Salute 15 Marzo 2021 10:45

Covid, chi sono gli immuni per natura?

Uno studio internazionale a cui partecipa l’Università di Tor Vergata di Roma analizza il DNA dei soggetti resistenti al virus. Novelli: «L’interferone potrebbe avere un ruolo fondamentale. Se manca o viene eliminato in fretta si rischia di più. Obiettivo è mettere a punto un farmaco efficace contro il virus»

di Federica Bosco
Covid, chi sono gli immuni per natura?

Mentre si accelera con le vaccinazioni per battere sul tempo il Covid e la maggior parte d’Italia si chiude in un nuovo lockdown, c’è chi studia gli immuni per natura, ovvero persone che nonostante il contatto diretto con il virus non si ammalano e potrebbero permettere di scoprire farmaci efficaci. Sono 250 i laboratori al mondo impegnati in questa ricerca. Tra di loro l’Università Tor Vergata di Roma con il professor Giuseppe Novelli che ai nostri microfoni spiega modalità e obiettivi dello studio.

«Quando c’è una pandemia i fattori in gioco sono l’ospite e l’ambiente, ossia il contesto in cui si sviluppa l’infezione. Noi ci siamo concentrati sulla seconda, che è fondamentale. I primi mesi dell’infezione ci siamo accorti che ci sono gli asintomatici, i moderati lievi, i casi gravi. Chi si ammala di Covid ha reazioni differenti, e anche gli organi colpiti non sono sempre gli stessi. Partendo da questo dato, siamo andati a scoprire le motivazioni di queste differenze. Nel gruppo dei gravissimi, ovvero di coloro che sono in terapia intensiva, abbiamo rilevato che il 10-12% dei malati ha un difetto nella produzione della prima linea di difesa contro i virus, ovvero nell’interferone, che non viene prodotto o eliminato subito dall’individuo. Questa è stata una delle più grandi scoperte dello scorso anno».

Alla luce di questo importante punto di partenza come vi siete mossi?

«Una volta che abbiamo individuato i soggetti che hanno questo difetto genetico, e sono coloro che si ammalano più gravemente di Covid, abbiamo capito che ci sono anche persone che non si infettano, nonostante siano consanguinei di malati, o conviventi o persone fortemente esposte al virus. Siamo andati in quella direzione per capire come mai».

In che modo?

«Innanzitutto, abbiamo selezionato molto bene i soggetti all’apparenza resistenti al virus. Questi hanno dato volontariamente il loro DNA nel rispetto della privacy. I dati, una volta raccolti, sono stati inviati ad un centro unico, in cui si procede con i calcoli biostatistici e bioinformatici per trovare le differenze».

Oggi a che punto siete?

«Abbiamo selezionato cento soggetti che hanno queste caratteristiche, allo stesso modo hanno fatto i colleghi americani, francesi, del sud est asiatico e del Canada. Ora stiamo leggendo il loro DNA. Dove troviamo differenze le confrontiamo, facciamo analisi statistiche, le correliamo ad altri parametri e poi valuteremo se esistono uno, due o tre caratteristiche genetiche che rendono queste persone resistenti al virus. Due le ipotesi al vaglio: potrebbero avere un recettore con una forma diversa o produrre meglio l’interferone».

Come si possono rintracciare le persone resistenti al virus?

«I test genetici di suscettibilità sono lo strumento che possiamo utilizzare per individuare chi non si ammala di Covid».

Quale sarà l’obiettivo di questa ricerca?

«Vogliamo scoprire quale differenza biochimica esiste in persone resistenti al virus, in modo da poter sviluppare nuovi farmaci. Un processo analogo è stato fatto per l’AIDS dove si è visto che negli immuni manca un particolare recettore. Quindi ora stiamo sviluppando un farmaco specifico in grado di bloccare il recettore quando è presente. È importante, perciò, in biologia studiare la diversità di risposta al virus per aprire nuove strade per le terapie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Cabina di regia: «Rt a 0,85. Età contagiati cala per effetto delle vaccinazioni»
Brusaferro (ISS): «Decrescita in quasi tutte le Regioni. Altri Paesi Ue curva in salita». Rezza (Min. Salute): «Incidenza cala molto lentamente»
Riaperture, la road map del Governo: dal 26 aprile tornano le zone gialle. Priorità a scuole e attività all’aperto
La conferenza stampa di Draghi e Speranza: «Ci assumiamo rischio ragionato. Se misure verranno rispettate possibilità di tornare indietro sarà bassissima»
È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort
Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?
«Io, paziente Covid affetto da obesità, avrei rischiato la vita senza gli anticorpi monoclonali»
La storia di Fulvio D.A., soggetto ad altissimo rischio rimasto paucisintomatico: «Quell’ora di trattamento ha cambiato il mio destino»
Al Sant’Andrea il trapianto di trachea dei record su un ex paziente Covid
L’organo risulta spesso danneggiato sia per effetti del virus che della ventilazione artificiale. A oltre un mese dall’operazione il paziente sta bene ed è già tornato in bicicletta
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...