Salute 5 Ottobre 2020

Covid-19, Harvey Risch (Yale): «Idrossiclorochina arma importante, ma va usata nei primi giorni della malattia»

Secondo l’epidemiologo americano l’uso combinato del farmaco con antibiotici o con corticosteroidi può rappresentare una svolta. Poi spiega: «Finora ci si è basati su dati estrapolati da studi in cui questi farmaci sono stati usati su pazienti in uno stadio molto avanzato della malattia». La sua pubblicazione aveva provocato un ampio dibattito sull’American Journal of Epidemiology

Immagine articolo

Il suo studio aveva fatto molto discutere e provocato un caso all’interno della Yale School of Public Health e della comunità scientifica americana. A distanza di quattro mesi dalla pubblicazione in cui riabilitava l’idrossiclorochina, l’epidemiologo Harvey Risch non demorde e replica punto su punto alle critiche arrivatagli da diversi esponenti della comunità scientifica. Anche il decano della Scuola, il professore Sten H. Vermund, non aveva voluto prendere posizione contro Risch, ma escludendo qualsiasi ipotesi di censura aveva ribadito la necessità di sviluppare un ampio dibattito scientifico sullo studio.

Alla base della ricerca del professore statunitense, intitolata “Early Outpatient Treatment of Symptomatic, High-Risk Coronavirus Disease 2019 Patients That Should Be Ramped Up Immediately as Key to the Pandemic Crisis” c’è la dimostrazione che i benefici dell’uso della coppia idrossiclorochina e azitromicina sopravanzano ampiamente i rischi di effetti collaterali cardiaci. Secondo Risch c’è grande differenza tra i pazienti ospedalizzati, con sintomi da Covid ormai conclamati, e pazienti non ospedalizzati al primo stadio della malattia. È su questi che l’idrossiclorochina può rappresentare un’importante arma per stroncare il virus.

L’articolo, pubblicato sull’American Journal Of Epidemiology, aveva provocato la risposta di un gruppo di studiosi capitanati da Matthew P. Fox dal titolo “Concerns About the Special Article on Hydroxychloroquine and Azithromycin in High Risk Outpatients with COVID-19 by Dr. Harvey Risch” in cui venivano criticate le teorie di Risch e secondo cui “le attuali evidenze scientifiche non supportano l’uso dell’idrossiclorochina”.

«L’American Journal of Epidemiology ha censurato la mia controrisposta», spiega amareggiato a Sanità Informazione lo stesso Risch che, a distanza di mesi, continua ad essere fermamente convinto dei suoi studi. A dare nuova linfa vitale alle teorie di Risch i fatti delle ultime settimane. Prima la Cina ha inserito l’idrossiclorochina nelle linee guida anti Covid. Poi persino il Lancet, finito nella bufera per lo studio ritirato sull’idrossiclorochina, ha ora pubblicato uno studio in cui si dimostra che la molecola riduce la mortalità nei pazienti con Covid.

Professore, che autunno e inverno possiamo aspettarci?

«Il numero giornaliero di casi negli Stati Uniti si è stabilizzato nel corso dell’ultimo mese e al contempo il numero dei decessi giornalieri sta leggermente calando. Non c’è modo di sapere cosa accadrà a novembre. Diversi modelli hanno fatto delle previsioni basate su ipotesi per le quali al momento non ci sono evidenze a supporto. Possiamo solo aspettare e vedere. L’Italia sta registrando un aumento dei casi, ma i decessi per ora sono ancora molto bassi. Non possiamo sapere se la stagione fredda o cambiamenti nei comportamenti delle persone possono cambiare la situazione».

Nel suo articolo lei scrive che “idrossiclorochina e azitromicina sono state spesso rappresentate in modo errato sia nei report clinici che dai media”. Perché?

«Mass media e media scientifici hanno continuamente ripetuto che questi farmaci non funzionano e sono dannosi. Per fare queste asserzioni si sono basati spesso su studi contenenti errori o hanno estrapolato dati provenienti da studi in cui questi farmaci sono stati usati su pazienti in uno stadio molto avanzato della malattia. Le persone che hanno bisogno di questo trattamento sono pazienti ad alto rischio che hanno bisogno di iniziare il trattamento entro cinque giorni dai primi sintomi. Tutti gli studi che analizzano l’ospedalizzazione e la mortalità dei pazienti ad alto rischio mostrano significativi benefici dall’uso dell’idrossiclorochina».

Il medico italiano Luigi Cavanna, tra i primi ad usare a domicilio l’idrossiclorochina, ha detto che l’uso precoce del farmaco può cambiare la storia della pandemia. È d’accordo?

«Sì, assolutamente. Però l’idrossicolorochina necessita di un’aggiunta di zinco per lavorare efficacemente e molti pazienti hanno mostrato benefici prendendo anche vitamina D. Altri invece hanno avuto beneficio dall’aggiunta di antibiotici come la doxiciclina e l’azitromicina o da corticosteoridi come budesonide e prednisone. Sono scelte cliniche che competono al medico e raggiungono la massima efficacia se somministrati entro pochi giorni dai primi sintomi».

In un paper sull’American Journal of Epidemiology venivano attribuiti diversi errori al suo lavoro sull’idrossiclorochina. Come replica?

«Tralascio il dibattito sul “fondamentalismo” degli studi randomizzati. In quel documento ci sono errori di fatto, errori di interpretazione e cruciali omissioni riguardo al mio studio. Negli studi che questi autori hanno preso in considerazione la maggior parte dei pazienti aveva sintomi da coronavirus definiti “da blandi a moderati”. In realtà questi pazienti erano mediamente al 17esimo giorno di sintomi da coronavirus, mentre i trattamenti andrebbero cominciati entro i primi cinque giorni. Inoltre non hanno preso in considerazione altri studi da me citati dove l’idrossiclorochina ha ridotto la mortalità anche fino al 60%».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Covid-19, il caso idrossiclorochina finisce in tribunale: il 10 novembre udienza al Tar
L'istanza cautelare è stata presentata da decine di medici di base e specialisti contro la decisione dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) e del Ministero della Salute
In Italia indice Rt a 1,7 con oltre 31 mila nuovi casi. Brusaferro: «Valutare nuove misure»
Il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità annuncia l'avvicinamento allo scenario 4, il più grave dell'epidemia. Tasso di positività dei tamponi al 10%
Iss, in Italia l’epidemia è in scenario 3. Cosa significa e quando attendere l’ultimo livello?
Secondo un documento dell'Iss, sono quattro gli scenari possibili per l'epidemia in inverno. Il 3, in cui ci troviamo ora, significa iniziali segnali di sovraccarico per il sistema sanitario e chiusure locali da prevedere. Quando aspettarsi il 4?
Covid-19, Boldrini (Pd): «Criticità sistema sanitario dipendono anche da Regioni»
«La medicina di base potrebbe forse utilmente tornare alle dirette dipendenze del Sistema sanitario», spiega la vicepresidente della Commissione Sanità di Palazzo Madama
Covid-19, Bologna (PP – Misto): «Monitorare separazione dei percorsi assistenziali a favore dei pazienti cronici»
«Il percorso differenziato diviene ancora più importante anche per le misure che sono già previste per il recupero delle liste d’attesa», spiega la deputata di Popolo Protagonista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...