Salute 31 Luglio 2020

Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio

Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»

di Tommaso Caldarelli
Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio

Più volte nei giorni scorsi si sono rincorse indicazioni in questo senso: il coronavirus non ha mollato la sua presa e, anzi, in molte zone del mondo l’epidemia non fa che accelerare. Sono molti i mesi alle nostre spalle passati in compagnia del Covid-19. E tutto porta a pensare che anche l’esito delle gravidanze iniziate proprio durante la fase epidemica sarà accompagnato dalla presenza del virus. Per le famiglie di questi bimbi e per i tantissimi nati negli ultimi mesi, il Lancet fa il punto sul rapporto madre-neonato nell’era Covid-19, riassumendo le evidenze scientifiche a disposizione.

Il dato più importante per mamme e papà è certamente questo: «Il rischio di trasmissione, l’insorgenza clinica e le conseguenze del Sars-CoV-2 fra i neonati nati da madri Covid positive è scarso. Il rischio di trasmissione verticale appare basso, mentre è invece significativo fra altri coronavirus. Il Covid-19 è, sì, stato individuato entro le 48 ore dalla nascita fra alcuni neonati di madre positiva, tuttavia questo potrebbe indicare una trasmissione di tipo orizzontale», spiega la celebre rivista medica inglese. E ancora: «I primi studi evidenziano che i neonati positivi al Covid-19 hanno sintomi molto lievi e che il latte materno non è fonte di infezione».

Lo studio si concentra poi sui primissimi giorni di vita del bimbo, affrontando la questione relativa alla sicurezza dell’allattamento al seno in era Covid. «Vi sono versioni contrastanti» a seconda delle linee guida dell’OMS, del britannico Royal College of Obstetricians and Gynaecologist o di quelle dell’American Academy of Pediatrics.

C’è un ulteriore studio, pubblicato sempre sul Lancet, che raccomanda una linea equilibrata fra l’allattamento al seno libero e le eventuali misure sostitutive; si tratta del più ampio studio effettuato sui neonati e sulle mamme Covid positive attualmente a disposizione, spiega Lancet: «La coabitazione nella stessa stanza e l’allattamento al seno sono sicuri se sono accompagnati dall’utilizzo di una mascherina e il frequente lavaggio di mani e seno. Inoltre, la trasmissione del virus verso i neonati da parte di membri della famiglia infetti è improbabile, se vengono prese tutte le precauzioni del caso».

C’è poi un altro aspetto da sottolineare: la positività al coronavirus dimostrerebbe una correlazione con casi di nascite premature. «Nel Regno Unito il 26% delle donne Covid positive ha partorito in anticipo», con nascite premature anche a 28-31 settimane di gestazione: «Un aumentato tasso di bambini prematuri potrebbe porre dei rischi molto seri alla salute e al benessere dei bimbi nel mondo», spiega la dottoressa Medvedev, autrice dell’articolo.

Tuttavia, avverte Lancet, questo studio è necessariamente iniziale e incompleto: «Molti bambini non sono stati analizzati dopo la prima osservazione, i genitori hanno deciso di non riportarli per lo screening, impauriti dagli effetti del Covid su una popolazione così fragile».

«Delle domande cruciali rimangono senza risposta – conclude Medvedev -. Sono necessari dei dati robusti per quantificare le complicazioni riguardanti donne incinte e neonati e per capire i tassi e i percorsi di trasmissione verticale e orizzontale, inclusi i casi asintomatici. Ulteriori studi sono necessari per determinare il tasso di efficacia delle profilassi anti-infezione e delle pratiche di controllo nelle unità neonatali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid-19, Gimbe: «Frena contagio, restrizioni funzionano, ma il colore delle regioni sbiadisce troppo in fretta»
Il monitoraggio settimanale di Gimbe conferma timidi segnali di rallentamento dell’epidemia, ma i numeri sono ancora molto elevati: oltre 165 mila nuovi casi e 5.055 decessi. Quasi 780 mila attualmente positivi, con soglie di saturazione di ospedali e terapie intensive superate in 15 e 16 regioni
Dal 21 dicembre al 6 gennaio vietati spostamenti tra Regioni: il Dl sul Natale “prudente”
Feste di Natale all'insegna di pochi intimi. Vietati i viaggi verso le seconde case. 25, 26 dicembre e 1 gennaio si potranno trascorrere solo nel proprio Comune. Permesso tornare presso la propria residenza
Il Covid-19 acuisce ansia e stress. Con “niente paura” arriva un aiuto in piu’!
www.nientepaura.info, un sito dedicato a chi soffre di disturbi d’ansia, stress e insonnia. Consigli degli esperti per gestire questi eventi e ritrovare il benessere psicologico
«Per il coronavirus serve una risposta planetaria. E la Global Health può aiutarci»
Intervista a Emanuele Montomoli (Università di Siena): «Oggi la pandemia viene gestita addirittura a livello di ASL, serve sovranazionalità»
di Tommaso Caldarelli
Covid, la Gran Bretagna ha approvato l’uso del vaccino Pfizer: distribuzione tra 7 giorni
L'Mhra, autorità del farmaco inglese, ha dato l'ok. La Gran Bretagna ha approvato il vaccino Pfizer per la distribuzione. I primi, tra una settimana, saranno personale sanitario e anziani
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli