Salute 1 Dicembre 2020 09:15

Chirurgia estetica, boom di interventi: dopo il Covid +30%

Lo specialista: «Mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione le operazioni più richieste. Prese tutte le precauzioni per andare in sala operatoria in sicurezza»

di Federica Bosco

Il Covid non ha fermato la chirurgia estetica. Nei mesi dopo il primo lockdown si è stimato un aumento del 30% di richieste. La conferma della tendenza positiva è arrivata dal dottor Ludovico Palla, specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica che dopo tante consulenze a distanza ha ripreso ad operare a Roma e Milano. «Questo periodo di lockdown ha fatto in modo che le persone si interessassero maggiormente alla nostra disciplina – motiva lo specialista che ha fatto parte della Breast Unit del Policlinico Tor Vergata di Roma –. Hanno avuto un periodo abbastanza lungo per riflettere sulla propria fisicità e questo ha incentivato molte persone, nella maggioranza donne, a sottoporsi ad interventi di chirurgia estetica».

Regole differenti per ogni regione

Lavoro a distanza e più tempo da dedicare alla cura del proprio corpo sono le principali motivazioni di un incremento in particolare di interventi di mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione che nella seconda ondata di pandemia non si sono fermati.

«In questo momento storico abbiamo delle regole a cui dobbiamo attenerci, differenti per ogni regione. E questo per la verità è un limite per chi, come me, opera su più territori. Dal mio punto di vista, infatti, dovrebbe esserci una maggiore uniformità con direttive precise dall’alto. In ogni caso i pazienti che devono essere operati necessitano di tampone molecolare che non deve avere più di 48 ore, mentre tutta l’equipe fa uno screening continuo in modo tale da avere la massima tranquillità, per quanto possibile. D’altra parte, non si può fermare il lavoro completamente; occorre evitare interventi lunghi, doppi o che possono tenere il paziente troppe ore in sala operatoria. Quindi interventi di chirurgia estetica sì, ma selezionati».

Vademecum per operatori e pazienti

Per far fronte alla crescente domanda post lockdown, la Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva, rigenerativa ed estetica (Sicpre) ha redatto anche un vademecum per visite, trattamenti e interventi. Nel caso di pazienti reduci da Covid le regole sono ancora più stringenti. «Negli ultimi due mesi devono avere almeno tre tamponi negativi – precisa Palla -, viene fatto un RX del torace per capire se ci sono stigmate della malattia e viene fatta una valutazione anestesiologica su ogni singolo paziente. Mentre all’inizio non c’erano mascherine, protezioni e c’era molta confusione, ora sappiamo come muoverci e questo è molto importante».

A beneficiare di un comparto che non si è fermato in questa seconda fase, sono soprattutto le donne reduci da mastectomia per tumore mammario. «In quel caso il ruolo del chirurgo estetico è fondamentale per la donna che si trova ad affrontare un intervento invasivo per un carcinoma mammario – conclude lo specialista -. Uscire dalla sala operatoria con un seno ricostruito è un fattore determinante per la ripresa della donna da un punto di vista fisico ed emotivo, da non trascurare assolutamente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nuovo report Cabina di Regia: «Scende incidenza ma terapie intensive ancora sopra soglia critica»
Brusaferro: «Rt in decrescita. L’occupazione delle terapie intensive è ancora sopra il 41% e quella delle aree mediche è superiore al 44%». Rezza: «Variante inglese non può essere più definita variante: è il nuovo ceppo»
Studio Tsunami, il plasma non riduce rischio di peggioramento o morte dei malati Covid
Intervista al coordinatore dello studio Francesco Menichetti: «Debole segnale di vantaggio solo in pazienti senza grave insufficienza respiratoria»
di Federica Bosco
Covid-19, Draghi: «I vaccini ci sono. Priorità ai più fragili per riaprire tutto»
Locatelli: «Fiducia su AstraZeneca. Eventi avversi estremamente rari»
Terapie domiciliari Covid, Senato approva Odg che impegna governo ad aggiornare protocolli e linee guida
Una mozione della Lega è stata trasformata in Ordine del giorno sottoscritto da tutti i partiti. Previsto anche un tavolo di monitoraggio ministeriale. Soddisfazione da parte di Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Terapie Domiciliari
Anticorpi monoclonali, dagli infettivologi appello ai medici di medicina generale per trovare i candidati
Al San Paolo di Milano, uno dei 17 centri della Lombardia autorizzati da Aifa per il trattamento, la professoressa D’Arminio Monforte chiede aiuto ai colleghi di medicina generale per velocizzare i tempi, non affollare il pronto soccorso e attuare la procedura che sta dando ottimi risultati
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...