Salute 2 Ottobre 2020

Covid-19, Vespignani: «L’Italia è su una buona strada, ma i casi aumenteranno. Istituzioni e cittadini raddoppino gli sforzi»

Intervista al fisico–epidemiologo computazionale della Northeastern University di Boston: «All’inizio avremo meno dosi di vaccino di quelle che vorremmo. Discuteremo di quale scala di priorità implementare»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

«C’è un elemento fondamentale che va detto a tutti, che tutti i cittadini devono capire: se sbagliamo nei comportamenti l’epidemia ricomincia a crescere, e quando cresce ricominciano le ospedalizzazioni, poi le terapie intensive, poi i decessi». Il professor Alessandro Vespignani parla chiaramente dalla stanza della sua università a Boston, raggiunto per un’intervista da Sanità Informazione. Il fisico romano è Sternberg Family Distinguished University Professor di Fisica, Computer Science ed Health Science alla Northeastern University nel capoluogo del Massachusetts ed è apparso più volte con interventi su media di rilevanza nazionale e mondiale per i suoi studi applicativi della scienza delle reti all’epidemiologia: tramite metodi computazionali, informatici e di lavoro su imponenti basi di dati, insomma, si riesce a dare un supporto efficace ai modelli predittivi dei fenomeni epidemici in generale e in particolare dell’epidemia da nuovo coronavirus.

«La seconda cosa da dire, però – continua Vespignani commentando l’attuale situazione della pandemia di SARS–CoV–2 – è che siamo in una situazione molto diversa da quella di marzo. I paesi fanno molti più test e indagini epidemiologiche lavorando sull’isolamento dei focolai. La conoscenza dei dati ci ha consegnato una buona consapevolezza. Per questo io penso che non dobbiamo immaginarci il prossimo futuro come una nuova fase di lockdown generalizzato; piuttosto dobbiamo prepararci a molti alti e bassi, a contesti flessibili a cui i governi sono chiamati a rispondere prontamente. Se tornassimo a una quarantena generalizzata significherebbe che qualcuno, da qualche parte, ha commesso un errore: a febbraio una reazione simile era giustificabile, oggi non lo sarebbe».

 Professor Vespignani, e l’Italia?

«Il paese ha una traiettoria buona rispetto ad altri paesi che le sono intorno. Abbiamo imboccato un buon ciclo che sta consentendo agli ospedali di non finire sotto pressione. I casi però crescono e dobbiamo aspettarci che questo si intensifichi perché ricordiamo che abbiamo aperto le scuole solo una settimana fa. Dobbiamo prepararci a raddoppiare gli sforzi sia da parte delle istituzioni sia da parte dei cittadini che non devono essere paranoici ma continuare a fare tutto ciò che raccomandiamo ogni giorno: mascherine, distanziamento, igiene personale. L’obiettivo è quello di navigare nei prossimi mesi tenendo il virus in un angolo, e possiamo farlo».

Dunque c’è da preoccuparsi per la cosiddetta “seconda ondata”?

«Mi fa un po’ sorridere sentire nel dibattito tanto accenno a questi termini mentre siamo ancora ai primi di ottobre. Davanti a noi ci sono novembre, dicembre, febbraio… ci sarà il freddo, avremo altri virus in giro, altre sindromi, dovremo essere bravi e calmi. Questo non è uno sprint, è una maratona, abbiamo fatto una prima enorme battaglia e adesso ci saranno altri scontri. I governi hanno tante leve su cui possono agire, i policymaker devono tenere d’occhio il contesto. Quali regole per i locali pubblici? Gli stadi? Lo smartworking? Il trasporto pubblico? Sono tutte linee da analizzare. C’è poi il grande nodo della scuola: in Francia si calcola che il 30% dei nuovi focolai siano di origine scolastica e questo è un tema un po’ ovunque, in Spagna, qui in USA con i 2/3 degli school districts che rimangono chiusi. Era difficile ma forse bisognava arrivare con maggiore preparazione su questo fronte».

Il suo lavoro, oltre che sulla parte predittiva, si concentra sui modelli di distribuzione di cure e di vaccini, quando saranno disponibili.

«Clinici e microbiologi ci diranno che tipo di vaccino avremo, come sarà fatto e quali caratteristiche avrà. Noi ci occupiamo di dare qualche consiglio su come sarà distribuito. Il primo messaggio da diffondere a tutti è: teniamo ben presente che all’inizio avremo molte meno dosi di vaccino di quelle che vorremmo avere. Quale scala di priorità dovremo implementare? Su questo c’è una discussione. Di certo il primo tema è quello dei frontline workers, dei sanitari, i medici che ci aspettiamo abbiano senz’altro la priorità, insieme alle fasce d’età over 65 su cui questa malattia ha un impatto disproporzionato, soprattutto nei casi di comorbidità. Nella popolazione che ha età diversa, fra i 20 e i 50/60, ecco che li si potrà fare una distribuzione diversa, dovrà necessariamente esserci un processo mirato con degli indicatori utili a realizzare una buona distribuzione. Il nostro obiettivo deve essere quello di arrivare a una soglia di immunità soddisfacente che renda la vita difficile al virus. C’è poi un altro aspetto che è la gestione internazionale del vaccino: se le dosi si concentrano nell’occidente, in UE e negli Stati Uniti avremo un ulteriore problema. Questa è una pandemia, se in Europa stiamo bene e l’India macina 100mila casi al giorno non è buono per nessuno. Servirà una distribuzione equa globalmente per soffocare l’epidemia ovunque».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I sindaci potranno chiudere le zone della movida: tutte le nuove misure del Dpcm
Sindaci contro la "movida", Superiori a scuola dopo le 9 e locali senza tavoli chiusi alle 18. Per gli operatori sanitari obbligo a registrare il codice Immuni delle persone contagiate nel sistema centrale
Covid, a Roma il Cristo Re installa termocamere “intelligenti”: misurano temperatura e allarmano se aria è da cambiare
Il Gruppo Giomi le ha attivate nelle proprie strutture: Ospedale Cristo Re , Villa Betania a Roma e Ospedale ICOT di Latina. Il software installato nelle termocamere è di ultimissima generazione in grado di individuare in un’immagine solo le persone da controllare e non un altro oggetto presente sulla scena come per esempio un termosifone caldo
«Pochi o nessun beneficio dagli antivirali sperimentati su pazienti Covid ricoverati». I primi risultati del trial OMS
I risultati intermedi del big-trial Solidarity su Remdesivir, Idrossiclorochina, Lopinavir, Ritonavir e Interferone-B1A
di Peter D'Angelo
Covid-19, Edcd stila le mappe della pandemia: in Italia solo una regione è ancora “verde”
Le proiezioni aggiornate ogni settimana del procedere della seconda ondata. L'Italia e la Germania sono ancora le meno colpite in Europa. Intanto la Gran Bretagna ha imposto la quarantena a chi arriva dall'Italia
HPV, Bologna (Gruppo Misto): «Epidemia ha condizionato attività di prevenzione, serve strategia»
«Dobbiamo impegnarci con ancora più forza per promuovere campagne informative, in particolare in ambito scolastico, per raggiungere gli obiettivi di prevenzione e di copertura vaccinale» spiega la Segretaria della Commissione Affari Sociali Fabiola Bologna
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 19 ottobre, sono 39.965.414 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.113.307 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 19 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...