Salute 10 Novembre 2020 08:20

Chirurgia robotica, all’Hesperia di Modena asportato un tumore alla vescica in collegamento con gli Usa

Il professor Ferrari, direttore del dipartimento di Urologia, elogia il robot Da Vinci ma avverte gli studenti: «Non dimenticate il fattore umano»

di Federica Bosco
Chirurgia robotica, all’Hesperia di Modena asportato un tumore alla vescica in collegamento con gli Usa

Digitalizzazione e telemedicina per affrontare interventi complessi anche al tempo del Covid. È quanto accaduto nel mese di ottobre all’Hesperia Hospital di Modena dove è stato realizzato il primo intervento di cistectomia radicale robotica, con l’asportazione della vescica per tumore maligno e la ricostruzione delle vie urinarie utilizzando l’ultimo modello del Robot Da Vinci. L’intervento è stato eseguito dal professor Giovanni Ferrari, direttore del dipartimento di Urologia dell’Hesperia Hospital di Modena, gruppo Garofalo Health Care, in collegamento in diretta con il padre della chirurgia robotica, il professor Crivellaro dell’Università di Chicago in Illinois. Un lavoro in sinergia che è stato possibile grazie alle nuove tecnologie applicate alla medicina.

IN COLLEGAMENTO CON L’ILLINOIS L’OCCHIO VIGILE DEL PADRE DELLA CHIRURGIA ROBOTICA

«Essendo una struttura privata unica in provincia, oltretutto no Covid, abbiamo accolto i reparti di urologia dell’ospedale pubblico e dell’università – spiega il professor Ferrari raggiunto via Skype –. Nello specifico il percorso della chirurgia robotica e con il laser è stato fatto in collaborazione con l’Università dell’Illinois. Operare insieme in queste situazioni ci permette di intraprendere nuovi interventi senza rischio per i nostri pazienti – analizza il direttore di Hesperia Hospital –. Si tratta del Robot Da Vinci che in pratica ci permette, attraverso una console simile a quella collocata presso l’università americana, di lavorare sul paziente con l’occhio vigile del chirurgo oltreoceano in grado di seguire l’operazione, intervenire se necessario, o semplicemente facendo da scuola guida nel ruolo di tutor, aiutandoci passo dopo passo».

TECNOLOGIA SI, MA SENZA DIMENTICARE IL FATTORE UMANO 

«Nel caso particolare del trattamento della prostata questa tecnologia permette di avere una visione intraoperatoria, una maggiore angolazione nei movimenti e più stabilità nella mano dell’operatore». Una serie di vantaggi che il direttore del dipartimento di Urologia snocciola uno dopo l’altro per arrivare anche all’aspetto economico, che non può essere trascurato quando si affrontano interventi complessi con equipe internazionali: «Questo ponte con gli Stati Uniti ci permette di fatto di ridurre i costi – aggiunge Ferrari – e in questo periodo particolare rappresenta un elemento di primaria importanza perché rende più tranquilla e serena la possibilità di tutoring e di crescita senza la necessità di spostarsi da un Paese all’altro».

Tecnologia sì, ma il professor Ferrari non tralascia anche il fattore umano che nell’esercizio della professione medica è essenziale, e invita specializzandi e studenti di ultima generazione a riflettere su uno slogan. «Ai giovani che sono attratti dalla tecnologia e da queste enormi opportunità che offre il web, essendo loro nativi digitali, direi che un occhio deve essere sempre riservato al contatto umano e all’empatia che non deve mai mancare con i pazienti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Rai e Airc insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
Dal 6 al 13 novembre, per otto giorni, Rai e Airc uniscono le forze nella campagna I Giorni della Ricerca. L'obiettivo è di lavorare insieme oggi per rendere il cancro più curabile domani
I prodotti per stirare i capelli raddoppiano il rischio di cancro all’utero
Uno studio americano ha scoperto che le donne che utilizzano i prodotti per stirare i capelli hanno l'80% del rischio in più di sviluppare il cancro all'utero
Studio “boccia” la colonscopia, forse inutile come strumento di screening
Un importante studio pubblicato sul New England Journal of Medicine indica che l'impatto della colonscopia sulla riduzione della mortalità sarebbe minimo
I bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro
Uno studio pubblicato sulla rivista Plos Medicine mostra che i bambini nati da embrioni congelati sono più a rischio cancro dei bambini concepiti naturalmente
Biopsia liquida: la nuova strategia per battere il cancro sul tempo
Secondo lo studio italiano Chronos, grazie ad un semplice prelievo di sangue è possibile avere informazioni precise sul tumore di cui un paziente è affetto, rilevando le alterazioni che possono renderlo più sensibile o resistente alle terapie oncologiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa