Salute 1 Dicembre 2020 09:15

Chirurgia estetica, boom di interventi: dopo il Covid +30%

Lo specialista: «Mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione le operazioni più richieste. Prese tutte le precauzioni per andare in sala operatoria in sicurezza»

di Federica Bosco

Il Covid non ha fermato la chirurgia estetica. Nei mesi dopo il primo lockdown si è stimato un aumento del 30% di richieste. La conferma della tendenza positiva è arrivata dal dottor Ludovico Palla, specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica che dopo tante consulenze a distanza ha ripreso ad operare a Roma e Milano. «Questo periodo di lockdown ha fatto in modo che le persone si interessassero maggiormente alla nostra disciplina – motiva lo specialista che ha fatto parte della Breast Unit del Policlinico Tor Vergata di Roma –. Hanno avuto un periodo abbastanza lungo per riflettere sulla propria fisicità e questo ha incentivato molte persone, nella maggioranza donne, a sottoporsi ad interventi di chirurgia estetica».

Regole differenti per ogni regione

Lavoro a distanza e più tempo da dedicare alla cura del proprio corpo sono le principali motivazioni di un incremento in particolare di interventi di mastoplastica additiva, blefaroplastica e liposuzione che nella seconda ondata di pandemia non si sono fermati.

«In questo momento storico abbiamo delle regole a cui dobbiamo attenerci, differenti per ogni regione. E questo per la verità è un limite per chi, come me, opera su più territori. Dal mio punto di vista, infatti, dovrebbe esserci una maggiore uniformità con direttive precise dall’alto. In ogni caso i pazienti che devono essere operati necessitano di tampone molecolare che non deve avere più di 48 ore, mentre tutta l’equipe fa uno screening continuo in modo tale da avere la massima tranquillità, per quanto possibile. D’altra parte, non si può fermare il lavoro completamente; occorre evitare interventi lunghi, doppi o che possono tenere il paziente troppe ore in sala operatoria. Quindi interventi di chirurgia estetica sì, ma selezionati».

Vademecum per operatori e pazienti

Per far fronte alla crescente domanda post lockdown, la Società italiana di chirurgia plastica, ricostruttiva, rigenerativa ed estetica (Sicpre) ha redatto anche un vademecum per visite, trattamenti e interventi. Nel caso di pazienti reduci da Covid le regole sono ancora più stringenti. «Negli ultimi due mesi devono avere almeno tre tamponi negativi – precisa Palla -, viene fatto un RX del torace per capire se ci sono stigmate della malattia e viene fatta una valutazione anestesiologica su ogni singolo paziente. Mentre all’inizio non c’erano mascherine, protezioni e c’era molta confusione, ora sappiamo come muoverci e questo è molto importante».

A beneficiare di un comparto che non si è fermato in questa seconda fase, sono soprattutto le donne reduci da mastectomia per tumore mammario. «In quel caso il ruolo del chirurgo estetico è fondamentale per la donna che si trova ad affrontare un intervento invasivo per un carcinoma mammario – conclude lo specialista -. Uscire dalla sala operatoria con un seno ricostruito è un fattore determinante per la ripresa della donna da un punto di vista fisico ed emotivo, da non trascurare assolutamente».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Terza dose, l’appello di D’Amato agli over 60: «Dopo 180 giorni si può fare il richiamo»
Partita anche la campagna antinfluenzale. L’Assessore: «Numeri molto positivi, è gratuita dai 60 anni in su e tra i 6 mesi e i 6 anni, dal medico o dal pediatra di libera scelta»
Covid e scuole, il Report Gimbe: «Troppo rischioso abbandonare la mascherina»
La Fondazione pubblica un nuovo report con una sintesi delle evidenze scientifiche sull’efficacia degli interventi per migliorare la sicurezza Covid-19 nelle scuole. Le priorità: aumentare coperture vaccinali, non abbandonare la mascherina, potenziare screening e investire su aerazione e ventilazione
Inaugurata Breast Unit a Tor Vergata, Speranza: «Investire nella diagnosi e trattamento del tumore al seno»
Presente anche l'Assessore alla Sanità D'Amato: «Una donna su otto può avere questo problema. La prevenzione è fondamentale: necessario arrivare tempestivamente alla diagnosi e poi alla cura»
I morti per Covid-19 sono davvero meno di 4mila? La risposta dell’ISS
Ma davvero l’Istituto Superiore di Sanità ha scritto nero su bianco che i morti in Italia per Covid sono meno di 4mila (per la precisione 3.783)? Risponde proprio l’Istituto
SIMRI, Midulla: «Non solo Sars-CoV-2. Ci attende una stagione di virus respiratori»
Focus del XXV Congresso SIMRI, in programma a Verona dal 24 al 26 ottobre, nuovi farmaci, sigarette elettroniche e Long Covid. Midulla: «Da un nostro progetto di follow up è emerso che il Long Covid pediatrico non riguarda solo il polmone: il 20-22% di bambini presenta una sintomatologia neuropsichiatrica»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 ottobre, sono 245.021.851 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.972.731 i decessi. Ad oggi, oltre 6,88 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Assicurativo

Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?

Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in qu...