Salute 5 Agosto 2022 10:51

Covid-19: ci prepariamo ad una tregua?

Indici di contagio e trasmissibilità in diminuzione. Più o meno stabile il numero di casi, terapie intensive e reparti ordinari sempre meno affollati. Diciotto regioni classificate a basso rischio. L’ultimo monitoraggio della cabina di regia delll’ISS

Covid-19: ci prepariamo ad una tregua?

Il Covid-19 rallenta la presa: l’incidenza settimanale a livello nazionale è scesa da 533 casi ogni 100 mila, cifra registrata tra il 29 luglio e il 4 agosto, ai 727 della scorsa settimana. Stando all’ultimo monitoraggio della cabina di regia dell’Istituto Superiore di Sanità anche gli indici di contagio e di trasmissibilità fanno sperare in una tregua: l’ultimo Rt medio calcolato sui casi sintomatici è in diminuzione rispetto ai sette giorni precedenti.

Contagi stabili

Anche l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è sceso attestandosi sotto la soglia ritenuta “epidemica”. Resta stabile il numero di casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti (12% vs 12%), mentre sono aumentati di un solo punto percentuale (44% vs 43%) i pazienti risultati positivi a seguito della comparsa di sintomi e lievemente diminuiti i casi diagnosticati attraverso attività di screening (44% vs 46%).

I ricoveri

Le terapie intensive sono sempre meno affollate di pazienti Covid positivi: l’occupazione rivelata il 4 agosto è del 3,6%, in calo rispetto al 28 luglio in cui il tasso era del 4,1%. Nei reparti ordinari si sono liberati quasi il 2% dei letti: il tasso di occupazione è passato dal 17 al 15,2%.

Regioni a rischio

Stando alla classificazione di rischio riportata DM del 30 aprile 2020 è soltanto una la regione ad alto rischio (ritenuta tale per non aver raggiunto la soglia minima di qualità dei dati trasmessi all’ISS), due presentano un livello moderato, mentre le restanti 18 Regioni e Province Autonome sono classificate a rischio basso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Covid-19, test salivare 2 in 1: in due ore individua il virus e conta gli anticorpi
I suoi ideatori lo hanno definito «economico, accurato, preciso e ultra sensibile». Il prototipo potrebbe migliorare notevolmente la risposta globale alle future pandemie e fornire indicazioni sul tipo di trattamento che il paziente dovrebbe ricevere
Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?
Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi è che la durata dell'infettività è più breve rispetto a quella dei sintomi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale