Salute 27 Novembre 2020 10:05

Coronavirus, il tasso di suicidi è salito? Maurizio Pompili (La Sapienza): «Conosceremo i dati solo a posteriori»

Lo psichiatra: «Chi è a rischio suicidio vuole vivere. Per ora serve prudenza»

di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, il tasso di suicidi è salito? Maurizio Pompili (La Sapienza): «Conosceremo i dati solo a posteriori»

Il tasso di suicidi è cresciuto in questi lunghi mesi di epidemia da Covid-19? Contrariamente a quanto una risposta istintiva potrebbe far pensare, il quadro è contraddittorio e meritevole di approfondimenti. La situazione è riportata in una recente pubblicazione sul British Medical Journal che fa il punto su tutte le evidenze a disposizione: «Studi già molto diffusi predicevano aumenti nel tasso di suicidi fra l’1 e il 145%, una varianza largamente dipendente dagli assunti di base (…). Tuttavia, un quadro abbastanza netto sta iniziando ad emergere dai Paesi ad alto reddito: alcuni studi suggeriscono che non ci sia stato alcun aumento nel tasso di suicidi nei primi mesi della pandemia, ma il quadro è molto meno chiaro nei Paesi a basso reddito, laddove le reti di sicurezza disponibili in contesti a migliori risorse potrebbero essere vacanti o carenti. Ad esempio dati della polizia del Nepal suggeriscono un aumento nel tasso di suicidi, mentre dal Peru sembra emergere il contrario».

Covid e suicidi, improbabile un effetto universale

L’esito consigliato dall’autorevole pubblicazione è quello della prudenza: «Siamo in una fase ancora troppo prematura per dire quale sarà l’effetto ultimo della pandemia sul tasso di suicidi. I dati finora a disposizione ci danno qualche rassicurazione, ma il quadro generale è complesso. La pandemia ha avuto effetti variabili globalmente, fra regioni e diverse comunità, perciò un effetto universale sul tasso di suicidi è improbabile. Questo tipo di impatto varierà nel tempo e differirà parecchio in relazione al PIL dei diversi Paesi e alle caratteristiche individuali, come la posizione socioeconomica, l’etnicità e la salute mentale».

Il professor Maurizio Pompili, psichiatra e docente presso l’Università la Sapienza di Roma e uno dei punti di riferimento in Italia per gli studi sul suicidio, commenta questo studio con Sanità Informazione. «Quanto riportato dal British è corretto, oltre che noto. L’impatto della pandemia sui casi a rischio suicidio non è ancora stato decifrato, le statistiche definitive saranno riportate con un congruo ritardo, forse fra un anno e mezzo, due. Conosceremo l’impatto solo a posteriori», spiega Pompili, raggiunto al telefono.

Suicidi, Pompili: «Operatori della salute tra categorie a rischio»

«Inoltre – aggiunge – non è nemmeno detto che i casi collegati al Covid siano rappresentativi del fenomeno, potrebbero essere una goccia nell’oceano. I ricercatori per ora sono concordi nel tracciare tre categorie di casi più a rischio: gli operatori della salute, i casi di crisi economiche e di crisi lavorative».

«Mi piace ricordare però quello che ha detto il direttore generale dell’OMS, l’attenzione alla salute mentale deve andare di pari passo rispetto alla salute somatica o a quella fisica – continua Pompili -. In questo includo la perdita del lavoro, la solitudine, la depressione e tutto il portato di eventuali fallimenti personali. Mi sento di dire che su questo fronte c’è attenzione, mi riferisco ad esempio alla campagna e all’azione messa in opera negli Stati Uniti dalla American Foundation on Suicide Prevention. Stiamo decifrando oggi le condizioni di intervento che dovremo porre in essere poi: questo è un periodo che lascerà dei segni a vari livelli, non ci saranno solo polmoni malandati e persone in terapia intensiva. La pandemia lascerà dei risvolti, questo è certo».

Il suicidio, un fenomeno multifattoriale

Fra l’altro, continua il professor Pompili, risulta anche difficile collegare il fenomeno del suicidio a un singolo evento, per quanto traumatico e generalizzato come quello dell’epidemia da Sars-COV-2: «Il suicidio per come lo conosciamo noi è un fenomeno multifattoriale. Sarebbe allora improprio e semplicistico andarci a chiedere cosa possa o non possa fare un singolo evento. Dobbiamo chiederci piuttosto quali siano le persone più vulnerabili, quelle che con un qualsiasi impatto, grande o piccolo, possono essere messe alla prova. Questi eventi di pressione sono difficili da decodificare a priori, ognuno ha la sua storia e le tendenze suicidarie sono molto legate alla personalità dell’individuo. Quello che sappiamo, però – conclude Pompili – è che queste persone non vogliono morire, vorrebbero vivere, ammesso che qualcuno le aiutasse a uscire dalla condizione in cui, senza scampo, si sentono».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Covid-19 o peste? Il poema di fine 500 che sembra ambientato ai giorni nostri
Nella sua "Regola da preservarsi in sanità ne’ tempi di suspetto di peste", l'autore Marcantonio Ciappi provava a dare dei consigli in versi ai suoi concittadini: il lockdown, la quarantena, il coprifuoco e persino il "Green pass"
Terza dose di vaccino, chi deve farla e perché? È sicura? Le risposte dell’Aifa
Da lunedì 20 settembre la somministrazione della terza dose di vaccino è diventata realtà. L’Agenzia italiana del Farmaco risponde alle domande più comuni
Midollo, nuovi donatori in (lieve) aumento ma sono ancora pochi: +12,1% nei primi 8 mesi del 2021
Cresce il numero di iscritti al Registro IBMDR rispetto al 2020 ma prima della pandemia erano 10mila in più. Fino a sabato oltre 100 appuntamenti negli ospedali e nelle piazze con i volontari delle associazioni dei donatori per la settimana di sensibilizzazione “Match it now”
TSRM, Galdieri: «Tecnici di radiologia siano inseriti nelle équipe delle Case di Comunità»
La presidente della CdA nazionale dei TSRM Carmela Galdieri ricorda il periodo più difficile della pandemia: «Esperienza che porterò nella mia pratica professionale per tutta la vita». Poi promuove l’idea di creare un Direttore Asistenziale: «È una grande opportunità a favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano