Salute 14 Giugno 2019

Congresso Dermatologia, per il melanoma la speranza arriva dalla Microscopia Laser Confocale: diagnosi precoci e riduzione dei costi

Parla il presidente del Congresso, il professor Giovanni Pellacani dell’Università di Modena e Reggio Emilia: «Questa tecnologia permette di fare un esame della pelle non invasivo, con immagini che hanno la stessa risoluzione dell’istologia, in grado di farci vedere cellule atipiche e alterazioni della struttura che possono far sospettare la presenza di melanoma». Poi il consiglio: «Bisogna avere attenzione e cura di sé. Se uno nota qualcosa di strano, qualcosa che non riconosce spesso è benigno, ma nel caso non lo fosse, è meglio diagnosticarlo presto»

di Federica Bosco
Immagine articolo

La dermatologia cambia “pelle”: tante le novità presentate al 24° Congresso Mondiale di Dermatologia che si svolge al Mi.Co di Milano dal 10 al 15 giugno. Un appuntamento che ha portato nel capoluogo lombardo i migliori esperti del settore che hanno presentato nuovi farmaci per la cura di malattie infiammatorie e nuove tecnologie non invasive per la diagnosi sempre più precoce del cancro alla pelle, come la Microscopia Laser Confocale. Duplice il risultato: più sopravvivenza e meno costi sanitari, come ha rimarcato nel suo intervento il presidente del congresso, il professor Giovanni Pellacani dell’Università di Modena e Reggio Emilia. 

«È la prima volta che viene fatto uno studio così preciso e impegnativo, in questo modo possiamo togliere meno nei e più melanomi con un risparmio di circa 200mila euro ogni anno per il sistema sanitario nazionale. – spiega il professor Pellacani – l’avanguardia per i tumori della pelle, in particolare del melanoma, è la Microscopia Laser Confocale, una tecnologia che consente di avere una diagnosi molto vicina a quella istologica perché permette di fare un esame della pelle non invasivo, con immagini che hanno la stessa risoluzione dell’istologia, in grado di farci vedere cellule atipiche e alterazioni della struttura che possono far sospettare la presenza di melanoma. Con questa tecnologia siamo in grado di fare diagnosi molto precoci, ma anche molto precise, quindi evitando l’altissimo numero di asportazioni benigne che avremmo altrimenti dovuto fare, perché si presentavano brutte e atipiche».

LEGGI ANCHE: COME CAPIRE SE UN NEO E’ PERICOLOSO?

Il futuro cosa ci riserverà in questo ambito?

«Di sicuro queste tecnologie verranno estese a tutta la dermatologia, ora sono concentrate nei centri di riferimento, nelle cliniche universitari, negli istituti di ricerca. Ovviamente con nuovi lavori, nuove disponibilità di tecnologie sempre più veloci ed efficaci, queste dovranno passare all’utilizzo comune del dermatologo in ogni situazione clinica».

Un consiglio per chi ci segue?

«In prossimità dell’estate la protezione della pelle è fondamentale, di sicuro è necessario evitare le scottature, ovvio, ma doveroso ricordarlo. L’altro consiglio è avere attenzione e cura di sé. Se uno nota qualcosa di strano, qualcosa che non riconosce spesso è benigno, ma nel caso non lo fosse, è meglio diagnosticarlo presto».

Articoli correlati
Melanoma, casi raddoppiati in 10 anni. Marconi (Fatebenefratelli Sacco): «Con la videodermoscopia prevenzione più efficace»
Con questa tecnologia è possibile individuare cellule neoplastiche in una fase primitiva, permettendo un rapido intervento chirurgico. L’esperto: «Il periodo più a rischio per questa patologia è tra i 30 e i 50 anni»
di Federica Bosco
A Modena una nuova scuola di chirurgia. Il rettore Pellacani (UniMore): «Insegneremo nuove tecniche»
Un progetto congiunto che vedrà impegnati il Policlinico di Modena e la facoltà di Medicina. Una novità assoluta che, secondo la tempistica fissata dalle parti, dovrebbe partire nell’anno accademico 2020/2021 con i primi moduli base
di Federica Bosco
Salute, le nuove frontiere per le malattie infiammatorie cutanee arrivano dalle biotecnologie. Concetta Potenza (Sapienza): «Ricerca avanzata, cure su misura per i pazienti»
Dallo stato della ricerca alle nuove sperimentazioni biotecnologiche per la produzione di farmaci. Oggi alla Sapienza di Roma giornata di aggiornamento e confronto sulle malattie cutanee ed oncologiche in ricordo del professor Daniel Innocenzi, scomparso dieci anni fa
Dermatologia e terapia fotodinamica: la luce che guarisce
La terapia fotodinamica è una metodica non invasiva utilizzata per il trattamento di carcinomi cutanei o di forme precancerose, come le cheratosi attiniche, alcune forme di carcinoma basocellulare e la malattia di Bowen, e si basa sull’utilizzo di una sostanza che, posta sotto una specifica fonte luminosa, si attiva provocando la morte delle cellule tumorali […]
Il raggio laser “amico per la pelle”, ecco come cura e ringiovanisce
Trattamento versatile e sicuro con indicazioni praticamente infinite, da quelle terapeutiche come l’acne, melasma, esiti di cicatrici a quelle estetiche per eliminare gli effetti del fotoinvecchiamento come macchie e rughe. La novità presentata al Terzo Congresso Nazionale del Gruppo Italiano Laser in Dermatologia che si è svolto a Roma è “un approccio integrato tra le […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...