Salute 31 Luglio 2020

Covid-19 e gravidanza, le regole per ridurre il rischio di contagio

Sul Lancet il punto della situazione sul rapporto fra gravidanza, parto e Sars-CoV-2: «L’allattamento al seno con precauzioni è sicuro, ma rischio nascite premature»

di Tommaso Caldarelli
Immagine articolo

Più volte nei giorni scorsi si sono rincorse indicazioni in questo senso: il coronavirus non ha mollato la sua presa e, anzi, in molte zone del mondo l’epidemia non fa che accelerare. Sono molti i mesi alle nostre spalle passati in compagnia del Covid-19. E tutto porta a pensare che anche l’esito delle gravidanze iniziate proprio durante la fase epidemica sarà accompagnato dalla presenza del virus. Per le famiglie di questi bimbi e per i tantissimi nati negli ultimi mesi, il Lancet fa il punto sul rapporto madre-neonato nell’era Covid-19, riassumendo le evidenze scientifiche a disposizione.

Il dato più importante per mamme e papà è certamente questo: «Il rischio di trasmissione, l’insorgenza clinica e le conseguenze del Sars-CoV-2 fra i neonati nati da madri Covid positive è scarso. Il rischio di trasmissione verticale appare basso, mentre è invece significativo fra altri coronavirus. Il Covid-19 è, sì, stato individuato entro le 48 ore dalla nascita fra alcuni neonati di madre positiva, tuttavia questo potrebbe indicare una trasmissione di tipo orizzontale», spiega la celebre rivista medica inglese. E ancora: «I primi studi evidenziano che i neonati positivi al Covid-19 hanno sintomi molto lievi e che il latte materno non è fonte di infezione».

Lo studio si concentra poi sui primissimi giorni di vita del bimbo, affrontando la questione relativa alla sicurezza dell’allattamento al seno in era Covid. «Vi sono versioni contrastanti» a seconda delle linee guida dell’OMS, del britannico Royal College of Obstetricians and Gynaecologist o di quelle dell’American Academy of Pediatrics.

C’è un ulteriore studio, pubblicato sempre sul Lancet, che raccomanda una linea equilibrata fra l’allattamento al seno libero e le eventuali misure sostitutive; si tratta del più ampio studio effettuato sui neonati e sulle mamme Covid positive attualmente a disposizione, spiega Lancet: «La coabitazione nella stessa stanza e l’allattamento al seno sono sicuri se sono accompagnati dall’utilizzo di una mascherina e il frequente lavaggio di mani e seno. Inoltre, la trasmissione del virus verso i neonati da parte di membri della famiglia infetti è improbabile, se vengono prese tutte le precauzioni del caso».

C’è poi un altro aspetto da sottolineare: la positività al coronavirus dimostrerebbe una correlazione con casi di nascite premature. «Nel Regno Unito il 26% delle donne Covid positive ha partorito in anticipo», con nascite premature anche a 28-31 settimane di gestazione: «Un aumentato tasso di bambini prematuri potrebbe porre dei rischi molto seri alla salute e al benessere dei bimbi nel mondo», spiega la dottoressa Medvedev, autrice dell’articolo.

Tuttavia, avverte Lancet, questo studio è necessariamente iniziale e incompleto: «Molti bambini non sono stati analizzati dopo la prima osservazione, i genitori hanno deciso di non riportarli per lo screening, impauriti dagli effetti del Covid su una popolazione così fragile».

«Delle domande cruciali rimangono senza risposta – conclude Medvedev -. Sono necessari dei dati robusti per quantificare le complicazioni riguardanti donne incinte e neonati e per capire i tassi e i percorsi di trasmissione verticale e orizzontale, inclusi i casi asintomatici. Ulteriori studi sono necessari per determinare il tasso di efficacia delle profilassi anti-infezione e delle pratiche di controllo nelle unità neonatali».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sistema 118, Balzanelli: «Centrali subissate e code di 6-7 ore davanti agli ospedali. Governo rafforzi il 118 o si rischia il crack»
Il Presidente della Società Italiana Sistema 118 traccia un quadro preoccupante: «I nostri mezzi devono essere sanificati completamente e gli equipaggi si devono svestire e rivestire. Servono 45 minuti e in quel frangente i territori rischiano di rimanere scoperti». Sotto pressione tutte le aree metropolitane
“Anziani, diritti e tutela senza età”, in un libro le sfide degli over 65 ai tempi della pandemia
A cura di Laila Perciballi, avvocato e referente della FNO TSRM e PSTRP, l’instant book «vuole proporre un nuovo modello di assistenza sanitaria e sociale che aiuti gli anziani a vivere nelle loro case, nel loro habitat, nel tessuto famigliare e sociale». Tra gli autori Anna Melillo, Maria Pia Gallo e Massimo Tosini
Pronto Soccorso, percorsi separati sulla carta ma in realtà non si riesce a isolare i positivi
La situazione negli ospedali romani raccontata dal segretario di CGIL Sanità Lazio e Michela Flores di Usb Sanità: «Le ambulanze sono utilizzate come camere di isolamento, in attesa di trovare un posto letto ai pazienti»
di Peter D'Angelo
Terapia del plasma, al via studi randomizzati in Italia e in Europa
Il direttore di Immunoematologia del Policlinico di Pavia: «La terapia sembra essere efficace se ci sono anticorpi sufficienti e se somministrata entro le prime 72 ore dalla comparsa dei sintomi»
di Federica Bosco
Ictus e covid-19, Lazzaro (Campus): «Drammatico calo dei pazienti in pronto soccorso»
Per paura di contrarre il COVID-19, molti pazienti non si recano al pronto soccorso: «In caso di sintomi agire presto per evitare danni permanenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 ottobre, sono 43.514.678 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.159.708 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 26 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare