Salute 28 Ottobre 2020 12:02

Covid-19, Brusaferro (ISS): «Fondamentale individuare asintomatici. In arrivo nuovi test più semplici»

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità è stato audito dalla Commissione Sanità del Senato su Covid-19, medicina territoriale e plasma iperimmune. Una speranza arriva dagli anticorpi monoclonali, e sullo studio TSUNAMI: «Ci sono rallentamenti, in estati numero di casi adatti diminuito»

Covid-19, Brusaferro (ISS): «Fondamentale individuare asintomatici. In arrivo nuovi test più semplici»

«Tra gli asintomatici ci sono persone che hanno superato l’infezione e altre che possono trasmettere il virus. In tutti i casi individuare gli asintomatici è fondamentale per bloccare l’infezione». Con queste parole il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, intervenuto in audizione presso la Commissione Sanità del Senato, sembra aver messo la parola fine all’ipotesi, ventilata nei giorni scorsi dalle Regioni, di fare il tampone solo ai sintomatici. Tuttavia, per Brusaferro, spetta alla medicina territoriale farsi carico di asintomatici e paucisintomatici.

L’AUDIZIONE DI BRUSAFERRO

Nel corso dell’intervento il numero uno dell’ISS ha tracciato un quadro allarmante sullo stato della pandemia in Italia: «In tutte le regioni Rt, l’indice di trasmissione del contagio, è ben sopra la soglia 1 e in alcune molto sopra 1» ha ricordato il Presidente ISS.

«L’età mediana dei pazienti infetti è al momento di 40 anni dopo un’estate in cui era intorno a 30 anni e un picco di 70 anni durante i mesi del lockdown» ha spiegato Brusaferro.

Il Presidente ISS ha poi annunciato che nei prossimi giorni uscirà un documento specifico sull’uso dei test: «Oggi – ha spiegato – quello standard è il tampone molecolare ma gli antigenici rapidi hanno buone performance e sono stati consigliati dallo stesso ministero per un utilizzo in determinati contesti. Ma la ricerca tecnologica è molto rapida e nelle prossime settimane potremo disporre di ulteriori test ancora più facili da utilizzare, il che sarà certamente di grande aiuto».

Una speranza significativa sembra arrivare dalla disponibilità di anticorpi monoclonali che per Brusaferro saranno «uno strumento molto importante e potente nella lotta al Covid. C’è anche una produzione italiana, oltre a quella americana, che darà risultati nel prossimo anno. Quando ne avremo la disponibilità, la possibilità di trattare pazienti con determinati livelli di gravità consentirà di avere delle prognosi molto più favorevoli».

Il Presidente ISS ha ricordato anche che allo stato attuale sappiamo che «i bambini possono contrarre meno e quindi trasmettere meno l’infezione, ma gli studi in corso diranno una parola definitiva solo nelle prossime settimane».

IL RAFFORZAMENTO DELLA MEDICINA TERRITORIALE

Per quanto riguarda il rafforzamento della medicina territoriale, oggetto di un Affare assegnato alla Commissione Sanità, Brusaferro ha ricordato che la medicina territoriale «deve basarsi sulle classiche “tre P”: Promozione, Prevenzione, Protezione e sulla capacità di dar risposte personalizzate alle persone. Ma non si può prescindere dalla partecipazione: senza il consenso è molto difficile aderire alle misure».

Tra i temi su cui porre attenzione, Brusaferro ha rilanciato la necessità di puntare sulla prevenzione alla luce anche di una popolazione tra le più anziane d’Europa e del conseguente aumento delle fragilità.

«La prevenzione attraverso stili di vita e comportamenti adeguati spero diventi uno dei pilasti del SSN», ha affermato Brusaferro che ha aggiunto: «Bisogna costruire intorno alle persone fragili una rete che le aiuti a compensare quei livelli di autosufficienza che hanno perso».

Il presidente ISS ha poi sottolineato l’importanza di puntare sui sistemi informativi e sulle tecnologie, lavorando all’integrazione di tutte le informazioni che abbiamo, e sulla centralità delle risorse umane.

LO STUDIO TSUNAMI

L’Istituto Superiore di Sanità, insieme ad AIFA, è una delle realtà istituzionali che hanno promosso lo studio TSUNAMI per verificare la bontà della terapia al plasma iperimmune. Si tratta di uno studio randomizzato e controllato che però al momento stenta a decollare, almeno a leggere tra le righe dell’audizione: secondo quanto riportato da Brusaferro il campione atteso era di 474 pazienti, mentre al momento le persone inserite sono 188.

«Lo studio ha avuto un rallentamento dovuto al fatto che per fortuna durante i mesi estivi il numero di casi con indicazione per essere inserito è molto diminuito» ha spiegato ancora Brusaferro.

I malati inseriti nella sperimentazione sono coloro che presentano un quadro clinico di polmonite e insufficienza respiratoria: a loro viene somministrato plasma iperimmune compatibile nella misura di 200-300 ml al massimo per tre volte nell’arco di 5 giorni. Sono 79 i centri clinici coinvolti, 88 i centri trasfusionali.

«Obiettivo primario dello studio è verificare se il plasma è efficace per ridurre la ventilazione meccanica – ha spiegato il Presidente ISS -. Lo studio ha un comitato indipendente che valuta i dati che si accumulano», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Maltrattamenti su minori in aumento per effetto del Covid: dietro una denuncia, nove casi sommersi
Cesvi lancia l’allarme dopo un anno di pandemia: «Cresce il numero di abusi e violenze tra le mura domestiche. È necessario rafforzare le cure e ricostruire un sistema di servizi capace di metterle in atto»
di Federica Bosco
Igiene delle mani, l’OMS dedica la Giornata mondiale agli operatori sanitari: «Pochi secondi possono salvare vite»
Nei paesi a basso reddito solo 1 operatore sanitario su 10 pratica un'igiene delle mani adeguata. Cavallo (Assistenti sanitari): «Azione importante anche nell'atto della vaccinazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco