Salute 28 Ottobre 2020 12:02

Covid-19, Brusaferro (ISS): «Fondamentale individuare asintomatici. In arrivo nuovi test più semplici»

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità è stato audito dalla Commissione Sanità del Senato su Covid-19, medicina territoriale e plasma iperimmune. Una speranza arriva dagli anticorpi monoclonali, e sullo studio TSUNAMI: «Ci sono rallentamenti, in estati numero di casi adatti diminuito»

Covid-19, Brusaferro (ISS): «Fondamentale individuare asintomatici. In arrivo nuovi test più semplici»

«Tra gli asintomatici ci sono persone che hanno superato l’infezione e altre che possono trasmettere il virus. In tutti i casi individuare gli asintomatici è fondamentale per bloccare l’infezione». Con queste parole il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, intervenuto in audizione presso la Commissione Sanità del Senato, sembra aver messo la parola fine all’ipotesi, ventilata nei giorni scorsi dalle Regioni, di fare il tampone solo ai sintomatici. Tuttavia, per Brusaferro, spetta alla medicina territoriale farsi carico di asintomatici e paucisintomatici.

L’AUDIZIONE DI BRUSAFERRO

Nel corso dell’intervento il numero uno dell’ISS ha tracciato un quadro allarmante sullo stato della pandemia in Italia: «In tutte le regioni Rt, l’indice di trasmissione del contagio, è ben sopra la soglia 1 e in alcune molto sopra 1» ha ricordato il Presidente ISS.

«L’età mediana dei pazienti infetti è al momento di 40 anni dopo un’estate in cui era intorno a 30 anni e un picco di 70 anni durante i mesi del lockdown» ha spiegato Brusaferro.

Il Presidente ISS ha poi annunciato che nei prossimi giorni uscirà un documento specifico sull’uso dei test: «Oggi – ha spiegato – quello standard è il tampone molecolare ma gli antigenici rapidi hanno buone performance e sono stati consigliati dallo stesso ministero per un utilizzo in determinati contesti. Ma la ricerca tecnologica è molto rapida e nelle prossime settimane potremo disporre di ulteriori test ancora più facili da utilizzare, il che sarà certamente di grande aiuto».

Una speranza significativa sembra arrivare dalla disponibilità di anticorpi monoclonali che per Brusaferro saranno «uno strumento molto importante e potente nella lotta al Covid. C’è anche una produzione italiana, oltre a quella americana, che darà risultati nel prossimo anno. Quando ne avremo la disponibilità, la possibilità di trattare pazienti con determinati livelli di gravità consentirà di avere delle prognosi molto più favorevoli».

Il Presidente ISS ha ricordato anche che allo stato attuale sappiamo che «i bambini possono contrarre meno e quindi trasmettere meno l’infezione, ma gli studi in corso diranno una parola definitiva solo nelle prossime settimane».

IL RAFFORZAMENTO DELLA MEDICINA TERRITORIALE

Per quanto riguarda il rafforzamento della medicina territoriale, oggetto di un Affare assegnato alla Commissione Sanità, Brusaferro ha ricordato che la medicina territoriale «deve basarsi sulle classiche “tre P”: Promozione, Prevenzione, Protezione e sulla capacità di dar risposte personalizzate alle persone. Ma non si può prescindere dalla partecipazione: senza il consenso è molto difficile aderire alle misure».

Tra i temi su cui porre attenzione, Brusaferro ha rilanciato la necessità di puntare sulla prevenzione alla luce anche di una popolazione tra le più anziane d’Europa e del conseguente aumento delle fragilità.

«La prevenzione attraverso stili di vita e comportamenti adeguati spero diventi uno dei pilasti del SSN», ha affermato Brusaferro che ha aggiunto: «Bisogna costruire intorno alle persone fragili una rete che le aiuti a compensare quei livelli di autosufficienza che hanno perso».

Il presidente ISS ha poi sottolineato l’importanza di puntare sui sistemi informativi e sulle tecnologie, lavorando all’integrazione di tutte le informazioni che abbiamo, e sulla centralità delle risorse umane.

LO STUDIO TSUNAMI

L’Istituto Superiore di Sanità, insieme ad AIFA, è una delle realtà istituzionali che hanno promosso lo studio TSUNAMI per verificare la bontà della terapia al plasma iperimmune. Si tratta di uno studio randomizzato e controllato che però al momento stenta a decollare, almeno a leggere tra le righe dell’audizione: secondo quanto riportato da Brusaferro il campione atteso era di 474 pazienti, mentre al momento le persone inserite sono 188.

«Lo studio ha avuto un rallentamento dovuto al fatto che per fortuna durante i mesi estivi il numero di casi con indicazione per essere inserito è molto diminuito» ha spiegato ancora Brusaferro.

I malati inseriti nella sperimentazione sono coloro che presentano un quadro clinico di polmonite e insufficienza respiratoria: a loro viene somministrato plasma iperimmune compatibile nella misura di 200-300 ml al massimo per tre volte nell’arco di 5 giorni. Sono 79 i centri clinici coinvolti, 88 i centri trasfusionali.

«Obiettivo primario dello studio è verificare se il plasma è efficace per ridurre la ventilazione meccanica – ha spiegato il Presidente ISS -. Lo studio ha un comitato indipendente che valuta i dati che si accumulano», ha concluso.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
Un test Covid fai da te può essere utilizzato anche se scaduto?
Alcuni test anti-Covid fai da te potrebbero essere utilizzati oltre la data di scadenza, Basta controllare sul sito dell'azienda produttrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 ottobre 2022, sono 618.051.664 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.546.875 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (3 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi