Salute 14 Dicembre 2020 17:09

Covid-19, appello al Governo: «Vaccinare prima 11 milioni di malati fragili»

Due lettere al Premier Conte e al Ministro Speranza da oncologi, cardiologi, ematologi e 600 associazioni pazienti

Covid-19, appello al Governo: «Vaccinare prima 11 milioni di malati fragili»

«Il vaccino anti-Covid sia dato prioritariamente ai pazienti oncologici, ematologici e cardiologici, 11 milioni di persone fragili e che non possono aspettare“. È l’appello lanciato al Governo da Foce, la Confederazione delle tre società scientifiche di riferimento di oncologi (Aiom), cardiologi (Sic) ed ematologi (Sie) e delle due Fondazioni Insieme contro il cancro e Cuore e circolazione, con oltre 600 associazioni di malati. Una richiesta che i medici hanno messo nero su bianco in due lettere, indirizzate al presidente Consiglio Giuseppe Conte e al ministro della Salute Roberto Speranza. Medici e pazienti uniti per “una battaglia di civiltà”, con l’obiettivo di “limitare le vittime” dell’epidemia che continuano a crescere.

«Numerosi lavori scientifici e l’esperienza clinica maturata in questi mesi – scrivono Foce e associazioni malati – ci indicano che i nostri pazienti pagano un prezzo alto in termini di vulnerabilità ai danni dell’infezione da Covid-19. Per questo una immediata inclusione dei pazienti affetti da patologie cardiache, oncologiche ed ematologiche nella campagna di vaccinazione permetterebbe di limitare i danni provocati dalla pandemia in questi malati che già devono affrontare percorsi di diagnosi e cura molto complessi. Non possiamo permetterci di perdere pazienti magari giovani, già guariti dal cancro o reduci da patologie cardiologiche e con una prospettiva di vita normale solo perché durante l’attesa del vaccino si siano contagiati».

Cognetti: «Ripensare radicalmente sanità non certo dedicandole solo nove miliardi»

«Ci pare una battaglia di civiltà – afferma Francesco Cognetti, presidente di Foce – e abbiamo voluto coinvolgere le associazioni di pazienti che operano a livello nazionale e locale. L’adesione è stata pressoché totale, entusiasta e convinta. Fra le 600 associazioni vi sono Favo, Ail, Conacuore, Cittadinanzattiva, Europa Donna, Salute Donna».

«Ci auguriamo che il presidente del Consiglio e il ministro della Salute accolgano la nostra richiesta – auspica l’oncologo – per poter limitare altre vittime collegate alla pandemia. I numeri dei contagi, purtroppo, continuano ad essere molto pesanti, con il nostro Paese ormai al primo posto per mortalità legata al coronavirus. Il vaccino speriamo ci permetterà di superare questa emergenza», ma andrebbe anche «radicalmente ripensata la sanità di questo Paese con nuovi e ingenti finanziamenti (non certamente con soli nove miliardi), con assunzioni di personale medico e infermieristico, utilizzando al meglio le risorse del Recovery Fund».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
Tecnici ortopedici. Tombolini (ANTOI ATS-ETS): «La pandemia ha compromesso l’efficacia terapeutica dei nostri interventi»
Il presidente dell’Associazione tecnico-scientifica: «Abbiamo necessità di essere vaccinati in modo prioritario: abbiamo lavorato anche durante i lockdown e incontriamo i nostri pazienti in ospedali e cliniche»
di Isabella Faggiano
Vaccini anti-Covid-19 nelle farmacie, trovato l’accordo in Lombardia
La Regione Lombardia ha deliberato la partecipazione delle farmacie private alla campagna vaccinale anti Covid-19 e al completamento della campagna antinfluenzale 2020-2021
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...