Salute, benessere e prevenzione i consigli quotidiani per vivere meglio.

Prevenzione 14 Novembre 2019

Diabete: donne più esposte a rischi cardiovascolari e a ictus. Attenzione a stile di vita e fumo

Il diabete di tipo 2 in Italia colpisce quasi 5 milioni di persone (dati ISTAT 2016: circa 4 milioni di soggetti con diabete noto e più di 1 milione che non ha percezione della malattia). Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Diabete e ciò che desta il maggior allarme è che quasi 1 milione […]

Il diabete di tipo 2 in Italia colpisce quasi 5 milioni di persone (dati ISTAT 2016: circa 4 milioni di soggetti con diabete noto e più di 1 milione che non ha percezione della malattia). Oggi si celebra la Giornata Mondiale del Diabete e ciò che desta il maggior allarme è che quasi 1 milione di soggetti soffre di diabete ma non ne è consapevole: si tratta infatti di una malattia subdola, senza sintomi evidenti; è pertanto fondamentale diagnosticarlo per tempo, anche perché le terapie oggi disponibili permettono di intervenire efficacemente nelle prime fasi della patologia, che può causare un rischio di malattia cardiovascolare quasi doppio rispetto a chi non ne è affetto.

LE DIFFERENZE DI GENERE

Recenti studi hanno smentito un pregiudizio diffuso secondo cui il rischio cardiovascolare sia maggiore negli uomini che nelle donne. Da alcuni anni, in particolare, l’evidenza scientifica ha dimostrato come ci sia un’importante differenza nell’evoluzione dei rischi cardiovascolari legati al diabete. «Le donne diabetiche hanno un rischio di sviluppare una malattia coronarica maggiore del 44% rispetto agli uomini – sottolinea Cesare Berra, Direttore del Dipartimento Endocrinologo-Metabolico del Gruppo MultiMedica di Milano. – Nelle donne è maggiore anche il rischio di incorrere in un ictus: è di 2,28 nel genere femminile e di 1,83 negli uomini. In particolare questo evento avverso emerge con frequenza in una popolazione molto ben definita, quale quella delle donne in età adulta tra i 35 e i 54 anni».

GLI STUDI 

I primi studi a supporto di questa tesi sono stati pubblicati già nel 2014; da questo, sono poi seguiti altri studi altrettanto importanti pubblicati sulle maggiori riviste scientifiche. Risultati analoghi sono emersi anche da un’altra metanalisi, sempre di Pitersen, pubblicata anche su Lancet, che ha studiato quasi 800mila soggetti. Sulle cause ancora non ci sono certezze: molto probabilmente ciò è dovuto ai cosiddetti cofattori, come la dislipidemia o l’ipertensione, che, nella donna, hanno un ruolo più incisivo. Vi è poi un elemento culturale, ossia una minor attenzione nel monitorare gli effetti del diabete nella donna rispetto all’uomo. L’ipotesi prevalente fino a poco tempo fa, infatti, era che la donna nella fase precedente alla menopausa fosse quasi protetta dagli ormoni: sulla base di questa convinzione, è stata limitata la presenza di donne nei grossi studi clinici. Questo filone relativo al genere femminile deve invece acquisire maggior rilievo.

FARE PREVENZIONE

La prevenzione resta un punto cardine nella lotta al diabete e passa per alcuni punti fondamentali: certamente un corretto stile di vita, contrassegnato da una dieta equilibrata e da una regolare attività fisica, ma soprattutto da un’assenza di fumo, in particolare di sigaretta. «Il fumo deve essere demonizzato il più possibile – evidenzia Cesare Berra. – Se già sulla popolazione totale può provocare neoplasie, poiché ha un fattore cancerogenetico, su chi è diabetico il fumo provoca sicuramente il rischio di sviluppo di malattie aterosclerotiche dei piccoli vasi, ossia punti dove neppure è facilmente possibile effettuare una diagnosi adeguata».

NUOVE TERAPIE

Per prevenire una malattia metabolica bisogna dunque condurre uno stile di vita sano e, per il diabete in particolare, è necessaria una diagnosi quanto più precoce possibile. Una volta diagnosticato poi bisogna trattarlo con una terapia farmacologica adeguata. «Ad oggi esistono molteplici categorie di farmaci e per ogni categoria differenti molecole, utili a curare in modo personalizzato le diverse forme di diabete – spiega Cesare Berra. – Si deve infatti tenere conto di quale fenotipo (aspetto) assuma la malattia: bisogna identificare i soggetti maggiormente a rischio, anche in relazione alle caratteristiche della malattia insulino resistenza, deficit di secrezione insulinica o altri aspetti peculiari possono suggerire una propensione a sviluppare complicanze nefro cardio vascolari. Per ogni tipologia di soggetti con diabete si deve identificare il trattamento adeguato: non si deve procedere per tentativi come fatto in passato, ma iniziare subito con il farmaco migliore per quel tipo di paziente; solo con questo tipo di approccio terapeutico è possibile evitare lo sviluppo di nefropatie infarti e ictus».

«Recenti e ampi studi clinici rilevano che nuovi trattamenti già disponibili in Italia, lievemente più costosi rispetto alle terapie tradizionali, riducono i casi di ospedalizzazione, lo scompenso cardiocircolatorio, le morti per cause cardiovascolari in soggetti maggiormente a rischio. Inoltre – aggiunge Cesare Berra – queste terapie hanno degli effetti cosiddetti extraglicemici molto importanti: riducono il peso e la pressione arteriosa, evitano il peggioramento della funzione renale spesso legata al diabete. Intervengono infatti sul diabete e su tutti i suoi effetti collaterali, con prevenzione cardiovascolare e nefrovascolare. Purtroppo questi farmaci non vengono prescritti ancora a sufficienza. Questo limite va superato, in quanto si rischia di dividere i pazienti in categorie. Si deve avere sempre la possibilità di intervenire in maniera adeguata, anche perché i dati evidenziano che prima si interviene con farmaci adeguati, più efficiente è il risultato da tutti i punti di vista».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 luglio, sono 12.270.172 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 554.953 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 10 luglio: nell’ambito de...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)