Salute 29 Gennaio 2021 18:40

Covid-19, nuovo report Cabina di regia: «In calo ricoveri, terapie intensive e incidenza casi»

Nel periodo 6-19 gennaio 2021 l’Rt medio nazionale è stato pari a 0,84. Dal 31 gennaio in area arancione Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano. Il resto in area gialla

Nel periodo 6-19 gennaio 2021 l’Rt medio nazionale è stato pari a 0,84 (con un range tra 0.75 e 0.98), in diminuzione e con il limite superiore del range sotto l’uno. È quanto evidenzia il report del monitoraggio della Cabina di regia ISS-Ministero della Salute con i dati relativi al periodo 18-24 gennaio. E proprio sulla base dei dati e delle indicazioni della Cabina di Regia, a partire da domenica 31 gennaio saranno in area arancione le Regioni Puglia, Sardegna, Sicilia, Umbria e la Provincia Autonoma di Bolzano. Tutte le altre Regioni e Province Autonome saranno in area gialla.

«Questa settimana – si può leggere nel report – si continua a osservare un miglioramento del livello generale del rischio, con un aumento significativo di Regioni a rischio basso. Complessivamente, una sola Regione ha una classificazione di rischio alto (contro quattro la settimana precedente), dieci con rischio moderato e dieci con rischio basso». Nello specifico, ad alto rischio risulta essere l’Umbria. Sono invece a rischio moderato Abruzzo, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Provincia autonoma di Trento, Puglia e Toscana. La Provincia autonoma di Bolzano ha un rischio moderato ad alta probabilità di progressione. A rischio basso, invece: Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Sardegna, Sicilia, Valle D’Aosta, Veneto. Infine, basso, ma ad elevata probabilità di progressione, il Molise (l’unica regione ad avere «un Rt puntuale maggiore di 1 anche nel limite inferiore compatibile con uno scenario di tipo 2».

In calo ricoveri, terapie intensive e incidenza casi

Complessivamente, il numero di persone ricoverate in terapia intensiva è in diminuzione da 2.487 (al 19 gennaio) a 2.372 (al 26 gennaio). Anche il numero di persone ricoverate in aree mediche è in diminuzione: da 22.699 (al 19 gennaio) a 21.355 (al 26 gennaio). «Tale tendenza – spiega la Cabina di regia –, a livello nazionale sottende forti variazioni interregionali con alcune regioni dove il numero assoluto dei ricoverati in area critica ed il relativo impatto, uniti all’incidenza impongono comunque misure restrittive».

In calo anche l’incidenza dei casi di coronavirus in Italia: «Si continua a osservare una diminuzione dell’incidenza a livello nazionale negli ultimi 14 giorni»: 289,35 per 100mila abitanti (11/01/2021-24/01/2021) contro 339,24 per 100mila abitanti (04/01/2021-17/01/2021)». Tuttavia, si legge ancora, «il calo osservato evidenzia una diminuzione reale dell’incidenza, dato che il periodo degli ultimi 14 giorni comprende più giorni dove sono stati inclusi anche casi diagnosticati con solo test rapido antigenico». L’incidenza, indica il report, sarebbe ancora «lontana da livelli che permetterebbero il completo ripristino sull’intero territorio nazionale dell’identificazione dei casi e tracciamento dei loro contatti».

«Nuovo rapido aumento casi senza misure rigorose»

«L’epidemia resta in una fase delicata ed un nuovo rapido aumento nel numero di casi nelle prossime settimane è possibile, qualora non venissero mantenute rigorosamente misure di mitigazione sia a livello nazionale che regionale». Secondo gli esperti della Cabina di regia, «l’attuale quadro a livello nazionale sottende infatti forti variazioni inter-regionali con alcune Regioni dove il numero assoluto dei ricoverati in area critica ed il relativo impatto, uniti all’elevata incidenza, impongono comunque incisive misure restrittive». L’attuale situazione epidemiologica «conferma la necessità di mantenere la drastica riduzione delle interazioni fisiche tra le persone. È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...