Salute 6 Aprile 2020

Covid-19, Guastamacchia (Ame): «Ecco le regole da seguire per i pazienti diabetici»

Il presidente dell’Associazione medici endocrinologi (Ame) fornisce specifiche raccomandazioni e indicazioni alle persone con diabete per prevenire e gestire al meglio questo momento di emergenza sanitaria

Immagine articolo

Le informazioni e i dati epidemiologici raccolti finora sull’infezione da nuovo coronavirus, dimostrano che gli anziani, le persone fragili e con patologie pregresse e croniche, rischiano complicanze maggiori in caso di contagio.  È così anche per i pazienti diabetici «che non si ammalano più frequentemente di Covid-19 rispetto alla popolazione generale ma quando, purtroppo, questo accade, l’evoluzione della patologia è sicuramente più grave e la mortalità più elevata rispetto alla popolazione generale».

LEGGI ANCHE: PREVENIRE IL DIABETE SI PUÒ: LA PAROLA AL PROFESSOR GUASTAMACCHIA (AME)

A fare chiarezza è Edoardo Guastamacchia, presidente dell’Ame (Associazione medici endocrinologi). A Sanità Informazione spiega che «in questo momento così complesso e delicato, i pazienti diabetici devono osservare tutte le cautele possibili per prevenire il contagio ed avere una massima attenzione alla gestione della patologia, perché è evidente – d’altra parte emerge dai dati epidemiologici – che l’evoluzione dell’infezione è più severa se il paziente presenta un cattivo compenso glico-metabolico».

«I pazienti diabetici di tipo 2, spesso ultrasessantacinquenni sono frequentemente affetti da altre patologie associate, quali ipertensione, cardiopatie, obesità, dislipidemia; ciò, li rende più fragili e facili prede di infezioni avendo, in generale, una situazione immunitaria più compromessa. È questo – prosegue il presidente Ame – il motivo per il quale i diabetici devono osservare in maniera più rigorosa le regole di prevenzione dal contagio indicate nel Decalogo del ministero della salute. In questo delicato periodo – continua – non è opportuno recarsi presso gli studi medici senza motivazioni valide; è importante richiedere l’intervento del medico di medicina generale e del diabetologo solo per reali necessità o emergenze – scompenso glico-metabolico, gravidanza all’esordio o a rischio, complicanze relative a preesistente piede diabetico».

LEGGI ANCHE: DIABETE: DONNE PIÙ ESPOSTE A RISCHI CARDIOVASCOLARI E A ICTUS. ATTENZIONE A STILE DI VITA E FUMO

«Per i pazienti più giovani -aggiunge Guastamacchia – che hanno maggiore familiarità con la tecnologia, può essere opportunamente utilizzata la telemedicina o altre modalità di comunicazione quali WhatsApp che richiede una responsabilità diretta del medico che le utilizza.

«In tale periodo emergenziale – precisa – il ruolo del medico di famiglia è estremamente importante perché egli è il sanitario che più degli altri conosce il paziente nella sua globalità quindi oltre che dal punto di vista clinico anche dal punto di vista socioeconomico. E può pertanto suggerire al paziente tutti i comportamenti utili da tenere considerando la specificità o peculiarità dello stesso. D’altra parte, il medico di medicina generale rappresenta il filtro fra pazienti e specialisti permettendo che a questi arrivino solo i casi che necessitano di interventi urgenti e tempestivi».

«In questo periodo di quarantena forzata – evidenzia il presidente Ame – tutti i soggetti, ma in particolare i pazienti diabetici, possono andare incontro a stati d’animo di ansia e depressione che potrebbero essere gestiti cercando di eseguire un controllo equilibrato e non ossessivo della glicemia e anche rivolgendo la propria attenzione a cose semplici e distraenti, quali leggere un libro, vedere un film di successo, ascoltare musica o rivedere qualche incontro di calcio storico. Oltre a questo – sottolinea Guastamacchia – è importante fare un minimo di attività fisica nel rispetto della situazione clinica generale del paziente e delle regole restrittive che bisogna osservare, va bene anche passeggiare in casa ove possibile. Senza attività fisica, infatti, il compenso glicemico può peggiorare».

Le regole fondamentali sono:

  • Adottare misure di prevenzione del contagio
  • Mantenere un buon controllo glicemico che deriva da una dieta il più possibile sana;
  • Fare un minimo di attività fisica, compatibile con la situazione attuale;
  • Evitare le visite di controllo non indispensabili;
  • Continuare a seguire la terapia farmacologica prescritta dallo specialista. Non ci sono problemi di carenza farmaci perché i piani terapeutici sono stati prolungati fino a quando l’emergenza non verrà meno. Se i piani terapeutici dovessero scadere in questo periodo, infatti, possono essere prescritti dal medico di medicina generale, come precisato dal ministero della Sanità e dall’Aifa.
  • Non assumere farmaci antivirali e antibiotici e non interrompere la terapia ipotensiva se non sotto indicazione del medico curante.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus, il fisico Sestili: «I numeri che abbiamo in Italia sono ancora distanti dalla realtà. Nel mondo contagi in aumento»
Il fondatore della pagina Facebook “Coronavirus – Dati e Analisi Scientifiche”: «Gli italiani hanno fame di notizie, ma servono dati di qualità»
di Tommaso Caldarelli
Covid-19 e spiagge, le regole dell’Iss per andare al mare in sicurezza
Prenotazioni in orari scaglionati per evitare assembramenti e larga parte del controllo affidata ai sindaci delle località balneari: così potremmo andare in vacanza questa estate. Per gli esperti «rischio trascurabile in acqua, ma sulla sabbia bisogna fare attenzione»
Covid-19, Crisanti: «Virus a Vo’ Euganeo già dai primi di gennaio. E l’Austria fa bene a non aprire le frontiere»
Nel Comune veneto il 5% degli abitanti ha sviluppato anticorpi da Sars-Cov-2, per l'esperto il rischio c'è ancora. Dall'Iss arriva il “no” alla disinfezione delle strade con ipoclorito di sodio: «Possono formarsi sostanze pericolose»
Indossare la mascherina causa senso di soffocamento o mal di testa? Ferro (SItI): «Sono reazioni psicologiche»
Il vicepresidente della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica: «Solo in due casi può creare degli squilibri alla capacità di ossigenare il sangue: durante l’attività fisica e in quei soggetti che soffrono di asma o altre particolari patologie»
di Isabella Faggiano
Diabete, European Steering Committee: «Migliorare cura dei pazienti con complicanze renali e cardiovascolari»
Presentato il Report “A New Era in Diabetes Care” dello European Steering Committee con delle specifiche “Calls to Action” che i clinici potranno attuare nella loro pratica clinica per far fronte alle sfide che il COVID-19 ha provocato anche nella cura e nell’assistenza al paziente diabetico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 giugno, sono 6.514.359 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 386.111 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino delle ore 18:00 del 4 giugno: nel...
Formazione

Fuga dagli ospedali, 500 specialisti hanno tentato il concorso di Medicina Generale

Sono soprattutto internisti, chirurghi, radiologi, geriatri e anestesisti a scegliere di provare a tornare sui territori. Lo studio dell'Associazione Liberi Specializzandi
di Tommaso Caldarelli
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco