che al ricovero in ospedale non deve coincidere l’interruzione delle terapie pregresse in corso. Se ci sono le condizioni adeguate al proseguimento del trattamento è sempre meglio non interromperlo. In secondo luogo, questi risultati aprono un orizzonte sulla comprensione dei meccanismi biochimici alla base delle reazioni infiammatorie da coronavirus e all’eventuale sviluppo di nuove terapie. Ma attenzione – sottolinea lo specialista – ciò non significa utilizzare in modo inappropriato gli antidepressivi, che devono essere impiegati sempre e solo sotto stretto controllo medico»

Anche i risultati preliminari di nuove ricerche in corso confermano quanto mostrato dagli studiosi dell’ospedale fiorentino. «Nuovi dati continuano a mostrarci che la strada intrapresa è quello giusta. E noi –  conclude – continueremo a batterla».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
Covid-19, la Spagna ha vaccinato il 100% degli over 80. Ecco come
La maggioranza della popolazione over 80 si è vaccinata in un centro di salute pubblica del suo quartiere. Perché la campagna di vaccinazione è stata un successo
Nuovo report Cabina di regia: Rt a 0,92, aumentano ricoveri e terapie intensive. Tre Regioni a rischio moderato
Brusaferro: «In calo casi tra i più giovani, età mediana della diagnosi a 37 anni». Rezza: «Calo vaccini fisiologico»
Covid in gravidanza, altissima la probabilità di parto pretermine
Al Policlinico Federico II di Napoli 420 prematuri (alcuni di 26 settimane) da madri Covid positive. Raimondi (direttore TIN Federico II): «Vaccino in gravidanza raccomandato per tutelare madre e bambino»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...