Salute 27 Novembre 2020 10:05

Coronavirus, il tasso di suicidi è salito? Maurizio Pompili (La Sapienza): «Conosceremo i dati solo a posteriori»

Lo psichiatra: «Chi è a rischio suicidio vuole vivere. Per ora serve prudenza»

di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, il tasso di suicidi è salito? Maurizio Pompili (La Sapienza): «Conosceremo i dati solo a posteriori»

Il tasso di suicidi è cresciuto in questi lunghi mesi di epidemia da Covid-19? Contrariamente a quanto una risposta istintiva potrebbe far pensare, il quadro è contraddittorio e meritevole di approfondimenti. La situazione è riportata in una recente pubblicazione sul British Medical Journal che fa il punto su tutte le evidenze a disposizione: «Studi già molto diffusi predicevano aumenti nel tasso di suicidi fra l’1 e il 145%, una varianza largamente dipendente dagli assunti di base (…). Tuttavia, un quadro abbastanza netto sta iniziando ad emergere dai Paesi ad alto reddito: alcuni studi suggeriscono che non ci sia stato alcun aumento nel tasso di suicidi nei primi mesi della pandemia, ma il quadro è molto meno chiaro nei Paesi a basso reddito, laddove le reti di sicurezza disponibili in contesti a migliori risorse potrebbero essere vacanti o carenti. Ad esempio dati della polizia del Nepal suggeriscono un aumento nel tasso di suicidi, mentre dal Peru sembra emergere il contrario».

Covid e suicidi, improbabile un effetto universale

L’esito consigliato dall’autorevole pubblicazione è quello della prudenza: «Siamo in una fase ancora troppo prematura per dire quale sarà l’effetto ultimo della pandemia sul tasso di suicidi. I dati finora a disposizione ci danno qualche rassicurazione, ma il quadro generale è complesso. La pandemia ha avuto effetti variabili globalmente, fra regioni e diverse comunità, perciò un effetto universale sul tasso di suicidi è improbabile. Questo tipo di impatto varierà nel tempo e differirà parecchio in relazione al PIL dei diversi Paesi e alle caratteristiche individuali, come la posizione socioeconomica, l’etnicità e la salute mentale».

Il professor Maurizio Pompili, psichiatra e docente presso l’Università la Sapienza di Roma e uno dei punti di riferimento in Italia per gli studi sul suicidio, commenta questo studio con Sanità Informazione. «Quanto riportato dal British è corretto, oltre che noto. L’impatto della pandemia sui casi a rischio suicidio non è ancora stato decifrato, le statistiche definitive saranno riportate con un congruo ritardo, forse fra un anno e mezzo, due. Conosceremo l’impatto solo a posteriori», spiega Pompili, raggiunto al telefono.

Suicidi, Pompili: «Operatori della salute tra categorie a rischio»

«Inoltre – aggiunge – non è nemmeno detto che i casi collegati al Covid siano rappresentativi del fenomeno, potrebbero essere una goccia nell’oceano. I ricercatori per ora sono concordi nel tracciare tre categorie di casi più a rischio: gli operatori della salute, i casi di crisi economiche e di crisi lavorative».

«Mi piace ricordare però quello che ha detto il direttore generale dell’OMS, l’attenzione alla salute mentale deve andare di pari passo rispetto alla salute somatica o a quella fisica – continua Pompili -. In questo includo la perdita del lavoro, la solitudine, la depressione e tutto il portato di eventuali fallimenti personali. Mi sento di dire che su questo fronte c’è attenzione, mi riferisco ad esempio alla campagna e all’azione messa in opera negli Stati Uniti dalla American Foundation on Suicide Prevention. Stiamo decifrando oggi le condizioni di intervento che dovremo porre in essere poi: questo è un periodo che lascerà dei segni a vari livelli, non ci saranno solo polmoni malandati e persone in terapia intensiva. La pandemia lascerà dei risvolti, questo è certo».

Il suicidio, un fenomeno multifattoriale

Fra l’altro, continua il professor Pompili, risulta anche difficile collegare il fenomeno del suicidio a un singolo evento, per quanto traumatico e generalizzato come quello dell’epidemia da Sars-COV-2: «Il suicidio per come lo conosciamo noi è un fenomeno multifattoriale. Sarebbe allora improprio e semplicistico andarci a chiedere cosa possa o non possa fare un singolo evento. Dobbiamo chiederci piuttosto quali siano le persone più vulnerabili, quelle che con un qualsiasi impatto, grande o piccolo, possono essere messe alla prova. Questi eventi di pressione sono difficili da decodificare a priori, ognuno ha la sua storia e le tendenze suicidarie sono molto legate alla personalità dell’individuo. Quello che sappiamo, però – conclude Pompili – è che queste persone non vogliono morire, vorrebbero vivere, ammesso che qualcuno le aiutasse a uscire dalla condizione in cui, senza scampo, si sentono».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
Covid e animali domestici, nessun rischio da gatti e cani. Lo studio
Dai dati raccolti dagli scienziati italiani si esclude che gli animali domestici abbiano un ruolo nella diffusione del contagio all'uomo: «La suscettibilità al nuovo coronavirus degli animali da compagnia dipende da uno stretto contatto con persone che sono risultate positive»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»