Salute 19 Febbraio 2020 10:27

Covid-19, Gismondo (Sacco): «Il virus ha fatto tanto scalpore e pochi morti. Basta fake news che creano panico»

Al convegno organizzato dall’Ordine dei Commercialisti di Milano l’Ambasciata italiana, in collegamento da Pechino, rassicura i presenti. Gasbarra (ODCeC Milano): «Lenta ripresa economica in Cina, tiriamo un sospiro di sollievo»

di Federica Bosco
Covid-19, Gismondo (Sacco): «Il virus ha fatto tanto scalpore e pochi morti. Basta fake news che creano panico»

Buone notizie dalla Cina. Dopo numerose settimane di paralisi causata dall’epidemia di Covid-19, sembra esserci una piccola ripresa dell’attività economica. Il segnale confortante arriva dall’ambasciata italiana a Pechino in collegamento con l’Ordine dei Commercialisti di Milano durante un convegno che ha posto l’accento sugli effetti economici che ha avuto l’epidemia sul mercato mondiale.

LEGGI ANCHE: COVID-19, OLTRE 3MILA GLI OPERATORI SANITARI CONTAGIATI IN CINA. 5 I MORTI

«Abbiamo potuto tirare un sospiro di sollievo – spiega Arianna Gasbarra, vicepresidente della Commissione Internazionalizzazione delle Imprese e Rapporti con Organismi Internazionali ODCeC di Milano -. Ci hanno detto che sembra esserci, da un paio di giorni, la ripresa della vita quotidiana rispetto a quattro giorni fa quando le città erano deserte e l’attività completamente ferma. Il fatto che le persone riprendono fiducia rispetto l’esterno significa che l’economia può riprendere e quindi anche per noi è un’informazione positiva».

L’epidemia ha infatti avuto conseguenze economiche in Italia: «Considerando che la Cina ha ipotizzato un calo del Pil del 2% – aggiunge Gasbarra – significa che l’impatto economico si è sentito anche sul mercato italiano, in particolare nel turismo e nel mercato del luxury, perché l’assenza di turisti cinesi per la chiusura dei voli diretti e per la paura che ha generato il virus si è fatta sentire. Ancora però non sappiamo quanto tempo servirà per riportare la situazione alla normalità. Siamo solo ad un mese dall’avvio della crisi e non possiamo ancora dare una visione degli andamenti del virus».

LEGGI ANCHE: COVID-19: SOTTO CONTROLLO I 5 ITALIANI DELLA NAVE WESTERDAM APPRODATA IN CAMBOGIA

Se ipotizzare un rilancio dei consumi può essere ancora prematuro, certamente affidarsi alla voce di professionisti della sanità per fare chiarezza sulla reale portata del virus sembra essere l’unica strada percorribile per porre fine all’effetto devastante delle fake news.

«È un virus che ha fatto tanto scalpore e pochi morti, se si pensa a quanti sono stati infettati e a quanto è numerosa la popolazione cinese  – puntualizza durante il convegno la professoressa Maria Rita Gismondo, direttore di Microbiologia Clinica, Virologia e Bioemergenza del Polo Universitario Sacco di Milano -. Ha fatto parlare tanto, ingigantendo e creando panico. Oggi finalmente è nella fase decrescente. Questa è una conoscenza specifica e dunque per avere notizie certe dobbiamo andare sul sito del ministero della Salute e null’altro perché le fake news riportate anche da giornalisti in buona fede, ma che fanno eco ad altre informazioni, non creano un’atmosfera positiva».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
Covid-19, professionisti sanitari sotto stress. Perciballi (FNO TSRM e PSTRP): «Un convegno per diffondere i contenuti del protocollo con CNOP»
Il 26 gennaio sarà presentato in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma il protocollo d’intesa tra l’Ordine degli Psicologi (CNOP) e la Federazione delle professioni sanitarie (FNO TSRM PSTRP). Tra gli ospiti Federico Gelli e l’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin
Covid, 300 i medici caduti. Anelli (Fnomceo): «Basta chiamarci eroi, chiediamo rispetto. Vaccinare ora tutti i medici»
«È inaccettabile vedere persone che non svolgono un'attività così rischiosa essere sottoposte al vaccino e osservare una larga parte della professione medica non ancora vaccinata - constata Anelli -. A tutti i medici va garantita la vaccinazione, senza distinguo inutili e ingiusti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 gennaio, sono 99.755.496 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.141.228 i decessi. Ad oggi, oltre 68,41 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»