Salute 14 Giugno 2019 10:41

Congresso Dermatologia, per il melanoma la speranza arriva dalla Microscopia Laser Confocale: diagnosi precoci e riduzione dei costi

Parla il presidente del Congresso, il professor Giovanni Pellacani dell’Università di Modena e Reggio Emilia: «Questa tecnologia permette di fare un esame della pelle non invasivo, con immagini che hanno la stessa risoluzione dell’istologia, in grado di farci vedere cellule atipiche e alterazioni della struttura che possono far sospettare la presenza di melanoma». Poi il consiglio: «Bisogna avere attenzione e cura di sé. Se uno nota qualcosa di strano, qualcosa che non riconosce spesso è benigno, ma nel caso non lo fosse, è meglio diagnosticarlo presto»

di Federica Bosco
Congresso Dermatologia, per il melanoma la speranza arriva dalla Microscopia Laser Confocale: diagnosi precoci e riduzione dei costi

La dermatologia cambia “pelle”: tante le novità presentate al 24° Congresso Mondiale di Dermatologia che si svolge al Mi.Co di Milano dal 10 al 15 giugno. Un appuntamento che ha portato nel capoluogo lombardo i migliori esperti del settore che hanno presentato nuovi farmaci per la cura di malattie infiammatorie e nuove tecnologie non invasive per la diagnosi sempre più precoce del cancro alla pelle, come la Microscopia Laser Confocale. Duplice il risultato: più sopravvivenza e meno costi sanitari, come ha rimarcato nel suo intervento il presidente del congresso, il professor Giovanni Pellacani dell’Università di Modena e Reggio Emilia. 

«È la prima volta che viene fatto uno studio così preciso e impegnativo, in questo modo possiamo togliere meno nei e più melanomi con un risparmio di circa 200mila euro ogni anno per il sistema sanitario nazionale. – spiega il professor Pellacani – l’avanguardia per i tumori della pelle, in particolare del melanoma, è la Microscopia Laser Confocale, una tecnologia che consente di avere una diagnosi molto vicina a quella istologica perché permette di fare un esame della pelle non invasivo, con immagini che hanno la stessa risoluzione dell’istologia, in grado di farci vedere cellule atipiche e alterazioni della struttura che possono far sospettare la presenza di melanoma. Con questa tecnologia siamo in grado di fare diagnosi molto precoci, ma anche molto precise, quindi evitando l’altissimo numero di asportazioni benigne che avremmo altrimenti dovuto fare, perché si presentavano brutte e atipiche».

LEGGI ANCHE: COME CAPIRE SE UN NEO E’ PERICOLOSO?

Il futuro cosa ci riserverà in questo ambito?

«Di sicuro queste tecnologie verranno estese a tutta la dermatologia, ora sono concentrate nei centri di riferimento, nelle cliniche universitari, negli istituti di ricerca. Ovviamente con nuovi lavori, nuove disponibilità di tecnologie sempre più veloci ed efficaci, queste dovranno passare all’utilizzo comune del dermatologo in ogni situazione clinica».

Un consiglio per chi ci segue?

«In prossimità dell’estate la protezione della pelle è fondamentale, di sicuro è necessario evitare le scottature, ovvio, ma doveroso ricordarlo. L’altro consiglio è avere attenzione e cura di sé. Se uno nota qualcosa di strano, qualcosa che non riconosce spesso è benigno, ma nel caso non lo fosse, è meglio diagnosticarlo presto».

Articoli correlati
I segni sulla pelle del Covid-19. Il dermatologo: «Tra i sintomi anche manifestazioni cutanee, dalle vescicole ai geloni»
Con il progetto “Skin Covid-19” si punta a realizzare un registro delle manifestazioni dermatologiche del virus per velocizzare le diagnosi. Marzano (Ospedale Maggiore Ca' Granda): «Li ho notati durante la mia malattia, potrebbero essere una spia anche precoce dell'infezione, soprattutto in soggetti pauci- e asintomatici»
di Gloria Frezza
Melanoma, casi raddoppiati in 10 anni. Marconi (Fatebenefratelli Sacco): «Con la videodermoscopia prevenzione più efficace»
Con questa tecnologia è possibile individuare cellule neoplastiche in una fase primitiva, permettendo un rapido intervento chirurgico. L’esperto: «Il periodo più a rischio per questa patologia è tra i 30 e i 50 anni»
di Federica Bosco
A Modena una nuova scuola di chirurgia. Il rettore Pellacani (UniMore): «Insegneremo nuove tecniche»
Un progetto congiunto che vedrà impegnati il Policlinico di Modena e la facoltà di Medicina. Una novità assoluta che, secondo la tempistica fissata dalle parti, dovrebbe partire nell’anno accademico 2020/2021 con i primi moduli base
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»