Lavoro 6 Novembre 2020 10:56

Coronavirus, Bassi (Statale Milano): «Così la buona comunicazione giova a medico e a paziente»

Intervista alla docente di Comunicazione e relazione in medicina. La rivista Nature: «Si è aperto un nuovo canale fra clinico e pubblico, va conservato»

di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, Bassi (Statale Milano): «Così la buona comunicazione giova a medico e a paziente»

Sono tanti gli aspetti riguardo i quali l’epidemia da coronavirus rappresenterà un cambio di paradigma probabilmente definitivo: fra questi c’è di certo la comunicazione fra mondo medico e opinione pubblica e anche fra medico e paziente. Un intervento sull’autorevole Nature fa notare che «la consapevolezza pubblica sui temi della ricerca medica sta decollando, gli scienziati sono fuori dai laboratori e interagiscono direttamente con il pubblico (…). Mentre le tradizionali barriere di comunicazione vengono meno, non solo fra gli scienziati ma anche fra il mondo scientifico e l’opinione pubblica, i ricercatori devono farsi forti dell’opportunità di poter raggiungere le persone oltre i muri dei propri laboratori e ripensare il ruolo che vogliono giocare nella società intesa in senso ampio». Secondo una delle principali pubblicazioni scientifiche mondiali, infatti, «è davvero importante che questo canale di comunicazione diretto fra medico e paziente rimanga aperto» anche nei giorni successivi alla pandemia.

La professoressa Marta Bassi, psicologa di formazione, tiene il corso di Comunicazione e relazione in medicina presso il Polo Vialba dell’università Statale di Milano. Sanità Informazione l’ha raggiunta per un’intervista telefonica nella quale, ha spiegato la professoressa Bassi, una delle prime questioni da sottolineare è come la proiezione pubblica del medico, sia nel rapporto con i pazienti sia nel rapporto con una più vasta audience, richieda un approccio multidisciplinare che deve tenere insieme le scienze cliniche, quelle psicologiche e quelle sociali.

«Anche in questa fase pandemica rimangono valide alcune regole generali che definiscono il rapporto medico–paziente. La persona che si rivolge ad un medico deve potersi relazionare con un professionista che sia prima di tutto un ascoltatore, che sappia comprendere il portato del paziente e quali siano le sue credenze riguardo alla propria condizione di salute. Ognuno, in generale, prima di arrivare in ospedale si è già fatto una sua diagnosi, si porterà dietro un vissuto e delle paure; così il rapporto deve mantenersi interattivo e reciproco, cosa che a volte non avviene. C’è poi l’altro piano, quello della comunicazione di massa, in cui il dato scientifico deve poter essere compreso da tutti o comunque spiegato il meglio possibile, fermo restando la complessità e l’incertezza che caratterizzano il fenomeno patologico».

Ha visto cambiare in qualche modo la relazione fra medico e paziente in questi difficili giorni di pandemia, professoressa?

«Moltissimo. In questi mesi ho mantenuto i contatti con alcuni colleghi dell’Ospedale Sacco a Milano e ho condiviso quel che stavano vivendo, anche se a distanza. Le modalità di relazione sono chiaramente diverse, oggi mediate dal fatto che medico e paziente devono portare la mascherina e i DPI. Tutto ciò riduce la comunicazione non verbale e la vicinanza fisica. Nei casi in cui il medico è tenuto ad  indossare la tuta protettiva, apporre il proprio nome diventa un gesto importante perché aiuta il paziente a umanizzare e identificare chi si sta prendendo cura di lui. Questa condizione di emergenzialità ha preso alla sprovvista anche il personale sanitario e questo è un dato nuovo, lo ha reso più umano nella percezione del paziente. Questo può portare ad una alleanza più profonda sul piano relazionale e terapeutico che va a rafforzare, anziché scalfire, l’autorevolezza del medico».

Dunque come sostiene Nature alcuni dati caratterizzanti questi giorni sono nelle condizioni di rimanere anche nel futuro.

«Io credo di sì. Oggi l’epidemia ha sfidato le conoscenze della medicina e accanto dunque alla certezza, che rimane condivisa, che la scienza medica e le competenze cliniche del medico siano elementi essenziali, torna più che mai alla ribalta la centralità della relazione. La relazione e la comunicazione sono parte integrante del processo di cura, non devono essere solo un tratto associato a questa emergenza. Anche perché su questo abbiamo dei dati incoraggianti».

Ci spieghi.

«Risultati preliminari di uno studio che stiamo conducendo sembrano mostrare che una relazione empatica  nei confronti del paziente possa favorire il ritorno alla vita quotidiana  dopo l’esperienza in ospedale. Questi dati vanno a sommarsi a quanto già emerso nella letteratura scientifica, ossia che una relazione empatica ha un incredibile effetto motivante negli operatori: se io ti aiuto e lo sto facendo bene, questo rappresenta un fattore motivante anche per me medico. Una buona relazione giova insomma sia al medico che al paziente, è virtuosa per entrambi».

C’è poi l’aspetto più “massmediologico” del ruolo ormai pubblico del medico, fra televisione, ospitate, radio, presenze fisse…

«Su questo molto si è detto e non voglio aggiungere. Mi preme però sottolineare una cosa che mi sta molto a cuore e cioè che fra il singolo paziente e il vasto pubblico ci sono quelli che, definirei, corpi intermedi. È bene che tutti i professionisti della salute tengano sempre in considerazione l’esistenza delle associazioni dei pazienti e dei loro famigliari. Parliamo di un mondo assolutamente fondamentale e spesso sottovalutato, in grado di fare da ponte nel dialogo tra il macro e il micro».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Comunicazione del rischio: esperti a Venezia contro la disinformazione
Per affrontare in maniera efficace le emergenze sanitarie, ambientali (e non solo) del futuro a Venezia leader ed esperti della comunicazione provenienti da tutto il mondo. Obiettivo: elaborare strategie di contrasto alla disinformazione e promuovere miglioramenti all’ecosistema informativo
di Redazione
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Covid-19, che fare se...?

Che differenza c’è tra Australiana e Covid-19?

In questo periodo è molto più difficile riuscire a distinguere tra Australiana e Covid-19, ci sono piccole differenze che può essere importante valutare. Ma per sciogliere ogni du...