Salute 24 Agosto 2020 17:18

Lazio, boom di contagi da rientro. La guida per chi torna da vacanze in luoghi a rischio

Oggi nel Lazio si registrano 146 contagi e un decesso: il 40% torna dalla Sardegna. Il Direttore del servizio di igiene e sanità pubblica della ASL Roma 1 Enrico Di Rosa: «Ecco cosa deve fare per eseguire i tamponi chi torna dall’isola e da Grecia, Spagna, Croazia e Malta»

Lazio, boom di contagi da rientro. La guida per chi torna da vacanze in luoghi a rischio

Il preoccupante rialzo di nuovi positivi al Covid-19 ha provocato tensioni tra regioni e governo. Il Lazio ha raggiunto numeri più alti del lockdown: oggi si conteggiano 146 nuovi contagi e un decesso. La maggior parte riguarda giovani vacanzieri al rientro dall’estero e soprattutto dalla Sardegna, alle prese con i tamponi.

Mentre si lavora all’intesa tra le due regioni per effettuare i tamponi in maniera reciproca – test nel Lazio a chi parte per l’isola e test in Sardegna a chi la lascia per evitare che i positivi asintomatici viaggino sui traghetti – e visto il record di casi, la Regione Lazio ha reso disponibili test rapidi negli aeroporti di Ciampino e Fiumicino e al porto di Civitavecchia e tamponi nasofaringei nei drive-in per chi torna da Grecia, Spagna, Croazia, Malta e Sardegna.

Ne abbiamo parlato con il Direttore del servizio di igiene e sanità pubblica della Asl Roma 1, Enrico Di Rosa.

I NUOVI CONTAGI

«Nel Lazio c’è stato un boom di contagi nelle ultime settimane – spiega il Direttore – ma il numero dei ricoveri si mantiene basso, per fortuna. Si tratta soprattutto di giovani con forme lievi: i 2/3 dei casi che riscontriamo sono collegati ai viaggi. Il 3-4% dei tamponi che effettuiamo sono positivi. Il picco c’è stato qualche giorno fa, ora siamo sui 30-40 nuovi contagi al giorno che per la Asl Roma 1 che ha un milione di abitanti sono tanti. L’obiettivo della regione è individuare i positivi il più precocemente possibile prima che il virus si diffonda nei nuclei familiari».

L’OBBLIGO DEL TAMPONE PER CHI TORNA DAI PAESI A RISCHIO

«Per i cittadini tornati nel Lazio che nei quattordici giorni precedenti hanno soggiornato in Grecia, Croazia, Malta o Spagna – precisa Di Rosa – in ottemperanza all’Ordinanza del Ministero della Salute del 12 agosto 2020 è obbligatorio effettuare il tampone entro 48 ore dal rientro con la ricetta del Medico di Medicina Generale o Pediatra di Libera Scelta, tessera sanitaria, documento di identità e titolo di viaggio. Inoltre, è obbligatorio osservare l’isolamento e le misure di distanziamento fino all’esito dell’esame».

COSA DEVE FARE IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE

«Deve fare la prescrizione su ricetta dematerializzata per chi torna da Grecia, Croazia, Malta o Spagna o ai cittadini che devono eseguire il test per altri motivi. Per chi rientra dalla Sardegna la possibilità di accesso è libera anche senza ricetta ma è consigliabile averla per snellire le procedure».

PER CHI TORNA DALLA SARDEGNA

La Regione consiglia fortemente l’esecuzione del tampone a chi rientra dalla Sardegna: «È un’opportunità in più offerta dal servizio regionale ai cittadini, visto l’alto numero di casi di positività riscontrati negli ultimi giorni, ma non è obbligatoria – sottolinea Di Rosa -. Per snellire le operazioni è preferibile presentarsi con la ricetta medica e con un documento che attesti l’effettiva permanenza sull’isola, ma si può procedere anche con un’autocertificazione».

I RISULTATI DEI TAMPONI NEL LAZIO

«Generalmente abbiamo i risultati in 36-48 ore. Contattiamo telefonicamente i positivi e li invitiamo a restare in isolamento. Da ieri chiamiamo anche i negativi, quindi comunichiamo a tutti l’esito del tampone per tranquillizzare le persone».

LO SFORZO DEL PERSONALE SANITARIO DEDICATO

«C’eravamo assestati sui 100 -150 tamponi prima dell’estate – spiega il Direttore -. Ora, in seguito alle disposizioni regionali delle ultime settimane, facciamo dai 300 ai 500 esami al giorno. Per la Asl Roma1 abbiamo tre postazioni drive-in; ci sono file anche di un’ora, c’è tanta gente ma grazie all’impegno e al sacrificio del personale infermieristico che lavora sotto il sole, con la tuta addosso senza sosta né per dissetarsi né per andare in bagno, facciamo il possibile per abbattere i tempi di attesa. I cittadini, in linea di massima, sono pazienti. Sono molto ansiosi di ricevere il referto cartaceo: chiediamo la collaborazione di tutti, lo sforzo è enorme. E raccomandiamo massima prudenza, anche in caso di tampone negativo».

Articoli correlati
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Due sintomi «rivelatori» del Covid, l’avvertimento dello scienziato britannico
Tim Spector, fondatore dell'app Covid Zoe, ha avvertito che la stanchezza al mattino, anche dopo una buona notte di sonno, e il mal di gola possono essere considerati segni «rivelatori» dell'infezione Covid-19
Quasi 80mila contagi Covid sul lavoro, più colpiti operatori sanitari e sociali
Con 80.994 contagi sul lavoro denunciati dall'Inail, i primi sei mesi di quest'anno pesano al momento per il 29,1% sul totale delle infezioni di origine professionale segnalate all’istituto dall’inizio della pandemia alla data dello scorso 30 giugno. I più colpiti sul lavoro sono i professionisti del settore della sanità e dell'assistenza sociale. Questo è quanto emerge dal 28esimo report nazionale elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail
Covid, raggiunto il plateau il 14 luglio con 98mila casi. Inizia la discesa?
Nell'ultima settimana si è registrato un lieve calo di nuovi positivi rispetto a quella precedente ma i ricoveri ordinari continuano a salire. Record nel Lazio per le somministrazioni della quarta dose del vaccino agli over 60. D'Amato: «Sono circa 12 mila al giorno, il 20% in più del target nazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 ottobre 2022, sono 618.051.664 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.546.875 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (3 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi