Salute 8 Aprile 2020 12:49

Covid-19, a Robbio nessun tampone per i sintomatici: il sindaco fa fare il test sierologico a tutti e lo offre ai meno abbienti

Francese: «Un’ordinanza di Regione Lombardia vieta il test, quindi facciamo processare i campioni fuori regione. Gli immuni potranno andare al Policlinico San Matteo di Pavia a donare il sangue per salvare i malati più gravi»

di Federica Bosco

Test sierologico a tutti i cittadini. Succede a Robbio, piccolo Comune di 5800 abitanti in provincia di Pavia, dove il sindaco, Roberto Francese, 35 anni, imprenditore, ha deciso la scorsa settimana di porre fine alle richieste inascoltate di fare il tampone ai suoi abitanti, ed ha predisposto un ambulatorio nel palazzetto dello sport cittadino con l’obiettivo di individuare  guariti e immuni al Coronavirus.

LEGGI ANCHE: COVID-19, PRONTO IL NUOVO TEST PER IDENTIFICARE I PAZIENTI CON ANTICORPI

 

Sindaco, perché ha deciso per il test sierologico?  

«È un’esigenza di sopravvivenza di questo Comune, perché abbiamo una cinquantina di persone con i sintomi classici del Covid, ma non vengono né contattate per il tampone a domicilio, che non è stato fatto a nessuno, né viene attivata la cura domiciliare. E allora io mi chiedo, come mai in una Regione come la Lombardia, che ho sempre apprezzato dal punto di vista sanitario, un’eccellenza, con medici che sono i migliori al mondo, è così in ritardo da un punto di vista organizzativo? Abbiamo famiglie intere che hanno chiesto il tampone, non gli è stato fatto, e da un malato ora ne hanno ricoverati tre».

Allora avete attivato un ambulatorio che è fuori regione, è corretto?

«Noi avevamo trovato anche otto laboratori della regione Lombardia disponibili a fare questo test, il problema è che la Regione ha emanato una ordinanza che lo vieta, quindi facciamo il prelievo in Regione e poi facciamo processare il test fuori regione. È un controsenso, ed è un peccato: diamo lavoro alle altre regioni quando i nostri laboratori regionali sono all’avanguardia, hanno in casa i reagenti e sarebbero tranquillamente in grado di fare questo lavoro».

LEGGI ANCHE: VACCINO CONTRO IL COVID-19, A CHE PUNTO SONO LE SPERIMENTAZIONI CONDOTTE IN TUTTO IL MONDO?

Come vi siete organizzati per fare il test a tutti i cittadini?

«Abbiamo iniziato la scorsa settimana. Coloro che hanno i sintomi da Coronavirus sono sottoposti al test in casa, perché devono stare in quarantena. Gli imprenditori hanno deciso di farlo nelle proprie aziende per garantire la continuità produttiva, le Rsa presso le loro sedi; per tutti gli altri è stato allestito un ambulatorio di emergenza all’interno del Palasport. Lì sono venuti medici, infermieri, forze dell’ordine, volontari, soccorritori, tutte persone che ci hanno riferito di aver richiesto più volte di fare il tampone presso la loro sede di lavoro, ma gli è sempre stato negato. Abbiamo visto il grido di disperazione della gente che ha pagato le tasse una vita e che si vede abbandonata da questo Stato. In più, tutti i positivi al test, che quindi sono guariti, possono recarsi a Pavia, al San Matteo, a donare il sangue che viene utilizzato come cura per i malati gravi. In questo modo gli anticorpi di chi è guarito possono salvare la vita a qualcuno che invece sta male».

Quanto è costato il test?

«L’abbiamo trovato a 45 euro ed è un test completo perché dice il valore dell’infezione in corso e della memoria dell’infezione, e quindi è molto sofisticato. Visto che non è validato dalla Regione, non abbiamo voluto spendere neppure un euro dei soldi comunali, perché avrebbero potuto dirci che avevamo creato un danno, ed allora io ho voluto dire a tutti i cittadini di fare il test e che avrei pagato io personalmente a chi non poteva permetterselo. La mia provocazione ha fatto sì che i miei cittadini hanno tirato fuori ancora una volta il loro cuore, che è straordinario, e ogni persona che è andata, ha pagato per due o per tre, perché non volevano che nessuno rimanesse senza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, ogni 100 contagi professionali, 70 riguardano le donne
Giuseppe Carbone, Segretario generale Fials: «Drammatica disparità di genere. Numeri drammatici che ci allarmano e destano preoccupazione per questa terza ondata»
Covid e scenari futuri, l’infettivologo Stefano Vella: «Immunità di gregge? Meglio trovare strategie di convivenza»
«Vaccinare i fragili in via prioritaria. Un altro lockdown nazionale porterebbe al tracollo finanziario, l'Italia non può permetterselo»
Nel 2020 mai così tanti morti dal secondo dopoguerra in Italia. Pubblicato il quinto rapporto sui decessi ISTAT-ISS
Il documento fa, inoltre, il punto sulle principali caratteristiche dell’epidemia e i loro effetti sulla mortalità totale, distinguendo tra la prima (febbraio-maggio 2020) e la seconda (ottobre-gennaio 2021) ondata epidemica
Giornata Europea della Logopedia, Rossetto (FLI): «La tele-riabilitazione può aiutare l’85% dei pazienti»
“Così lontani, così vicini”: cinque giorni di consulti on-demand. I logopedisti italiani saranno a disposizione di pazienti, famiglie e insegnanti per domande o dubbi sulla logopedia a distanza dall’8 al 12 marzo
di Isabella Faggiano
Viaggio nella clinica francese che cura la salute mentale dei professionisti sanitari, messa a dura prova dal Covid
La psichiatra: «Sovraccarico di lavoro, senso di colpa e trauma per le tante morti. Così la salute mentale del personale sanitario è a rischio, servono interventi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...