Salute 8 Maggio 2020 09:27

Coronavirus, dal latte al cibo piccante: il Ministero della Salute smonta le fake news

Le nuove bufale messe alla berlina dagli esperti

Coronavirus, dal latte al cibo piccante: il Ministero della Salute smonta le fake news

Bere il latte e mangiare il peperoncino, oppure curarsi con il bicarbonato o usare piante aromatiche come basilico, rosmarino, origano, per proteggersi dal Covid-19. Prosegue la campagna del Ministero della Salute contro le fake news che circolano sul Coronavirus.«È falso che bere latte protegga e curi l’infezione da nuovo coronavirus – evidenzia il Ministero sulla pagina web dedicata al Covid-19 -. Non ci sono attualmente evidenze scientifiche che il latte abbia un’azione protettiva o curativa nei confronti dell’infezione da nuovo coronavirus».

È possibile disinfettare mani o aree della pelle con i raggi Uv? «È falso – sottolineano gli esperti – Le lampade a raggi ultravioletti (Uv) non devono essere utilizzate per disinfettare le mani o altre aree della pelle. Le radiazioni Uv possono causare irritazione alla pelle e danneggiare gli occhi. Pulire le mani con una soluzione a base alcolica (igienizzante per mani) o lavarsi le mani con acqua e sapone sono i modi più efficaci per rimuovere il virus».

LEGGI ANCHE: «FINALMENTE LA RIVINCITA DELLA SCIENZA». INTERVISTA A MASSIMO ANDREONI, AUTORE DEL LIBRO ANTI-FAKE NEWS “COVID-19 IL VIRUS DELLA PAURA”

E il peperoncino? «Non ci sono evidenze scientifiche che mangiare o aggiungere peperoncino ai cibi prevenga o curi Covid-19. Il modo migliore per evitare di infettarsi con il nuovo coronavirus è quello di tenersi alla distanza di almeno 1 metro dagli altri e di lavarsi frequentemente e accuratamente le mani con acqua e sapone oppure con disinfettanti a base alcolica», ricorda il Ministero. Come è falso che le mosche possano diffondere l’infezione da coronavirus. «Ad oggi non ci sono evidenze scientifiche che indichino che le mosche possano diffondere il nuovo coronavirus», precisano gli esperti anti-bufale su Covid-19.

Non è vero che il nuovo coronavirus si curi con acqua e bicarbonato. «Non ci sono evidenze che il bicarbonato disciolto in acqua abbia una azione curativa, né protettiva, nei confronti della malattia da nuovo coronavirus», suggeriscono i medici. È una bufala che gli oli essenziali delle piante aromatiche come basilico, rosmarino, origano, proteggano dal nuovo coronavirus. «Non ci sono evidenze che le piante aromatiche, né gli olii essenziali da queste derivanti, svolgano un ruolo protettivo nei confronti dell’infezione da nuovo coronavirus», concludono.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Si conclude l’odissea della Fondazione IME, turbo liquidazione del commissario Friolo
In 13 mesi è stata finalmente risolta la lunga e travagliata vicenda della Fondazione Istituto Mediterraneo di Ematologia. Grazie al commissario Francesco Friolo sono stati risolti debiti e pendenze e sono stati recuperati crediti. La Fondazione IME è stata liquidata
Vaiolo delle scimmie. In Italia aumentano i casi e il Ministero diffonde le linee guida per le quarantene
In Italia accertati 505 casi, 26 in più di 4 giorni fa. Il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure da adottare in vista di possibili quarantene. In attesa di direttive su un’eventuale campagna vaccinale lo Spallanzani di Roma ha annunciato di essere già pronto a partire con la vaccinazione
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
La disinformazione viaggia su Twitter
In pandemia i “cinguettii” hanno ostacolato le vaccinazioni. Lo dimostra un’enorme revisione di dati scientifici internazionali pubblicati su social media e vaccini anti-Covid condotta dai ricercatori dell’Università Cattolica. Ecco i risultati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 settembre 2022, sono 615.090.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.536.966 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi