Salute 6 Aprile 2020

Covid-19, Guastamacchia (Ame): «Ecco le regole da seguire per i pazienti diabetici»

Il presidente dell’Associazione medici endocrinologi (Ame) fornisce specifiche raccomandazioni e indicazioni alle persone con diabete per prevenire e gestire al meglio questo momento di emergenza sanitaria

Immagine articolo

Le informazioni e i dati epidemiologici raccolti finora sull’infezione da nuovo coronavirus, dimostrano che gli anziani, le persone fragili e con patologie pregresse e croniche, rischiano complicanze maggiori in caso di contagio.  È così anche per i pazienti diabetici «che non si ammalano più frequentemente di Covid-19 rispetto alla popolazione generale ma quando, purtroppo, questo accade, l’evoluzione della patologia è sicuramente più grave e la mortalità più elevata rispetto alla popolazione generale».

LEGGI ANCHE: PREVENIRE IL DIABETE SI PUÒ: LA PAROLA AL PROFESSOR GUASTAMACCHIA (AME)

A fare chiarezza è Edoardo Guastamacchia, presidente dell’Ame (Associazione medici endocrinologi). A Sanità Informazione spiega che «in questo momento così complesso e delicato, i pazienti diabetici devono osservare tutte le cautele possibili per prevenire il contagio ed avere una massima attenzione alla gestione della patologia, perché è evidente – d’altra parte emerge dai dati epidemiologici – che l’evoluzione dell’infezione è più severa se il paziente presenta un cattivo compenso glico-metabolico».

«I pazienti diabetici di tipo 2, spesso ultrasessantacinquenni sono frequentemente affetti da altre patologie associate, quali ipertensione, cardiopatie, obesità, dislipidemia; ciò, li rende più fragili e facili prede di infezioni avendo, in generale, una situazione immunitaria più compromessa. È questo – prosegue il presidente Ame – il motivo per il quale i diabetici devono osservare in maniera più rigorosa le regole di prevenzione dal contagio indicate nel Decalogo del ministero della salute. In questo delicato periodo – continua – non è opportuno recarsi presso gli studi medici senza motivazioni valide; è importante richiedere l’intervento del medico di medicina generale e del diabetologo solo per reali necessità o emergenze – scompenso glico-metabolico, gravidanza all’esordio o a rischio, complicanze relative a preesistente piede diabetico».

LEGGI ANCHE: DIABETE: DONNE PIÙ ESPOSTE A RISCHI CARDIOVASCOLARI E A ICTUS. ATTENZIONE A STILE DI VITA E FUMO

«Per i pazienti più giovani -aggiunge Guastamacchia – che hanno maggiore familiarità con la tecnologia, può essere opportunamente utilizzata la telemedicina o altre modalità di comunicazione quali WhatsApp che richiede una responsabilità diretta del medico che le utilizza.

«In tale periodo emergenziale – precisa – il ruolo del medico di famiglia è estremamente importante perché egli è il sanitario che più degli altri conosce il paziente nella sua globalità quindi oltre che dal punto di vista clinico anche dal punto di vista socioeconomico. E può pertanto suggerire al paziente tutti i comportamenti utili da tenere considerando la specificità o peculiarità dello stesso. D’altra parte, il medico di medicina generale rappresenta il filtro fra pazienti e specialisti permettendo che a questi arrivino solo i casi che necessitano di interventi urgenti e tempestivi».

«In questo periodo di quarantena forzata – evidenzia il presidente Ame – tutti i soggetti, ma in particolare i pazienti diabetici, possono andare incontro a stati d’animo di ansia e depressione che potrebbero essere gestiti cercando di eseguire un controllo equilibrato e non ossessivo della glicemia e anche rivolgendo la propria attenzione a cose semplici e distraenti, quali leggere un libro, vedere un film di successo, ascoltare musica o rivedere qualche incontro di calcio storico. Oltre a questo – sottolinea Guastamacchia – è importante fare un minimo di attività fisica nel rispetto della situazione clinica generale del paziente e delle regole restrittive che bisogna osservare, va bene anche passeggiare in casa ove possibile. Senza attività fisica, infatti, il compenso glicemico può peggiorare».

Le regole fondamentali sono:

  • Adottare misure di prevenzione del contagio
  • Mantenere un buon controllo glicemico che deriva da una dieta il più possibile sana;
  • Fare un minimo di attività fisica, compatibile con la situazione attuale;
  • Evitare le visite di controllo non indispensabili;
  • Continuare a seguire la terapia farmacologica prescritta dallo specialista. Non ci sono problemi di carenza farmaci perché i piani terapeutici sono stati prolungati fino a quando l’emergenza non verrà meno. Se i piani terapeutici dovessero scadere in questo periodo, infatti, possono essere prescritti dal medico di medicina generale, come precisato dal ministero della Sanità e dall’Aifa.
  • Non assumere farmaci antivirali e antibiotici e non interrompere la terapia ipotensiva se non sotto indicazione del medico curante.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Real World Evidence e Covid, Trifirò (farmacologo): «Con studi sul “mondo reale” dati per decisioni certe»
«In una situazione di emergenza sanitaria i trial clinici non forniscono risultati in tempi ragionevoli. Gli studi osservazionali, basati su dati di Real Evidence, sono più veloci e, se condotti da professionisti esperti, molto attendibili»
di Isabella Faggiano
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»