Salute 8 Aprile 2020 12:49

Covid-19, a Robbio nessun tampone per i sintomatici: il sindaco fa fare il test sierologico a tutti e lo offre ai meno abbienti

Francese: «Un’ordinanza di Regione Lombardia vieta il test, quindi facciamo processare i campioni fuori regione. Gli immuni potranno andare al Policlinico San Matteo di Pavia a donare il sangue per salvare i malati più gravi»

di Federica Bosco

Test sierologico a tutti i cittadini. Succede a Robbio, piccolo Comune di 5800 abitanti in provincia di Pavia, dove il sindaco, Roberto Francese, 35 anni, imprenditore, ha deciso la scorsa settimana di porre fine alle richieste inascoltate di fare il tampone ai suoi abitanti, ed ha predisposto un ambulatorio nel palazzetto dello sport cittadino con l’obiettivo di individuare  guariti e immuni al Coronavirus.

LEGGI ANCHE: COVID-19, PRONTO IL NUOVO TEST PER IDENTIFICARE I PAZIENTI CON ANTICORPI

 

Sindaco, perché ha deciso per il test sierologico?  

«È un’esigenza di sopravvivenza di questo Comune, perché abbiamo una cinquantina di persone con i sintomi classici del Covid, ma non vengono né contattate per il tampone a domicilio, che non è stato fatto a nessuno, né viene attivata la cura domiciliare. E allora io mi chiedo, come mai in una Regione come la Lombardia, che ho sempre apprezzato dal punto di vista sanitario, un’eccellenza, con medici che sono i migliori al mondo, è così in ritardo da un punto di vista organizzativo? Abbiamo famiglie intere che hanno chiesto il tampone, non gli è stato fatto, e da un malato ora ne hanno ricoverati tre».

Allora avete attivato un ambulatorio che è fuori regione, è corretto?

«Noi avevamo trovato anche otto laboratori della regione Lombardia disponibili a fare questo test, il problema è che la Regione ha emanato una ordinanza che lo vieta, quindi facciamo il prelievo in Regione e poi facciamo processare il test fuori regione. È un controsenso, ed è un peccato: diamo lavoro alle altre regioni quando i nostri laboratori regionali sono all’avanguardia, hanno in casa i reagenti e sarebbero tranquillamente in grado di fare questo lavoro».

LEGGI ANCHE: VACCINO CONTRO IL COVID-19, A CHE PUNTO SONO LE SPERIMENTAZIONI CONDOTTE IN TUTTO IL MONDO?

Come vi siete organizzati per fare il test a tutti i cittadini?

«Abbiamo iniziato la scorsa settimana. Coloro che hanno i sintomi da Coronavirus sono sottoposti al test in casa, perché devono stare in quarantena. Gli imprenditori hanno deciso di farlo nelle proprie aziende per garantire la continuità produttiva, le Rsa presso le loro sedi; per tutti gli altri è stato allestito un ambulatorio di emergenza all’interno del Palasport. Lì sono venuti medici, infermieri, forze dell’ordine, volontari, soccorritori, tutte persone che ci hanno riferito di aver richiesto più volte di fare il tampone presso la loro sede di lavoro, ma gli è sempre stato negato. Abbiamo visto il grido di disperazione della gente che ha pagato le tasse una vita e che si vede abbandonata da questo Stato. In più, tutti i positivi al test, che quindi sono guariti, possono recarsi a Pavia, al San Matteo, a donare il sangue che viene utilizzato come cura per i malati gravi. In questo modo gli anticorpi di chi è guarito possono salvare la vita a qualcuno che invece sta male».

Quanto è costato il test?

«L’abbiamo trovato a 45 euro ed è un test completo perché dice il valore dell’infezione in corso e della memoria dell’infezione, e quindi è molto sofisticato. Visto che non è validato dalla Regione, non abbiamo voluto spendere neppure un euro dei soldi comunali, perché avrebbero potuto dirci che avevamo creato un danno, ed allora io ho voluto dire a tutti i cittadini di fare il test e che avrei pagato io personalmente a chi non poteva permetterselo. La mia provocazione ha fatto sì che i miei cittadini hanno tirato fuori ancora una volta il loro cuore, che è straordinario, e ogni persona che è andata, ha pagato per due o per tre, perché non volevano che nessuno rimanesse senza».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Gimbe: «Casi aumentano, ma rispetto a un anno fa ricoveri dimezzati grazie a vaccini»
Accelera la campagna vaccinale: in una settimana +223 mila nuovi vaccinati e oltre 2,6 milioni di richiami. L’80,1% della popolazione ha ricevuto almeno una dose di vaccino, ma rimangono scoperti 2,5 milioni di over 50 ad elevato rischio di ospedalizzazione
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (8 dicembre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
La vaccinazione nei bambini è raccomandabile o meno? Le considerazioni della Simedet
L'opinione di Alberto Ferrando del Comitato Scientifico della Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Covid e bambini, la denuncia dei TNPEE: «Aumentano casi di disagio e di disturbi dell’apprendimento, lavorare su variabili ambientali»
Molte regioni stanno implementando la figura del Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva. Il Presidente Bonifacio: «Intercettare rapidamente disagio prima che possa svilupparsi una difficoltà più grave». La teleriabilitazione, esplosa con il Covid, sempre più essenziale nella trasformazione della professione
di Francesco Torre
Dopo il Covid-19, la pneumologia guarda al futuro
Parte la “Next generation. Pneumologi di domani a confronto” nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza a Roma. Fino a domenica 5 dicembre i lavori in presenza e online del convegno SIP/IRS a cura di Francesco Lombardi e Carlo Vancheri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 dicembre, sono 267.880.128 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.280.456 i decessi. Ad oggi, oltre 8,28 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Perché nonostante i vaccini i casi di Covid-19 aumentano?

di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell'EMA e Direttore Scientifico Consulcesi