Salute 3 Maggio 2021 16:15

Che fine farà dopo la pandemia la teledermatologia? Rubegni: «Libera scelta al paziente»

Negli Usa i dermatologi sono favorevoli ad utilizzare la telemedicina anche ad emergenza rientrata. L’esperto italiano: «Sarà compito degli specialisti indicare quali tipologie di visite possono essere svolte a distanza e dovere del Sistema Sanitario assicurarne la fattibilità»

di Isabella Faggiano
Che fine farà  dopo la pandemia la teledermatologia? Rubegni: «Libera scelta al paziente»

A causa della pandemia molti medici sono stati costretti a ricorrere alla telemedicina sia per effettuare visite, che per mantenere il contatto con i propri pazienti. Negli Usa questa tecnologia ha conosciuto un vero e proprio boom tra i dermatologi e oggi sta diventando una prassi sempre più consolidata. Nell’ultimo anno, la sua diffusione è aumentata dal 14,1 al 96,9% e oltre la metà di chi l’ha utilizzata prevede di continuare a farlo anche dopo che l’emergenza sarà rientrata.

In Italia, come negli Stati Uniti, è stata l’esplosione del Covid-19 ad aver incrementato l’utilizzo della teledermatologia, anche se i primi esperimenti risalgono ad oltre vent’anni fa. «La diffusione della telemedicina negli Usa, anche in passato, è stata favorita da due principali fattori – spiega Pietro Rubegni, professore ordinario  e direttore dell’Unità Operativa Complessa dell’Azienda Universitaria Ospedaliera di Siena – . Innanzitutto, la presenza di molte zone rurali, lontane dai centri abitati, rende poco agevoli gli spostamenti dei residenti. Poi, il sistema sanitario, fondato per lo più sul privato-assicurativo, ha indirizzato i pazienti verso la telemedicina, una soluzione più economica rispetto alle visite in presenza. La diffusione del Covid-19 ha reso questa esigenza ancora più impellente, tanto che la telemedicina ha cominciato a farsi strada anche tra gli italiani, prima per il divieto di spostamento imposto dal lockdown, poi per la paura di relazionarsi all’altro e di essere contagiati».

Telemedicina sì o no?

Non tutte le visite dermatologiche sono adatte alla telemedicina. A confermarlo la stessa ricerca americana condotta da un gruppo di studiosi della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania di Philadelphia, pubblicata su JAMA Dermatology: per il  95,7% degli specialisti intervistati la teledermatologia non è adatta a quelle visite che prevedono l’esame della pelle di tutto il corpo. Al contrario, ci sono delle condizioni che possono essere tranquillamente valutate a distanza, come l’acne che solo per il 2,6% dei dermatologi americani necessita di un incontro vis à vis.

«In Italia – commenta Rubegni – sono ritenute poco adeguate alla telemedicina le prime visite, mentre del tutto appropriate quelle di follow-up. Anche se, all’esplodere della pandemia, il legislatore ha specificato che la telemedicina può essere impiegata pure per effettuare prime visite che non necessitino dell’impiego di particolari apparecchiature, come ad esempio quella utilizzata per la una mappatura dei nei».

Teledermatologia: per chi è indicata

La telemedicina, oltre che per determinate patologie, ha mostrato la sua efficacia tra alcune fasce di popolazione. «È un valore aggiunto enorme per il trattamento degli anziani per i quali  – sottolinea il dermatologo –  gli spostamenti possono risultare molto più che faticosi. È stato proprio pensando a loro che, nei primi anni duemila, ho immaginato di diffondere la telemedicina. Mi sono chiesto come si potesse giustificare una visita in teledermatologia in luoghi, come le città italiane, dove c’è uno specialista ogni tre portoni. E così ho pensato a quei pazienti per i quali anche percorrere un solo km può equivalere ad un viaggio: gli anziani. Da quel momento, in Toscana, abbiamo cominciato ad utilizzare la teledermatologia all’interno delle case di riposo, le attuali RSA, con grande successo».

Cosa ne sarà della telemedicina

«Un po’ come accade per tutte le nuove scoperte, al boom seguirà un fisiologico calo – assicura Rubegni -. Questo non significa che la telemedicina sia destinata a sparire quando la pandemia sarà finita, piuttosto dovrà trovare la sua giusta collocazione tra i servizi offerti dal Ssn. Sarà compito degli specialisti indicare quali tipologie di visite possono essere svolte a distanza, lasciando alla libera scelta del paziente la decisione di prenotare presso un ambulatorio fisico o online».

Ma stando alla ricerca americana, prima di arrivare  a questo punto qualche ostacolo da superare ci sarà: quasi il 40% dei pazienti ha avuto problemi con la tecnologia e la connessione durante le visite, il 27% ha avuto timori di incorrere in imperizia medica. «La mia esperienza diretta ha dimostrato che anche i più anziani riescono a trovare il modo di collegarsi alla rete, magari cercando il supporto di giovani nipoti. Inoltre, la telemedicina potrebbe permettere di incontrare lo specialista con una cadenza più frequente, così – conclude il professore – da rafforzare il rapporto medico-paziente e diminuire il timore che la distanza possa aumentare la probabilità di errore».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Psoriasi, dermatologi e medici di famiglia alleati per diagnosi precoce e aderenza terapeutica
Panasiti (Campus Bio-Medico): «Dermatologi possono spegnere quasi tutte le forme di psoriasi». Misericordia (FIMMG): «Medici di famiglia fondamentali per riconoscere i primi segni della malattia e accompagnare il paziente nel follow up»
“Sviluppo tecnologico nelle malattie cardiovascolari”, il 26 e 27 novembre torna Ciociaria Cuore
A Ferentino due giorni dedicata agli sviluppi nel campo delle malattie cardiovascolari: tra gli ospiti il genetista Giuseppe Novelli e il professore emerito di cardiologia Francesco Fedele. Tra i focus quello sulla chirurgia robotica e sull’ospedale virtuale
di Francesco Torre
Telemedicina e privacy, i rischi. Galiano (C&P): «Per i sanitari un controllo occulto del lavoro, per i pazienti un utilizzo improprio dei dati»
Come tutelarsi? Il legale: «È dovere del medico offrire l’informativa sui dati personali. Per trasferire dati al fascicolo elettronico o utilizzarli per finalità di ricerca o statistiche il paziente deve firmare un apposito consenso»
di Isabella Faggiano
L’86% degli italiani ha utilizzato la telemedicina per la prima volta durante la pandemia
L’Italia è fra i paesi europei che ha dichiarato che userà di più la telemedicina in futuro (71%) dopo la Francia (72%). Il 45% degli italiani l’ha trovata molto comoda per evitare contagi, ma un 22% non ha ancora l’intenzione di provarla perché preferisce il rapporto personale o non si fida
Telemedicina, oltre 2 mila exabyte di dati sanitari generati in un solo anno. Dove vanno a finire?
Ferrara (ingegnere): «Necessario realizzare un Clinical data Repository, un sistema di raccolta dati simile al Data Warehouse usato nel settore amministrativo. Inutile ideare tante soluzioni di telemedicina, se tra loro non comunicano»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 gennaio, sono 351.635.821 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.596.877 i decessi. Ad oggi, oltre 9,80 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre